Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Invito

Ti invito al mio funerale.
Un invito strano! Non ne ha eguale.
È un invito esteso per ogni ceto sociale.
Non puoi mancare
Mi farà piacere sapere che farai parte di questa compagnia
Ti aspetta tanta musica, vino e sangria.
L'allegria non può mancare è stata la prima che ho dovuto invitare.
Vieni vestita con l'abito della festa, sceglierai un mio souvenir di quel che resta.
E già!
C'è chi arriva dall'eternità, e chi fa il viaggio per l'aldilà.
E già!
Il mio invito ti giunge come una sorpresa.
Non è poi stata un'impresa
La mia richiesta è un tocca sana s'invita chi si ama.
Controllerai chi è venuto.
E assicurati che abbia bevuto.
Non voglio fiori, lacrime in questa festa.
Questo invito non vuole risposta.
Non ho usufruito della posta.
Evviva la festa per colui che resta.
Ada Roggio
Composta venerdì 28 giugno 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Non voglio

    A venti anni.
    Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
    Imparavo e creavo
    A trenta anni.
    Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
    Imparavo e creavo
    A quaranta anni.
    Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
    Imparavo e creavo.
    A cinquanta anni.
    Non voglio morire ho tanto da imparare dico.
    Imparo e creo.
    A volte mi sento d'essere immortale, voglio tanto imparare.
    Arriverò all'età destinata da Dio.
    Vorrò ancora imparare per continuare a creare.
    Ada Roggio
    Composta mercoledì 19 giugno 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Orgoglio

      Mi manchi, mi mancherai.
      Ti manco, ti mancherò.
      Approdati sulla stessa spiaggia del non ritorno.
      Orgoglio ferito.
      Lasciate le ali mentre si spiccava il volo, siamo caduti come angeli dal cielo.
      Vite parallele, vite spezzate, vite rubate, vite separate... per sempre.
      Orgoglio ferito.
      Il cuore si ribella, passa il tempo il ricordo di noi è sempre più bello.
      Mi manchi, ti mancherò.
      Indietro non tornerò.
      Ada Roggio
      Composta venerdì 21 giugno 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Piccola

        Ho conosciuto te, semplice e bella, piccola,
        Piccola dal carattere ribelle.
        Piccola che raccontavi che facevi tante cose belle.
        Piccola sempliciotta.
        Ti trasformavi in donna elegante quando avevi un evento importante.
        Piccola
        Ti vestivi jeans e maglione anche se c'era il sole.
        Piccola
        Giocavi a far la donna, quando invece avevi poco più gli anni dell'adolescenza.
        Piccola
        La storia, come va a finire fino in fondo non si sa.
        Il tempo può trasformare, se il tuo cuore dice di amare.
        Ada Roggio
        Composta giovedì 20 giugno 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Amore strano

          Basta ti lascio, non ti voglio più.
          Non voglio più saperne niente di te, mi fai schifo.
          Amore finito. No.
          Amore strano.
          Come stai? ci vediamo?
          Si ricomincia la tiritera, restiamo amici!
          Amore strano.
          Dove vai? con chi sei? cosa fai?
          Ma non vi eravate lasciati?
          Amore strano.
          Insieme con lui non ci voglio stare.
          Restiamo amici. vabbè!.
          Legando la persona a te.
          Tra la speranza e la ripresa.
          Amore strano.
          Poi l'insicurezza, ammettere a se stessi che è solo dolore.
          Decisione definitiva, adesso basta ha deciso.
          Pianti, sofferenze, vorresti ritornare.
          Ma non eri tu che non volevi saperne più?
          Amore strano
          Se questo lo chiami amore!
          Adesso cammina con i suoi passi.
          La sua mente fa da padrona.
          Il suo cuore ha trovato la forza di continuare a sorridere.
          Il tempo è il vero padrone dell'amore.
          Ada Roggio
          Composta mercoledì 19 giugno 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Solo tu sai se è vero amore

