Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Perplessità

Se la mia vita fosse un film.
Lo cancellerei.
Se la mia vita fosse un racconto.
Lo strapperei.
Se la mia vita fosse una poesia.
La dissolverei.
Eh...
Se la mia vita fosse un tema.
Se la mia vita fosse un racconto.
Se la mia vita fosse un giallo.
Se la mia vita fosse un romanzo.
Se la mia vita fosse un trailer.
Se la mia vita fosse uno show.
Se la mia vita fosse un'avventura.
Se la mia vita fosse un film dell'orrore.
La vita di ognuno di noi diversa.
La vita di ognuno di noi dispersa.
La vita di ognuno di noi sembra uguale, ma in realtà nulla è eguale.
Della mia vita prenderei tanti pastelli, tanti colori,
la mano ricca di entusiasmo e di amori.
Amo l'aria, la terra, il mare, amo me stessa, amo la vita, amo la vita della mia vita.
I figli sono la vita infinita.
Ma la realtà e che la vita è una cavalcata ardita.
Allora dipingerei di rosso l'amore, di giallo la passione, di verde la speranza, di azzurro la pazienza, di marrone il calore, di bianco la vita.
Ogni momento che scivola via racchiuso in un colore.
Ognuno di noi alla fine della sua corsa raccoglie il suo colore.
Ada Roggio
Composta mercoledì 21 maggio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Mamma, sto pensando a te

    Mamma, sto pensando a te.
    Mamma, non mi stanco mai di chiamarti mamma.
    Al di la di ogni distesa interminabile c'è il tuo nome
    Mamma.
    Tu sei la sorgente che ha dato vita alla mia vita
    Tu sei la prima persona che si è presa cura di me
    Tu sei la prima mano che mi ha cullato.
    Tu sei la prima mano che mi che ho toccato.
    Già dentro di te eri mia, ero tua.
    Stretti da un cordone ombelicale,
    eravamo un corpo e un'anima.
    Grazie mamma di avermi dato la Vita.
    Ada Roggio
    Composta sabato 10 maggio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Unico

      Per noi tutti tu unico.
      Sei entrato nella nostra vita in silenzio,
      dando ad ognuno di noi
      lezioni di vita,
      aiutandoci, aiutandomi sempre.
      Uomo della pace,
      silenziosamente hai lottato contro il male, che inesorabilmente avanzava.
      Unico hai preparato chi ti era affianco al distacco terreno,
      cercando di dare una ragione.
      Ai tuoi figli hai regalato sempre un sorriso anche nel dolore.
      Lasciando un vuoto ad ognuno di noi.
      Come un gentiluomo con l'ultimo respiro,
      hai salutato la tua sposa.
      Ciao Rino.
      Ada Roggio
      Composta martedì 4 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Donna

        Il valore di ogni donna non ha eguale
        donna
        amata intensamente
        accarezzata
        sfiorata
        donna sublime incanto
        l'uomo della donna non è mai stanco
        lei la stella del mattino
        lei la custode del suo bambino
        lei rallegra il cuore, ama con ardore.
        Lei donna giovane, bella
        lei donna mamma, nonna, una stella.
        Lei a qualunque età è la gioia da conquista.
        Ada Roggio
        Composta martedì 25 febbraio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          8 marzo festa della donna

          A te che sei il centro di ogni pensiero.
          A te che sei il sole.
          A te che sei la stella.
          A te che sorridi, quanto sei bella.
          A te che regali amore.
          A te che dai tutto il tuo calore.
          A te che sei donna armoniosa, eccoti una rosa.
          Rosa che parla d'amore per ogni donna.
          Rosa vellutata, la donna va sempre amata.
          Ogni giorno, ogni istante.
          Come in un romanzo, buon otto marzo.
          Ada Roggio
          Composta lunedì 24 febbraio 2014
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Speranze

            Dietro le grate di un cielo verde.
            Occhi.
            Occhi grandi.
            Occhi piccini.
            Occhi invecchiati.
            Occhi stanchi.
            Occhi ricchi di speranza.
            Sono lì dietro le grate del mondo ad aspettare.
            Mentre il mondo ricco di avarizia.
            Falsità.
            È chiuso dalle mani nere che lo trattengono.
            Mani ricche.
            Mani sovrane.
            Mani nere che hanno imprigionato l'umanità.
            Mentre il lusso primeggia oltre le grate.
            Ada Roggio
            Composta venerdì 21 febbraio 2014
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              Speranze

              Dietro le grate di un cielo verde.
              Occhi.
              Occhi grandi.
              Occhi piccini.
              Occhi invecchiati.
              Occhi stanchi.
              Occhi ricchi di speranza.
              Sono lì dietro le grate del mondo ad aspettare.
              Mentre il mondo ricco di avarizia.
              Falsità.
              È chiuso dalle mani nere che lo trattengono.
              Mani ricche.
              Mani sovrane.
              Mani nere che hanno imprigionato l'umanità.
              Mentre il lusso primeggia oltre le grate.
              Ada Roggio
              Composta venerdì 21 febbraio 2014
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Lettera

                Carissimi, qui c'è tanta gente che sta male.
                Il male del secolo primordiale continua a fare strage,
                a fare male.
                I bambini, giovani sono come un fiume in piena.
                Madri, e padri una marea che lottano quotidianamente con il maledetto male che attanaglia l'umanità da tempo.
                Io rivolgo le mie parole a chi ancora ha denaro in quantità,
                si permette di lussureggiare,
                si permette di avere lauti guadagni.
                Oggi tocca a me domani potrà toccare a te,
                il tuo dolore non sarà diverso dal mio dolore.
                Alla fine saremo entrambi al cospetto e non potrai portare con te lusso e agiatezza,
                non avrai alcuna agevolazione.
                Forse capirai che sei stato una delusione.
                Un piccolo esame,
                tendi la mano a chi oggi chiede disperatamente aiuto.
                Alla fine saremo entrambi al cospetto e cammineremo insieme sereni.
                Ada Roggio
                Composta giovedì 16 gennaio 2014
                Vota la poesia: Commenta