Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Alessandro Bruzzi

Agente Immobiliare, nato mercoledì 2 luglio 1975 a Carrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: BrutalBruzzi

Tu sei la mia tentazione...

Come onde del mare,
i tuoi capelli s'increspano in una cascata dorata,
mentre i tuoi occhi penetrano nei miei,
ti guardo come in estasi e mi perdo nei miei pensieri dove la tua immagine si riflette,
i contorni del tuo volto fanno da cornice alla tua bocca e nella mia io chiamo i tuoi baci,
tu sei la mia sirena,
la mia musa, la mia amata tentazione...
Alessandro Bruzzi
Composta giovedì 3 aprile 2008
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BrutalBruzzi

    Drakulia...

    Guardo la tua bocca
    che vorrebbe baciare le mie labbra
    mi abbandono alla tua lingua sul mio collo
    il tuo sguardo sensuale mi rapisce
    sento le tue mani che accarezzano il mio petto
    mentre le tue cosce di seta
    stringono i miei fianchi...
    Ti abbraccio stretta
    non vorrei più separarmi  dal profumo della tua pelle,
    i tuoi capelli sono di raso
    come fruste nere di cuoio corrono lungo la tua schiena
    ma è come un bel sogno che finisce
    i tuoi canini sprofondano nelle mie vene
    il tuo seno o donna mortale è così bello
    lo guardo mentre ti nutri della mia essenza
    i tuoi seni sono due calici d'argento
    e i rivoli di sangue scivolano sulla bianca epidermide
    mi lasci riverso sul mio letto
    diventi crudele
    quando sei sazia...
    Tu sei una Seduzione Letale!
    Alessandro Bruzzi
    Composta lunedì 11 marzo 2002
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BrutalBruzzi

      Estasi dopo il sogno...

      Il tintinnio del ghiaccio contro il
      Vetro del bicchiere,
      il Jack Daniel's è scivolato sulla lingua
      giù  nella gola che adesso brucia,
      Lei che si è rivestita nella penombra della camera da letto.
      Ora lei è andata via,
      e i nostri corpi dopo un abbraccio vorticoso
      con la pelle contro pelle
      sudano stanchi di un orgasmo sublime.
      Nella penombra della camera da letto,
      di nuovo il tintinnio del ghiaccio contro il vetro del bicchiere...
      Dopo l'Estasi!
      Alessandro Bruzzi
      Composta lunedì 8 agosto 2005
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: BrutalBruzzi

        La mia Città... (Dragontown)

        Vorrei capire dove
        la mia mente
        vuole  portare i miei desideri,
        non riesco ancora a vedere
        la mia Città.
        La Città dei draghi
        mi aspetta,
        devo entrarci
        là  è dove la solitudine non può
        trovare il percorso
        dei miei sogni.
        È nella Città dei
        Draghi che dimorano
        i Cristalli dell'Amore.
        Alessandro Bruzzi
        Composta mercoledì 20 marzo 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: BrutalBruzzi
          L'Estate finisce,
          si porta via ciò che noi,
          con fatica, avevamo costruito:
          sogni e speranze
          di amori inutili mai
          corrisposti,
          foglie secche spazzate via
          dal vento della solitudine che
          ride beffarda e crudele,
          Lei ha vinto di nuovo.
          L'Autunno ci attende,
          coi nostri dolori,
          per ricordarci che l'Estate
          non muore mai!
          Alessandro Bruzzi
          Composta martedì 2 luglio 1996
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: BrutalBruzzi

            Consigli...

            Camminavo
            sulla spiaggia con Gesù,
            mi confidavo con lui,
            gli spiegavo i miei sogni,
            i miei progetti,
            le mie aspettative,
            i miei peccati,
            le mie mancanze,
            la mia pigrizia nella fede...
            lui sorrideva,
            a tratti socchiudeva gli occhi,
            a volte quasi sembrava si mettesse a piangere,
            non di gioia ma di dolore...
            Non parlava mai,
            ascoltava attento e mi guardava fisso nelle pupille,
            volevo vedere le sue labbra muoversi
            ma nessuna parola
            usciva dalla sua bocca...
            Poi mi ha salutato.
            Radioso come il sole.
            Lasciandomi solo con le mie paure e i miei dubbi.
            Sono rimasto sulla spiaggia
            a guardare le onde del mare che erano di un verde intenso
            che si univa al blu del cielo...
            volevo forse consigli?
            Alessandro Bruzzi
            Composta giovedì 15 marzo 2001
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: BrutalBruzzi

              Helmassira...

              Il piede straniero
              Non calpesta più la sabbia del deserto,
              la terra torna
              nel seno della Patria
              Madre buona e severa.
              E nel vento caldo
              e nella pioggia di fuoco
              Allah chiama Re Hassan ii°
              a guidare il suo popolo
              Nella Marcia Verde
              della riconquista e della festa!
              Marakech applaude trecentocinquantamila figli del Sahara
              Il Corano e la Bandiera
              Sono le armi
              a Semar le donne
              Partoriscono la Libertà
              Edakhla e Laayoune
              Cantano l'Unità
              Come l'Oceano che
              Scaglia le sue onde impetuose sugli scogli
              e sulla spiaggia
              Gridando alla sua gente:
              "Nessuno mai potrà dividerci!"
              Guerat festeggia il trionfo
              Della Nazione e del suo Condottiero
              i datteri al sole brillano come diamanti
              e le stelle nella notte
              Formano un tappeto argentato
              Dono al suo popolo di Dio.
              Re Hassan adesso è un fiore
              Affonda le sue radici nel cuore della sua Terra
              e il suo nome è ricordato nella Storia
              Il suo pensiero vive
              Con Re Mohamed iv°
              Ancora una volta
              Il vento chiama
              i figli del deserto!
              Alessandro Bruzzi
              Composta sabato 30 giugno 2001
              Vota la poesia: Commenta