            Ma a che gioco vuoi giocare?
            Legare una persona a te, per farle male?
            Gioco pericoloso!
            Gioco astuto!
            A differenza dei tuoi anni, che non sono tanti.
            Ferisci e poi riprendi cio che resta, di un amore che ti ha dato alla testa.
            L'amore non è un gioco.
            L'amore non va maltrattato.
            L'amore è la parte migliore che c'è. Ti fa sentire regina o re.
            E se poi è un amore in conflitto allora dai un taglio al passato.
            Vivi il presente se è quello che ami di più veramente.
            Ascolta il tuo cuore, hai fatto un po' di confusione.
            Se il tuo cuore è stato rapito, corrili incontro il vero amore non è finito.
            Se invece vince l'orgoglio hai gettato l'amore sullo scoglio.
            Adesso ascolta bene l'amore non ha catene, vive libero nel tuo cuore.
            Solo tu sai se è vero amore.
            Ada Roggio
            Composta mercoledì 19 giugno 2013
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              La cosa più bella

              La cosa più bella che ho è la vita.
              Grazie Dio per avermi dato questo dono immenso.
              Ho potuto gioire delle gioie.
              Ho potuto assaporare l'odore della terra.
              Ho potuto sentire le brezze del mare.
              Ho potuto avere un padre e una madre.
              Ho potuto avere una famiglia.
              Ho potuto avere la mia famiglia.
              Ho potuto avere il dono più grande di una madre, i figli.
              Grazie Dio per avermi dato questo dono immenso.

              La vita.
              Ada Roggio
              Composta venerdì 7 giugno 2013
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Piccola donna

                Donna.
                Non fidarti mai grida la mamma.
                Non fidarti mai grida papà.
                Non fidarti ti vien detto da chi ti vuole bene.
                Fai orecchie da mercante.
                Donna, piccola donna metti la gonna, la minigonna
                Infili anche i pantaloni, siete milioni.
                Capelli lunghi volano al vento.
                Sei cambiata in un momento.
                Alla sera sei bella da fare male, hai voglia di cambiare.
                Porti tacchi a spillo, esci di casa al primo squillo.
                Piccola donna dalla pelle di velluto.
                Attenta all'uomo astuto.
                Lui ti scruta, ti segue, ti vede.
                Lui è nascosto nell'ombra, è sempre in agguato.
                Piccola donna dalla pelle di velluto.
                Attenta all'uomo astuto
                Guarda un po' cos'è accaduto a chi lo ha creduto!
                Non fidarti mai di chi ti regala le stelle, luminose e belle.
                Attenta all'uomo astuto, ti toglie il sorriso
                Non fidarti mai di chi ti regala il sole, che scalda il cuore.
                Attenta all'uomo astuto, ti toglie l'amore
                Non fidarti mai di chi ti regala vanità, bella e attraente.
                Attenta all'uomo astuto, ti toglie la dignità.
                Attenta all'uomo astuto, ti toglie la vita, per te è finita.
                Ada Roggio
                Composta venerdì 8 marzo 2013
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Ada Roggio

                  La dedico a te

                  La dedico a te.
                  Incuriosita adesso leggerai
                  Vuoi scoprire cosa ho da dirti?.
                  Non posso permettermi di continuare a vedere, e far finta di non aver visto.
                  Non posso permettermi di continuare a sentire, e far finta di non aver sentito.
                  Non posso permettermi di essere tanto ipocrita, al nostro incontro sorriderti ogni volta.
                  La tua è una grande carognata.
                  L'amore non si compra.
                  L'amore non s'illude, tu lo illudi.
                  L'amore non si raggira, tu lo raggiri.
                  L'amore non si beffa, tu lo beffi.
                  L'amore non si deride, tu lo deridi.
                  L'amore è finito, oh! non è mai esistito.
                  Condannato per averti incontrato, amore malato.
                  Maledetto quel giorno per lui benedetto.
                  Non so come ti senti ogni notte che vai a letto.
                  Sonnecchi ridendo sperando domani un giorno nuovo cosa darà.
                  Adesso ci sono io.
                  Accanto a me siamo tanti.
                  Per dirti togliti davanti.
                  Ada Roggio
                  Composta martedì 28 maggio 2013
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Ada Roggio

                    Inevitabile

                    Non posso più amarti,
                    ma t'amo ancora.
                    Non posso più pensarti,
                    ma ti penso ogni ora.
                    Non posso più vederti,
                    ma ti vedo nei miei occhi.
                    Non posso più sentirti,
                    ma ti sento nella mia mente.
                    Non posso più averti,
                    ma ti porto dentro la mia anima.
                    Inevitabile.
                    Porto per sempre il dolce ricordo
                    della vita che mi ha ridato la vita.
                    Sei tu.
                    Ada Roggio
                    Composta sabato 20 novembre 2010
                    Vota la poesia: Commenta