Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Preghiera d'amore

Dio è in mezzo a noi.
Ama l'aria, lei è vita.
Ama la terra, lei è vita.
Ama il sole, lui è vita.
Ama il cielo, lui è vita.
Ama l'acqua, lei è vita.
Ama i tuoi fratelli, sono vita.
Ama tua madre, lei è vita.
Ama tuo padre, lui è vita.
Ama l'amico, lui è vita.
Ama il nemico, lui è vita.
Ama la vita, è gioia infinita.
Ama il povero, lui è vita.
Ama Dio.
Teneri abbracci.
Ama i valori.
Ama Dio, lui è vita.
Noi pastori del popolo di Dio.
Dio cerca tutti, non lascia nessuno.
Dio cerca tutti per darci la sua misericordia.
Dio cerca tutti per darci il suo amore.
Gesù è maestro di vita.
Gesù è gioia infinita.
Gesù è speranza.
Gesù è libertà.
Gesù è vita.
Dio è amore, vita.
Dio è libertà.
Dio non delude mai.
Dio ti ama.
Ada Roggio
Composta venerdì 29 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio
    Preghiera del giorno.
    Signore,
    vorrei tanto che ci sia la pace,
    pace tra la gente, pace nella vita,
    pace quotidiana, pace in tutte le famiglie.
    Vorrei che impariamo dai propi errori a evitare infiniti dolori.
    La Vita è una sola,
    non abbiamo un'altra opportunità.
    Dobbiamo cercare di superare tutte le avversità.
    Dobbiamo cancellare lacrime,
    dobbiamo cancellare la falsità,
    dobbiamo amarci di più.
    La guerra non porta altro che infinito dolore.
    Rimettiamo sul viso attonito dei bambini,
    dell'umanità un bel sorriso,
    tanta pace,
    tanta bontà.
    Ada Roggio
    Composta martedì 29 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Cara amica Concetta

      Cara amica Concetta, ti scrivo perché sento il bisogno di dirti grazie di cuore.
      Grazie per la tua amicizia incondizionata.
      Grazie per avermi dato coraggio.
      Grazie per avermi dato la forza di credere che nel mondo ci sono ancora persone vere.
      Grazie per avermi dato la tua mano.
      Grazie per quanto amore metti in quello che fai.
      Grazie per avermi fatto sentire ancora Viva, io che credevo non ci fosse via d'uscita.
      Avevo abbandonato la mia vera identità, ero un artista a metà.
      Le mie mani che tanto hanno creato.
      Tutto avevo abbandonato,
      li in un cassetto vecchio e rotto che il tempo ha logorato per quanto tempo passato.
      All'improvviso sei arrivata tu che hai ridato un senso a tutto quanto.
      Prendendo, portando, evidenziando, sgomitando tra fardelli e scatoloni.
      Riportando in Vita il mio grande Amore, quello che riesce a esprimere il mio cuore "Arte"
      Questo amore a volte proibito, non capito.
      Questo amore che riesce a farmi navigare in questo grande mare che non da pace.
      Questo amore che nasce, cresce, senza una parola.
      Questo amore che sa di sereno, di luce, di Vita.
      Questo amore che riesce a farmi superare ogni dolore.
      Questo amore, questa creatività, che male non fa.
      Non getto denaro, tutto è realizzato con il riciclo,
      molto è quello trovato, molto quello che mi hanno regalato.
      Abiti smessi, bigiotteria, borse, cinture,
      tendaggi in quantità fanno di me un artista della vanità.
      Vanità femminile, tutte le donne vogliono vestire.
      Se ancor oggi qualcuno può vedere quello che ho creato, che creo senza fine,
      lo devo solo a te.
      Grazie Concetta.
      Ada Roggio
      Composta venerdì 25 ottobre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Ci sono gli amici

        Ci sono gli amici di Pensieri e Parole
        a ricordare che presto sarà Natale.
        Per chi è solo, e ha solo ricordi.
        A chi non ha più un bel Natale.
        si può anche sorridere, ricominciare.
        Se non sei in compagnia e tutti sono andati via.
        La Vita è bella per quello che è, per quello che da, da pianti, rimpianti, ricordi, sogni, e tanta voglia di ricominciare, nella Vita non si smette mai di amare.
        Con un po di coraggio mandiamo giù i nostri pensieri...
        Chissà che qualcosa si avveri.
        Ada Roggio
        Composta venerdì 18 ottobre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Mondo

          Il mondo è cambiato, non ci sono più i valori.
          Questo è un mondo ricco, sì, ma di dolori.
          Regna tanta ipocrisia, tanta falsità.
          Sono tutti pronti a giurare con la mano sul cuore,
          di gettare fango sulle persone, pur di scappare dalla povertà.
          Valori inesistenti, o pochi.
          Pochi che scivolano come burro nella assurda falsità.
          Non c'è più amore.
          La corsa per scappare dalla povertà.
          Si cerca denaro da mattino a sera.
          Se non paghi ti mandano in galera!.
          lavoro non ce né
          amore è finito
          questo mondo proibito?
          Ada Roggio
          Composta giovedì 10 ottobre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Ogni giorno ognuno di noi infila un vestito

            Ogni giorno ognuno di noi infila un vestito.
            Mai lo stesso
            c'è chi infila l'abito della felicità
            c'è chi infila l'abito del rancore
            c'è chi infila l'abito dell'amore
            c'è chi infila l'abito dell'orrore
            c'è chi infila l'abito del sorriso
            c'è chi infila l'abito del dolore
            c'è chi infila l'abito della falsità
            c'è chi infila l'abito della bontà
            c'è chi infila l'abito del raggiro
            c'è chi infila l'abito del pianto
            c'è chi infila l'abito del truffatore
            c'è chi infila l'abito della tolleranza
            c'è chi infila l'abito della guerra
            c'è chi infila l'abito della pace
            c'è chi infila l'abito dell'odio
            c'è chi infila l'abito del perdono
            c'è chi infila l'abito dell'avarizia
            c'è chi infila l'abito della giustizia
            c'è chi infila l'abito del terrorista
            c'è chi infila l'abito della conquista
            c'è chi infila l'abito dell'offesa
            c'è chi infila l'abito dell'intesa
            c'è chi infila l'abito della pazienza
            c'è chi infila l'abito dell'ignoranza
            c'è chi infila l'abito della vita
            c'è chi infila l'abito della pace
            c'è chi infila l'abito dell'assasino
            c'è chi infila l'abito del sognatore
            c'è chi infila l'abito del lottatore
            c'è chi infila l'abito della rassegnazione.
            C'è chi infila l'abito dell'illusione

            tra il bene e il male la nostra anima ha un gran da fare.
            Scegliere l'abito più bello, tra il bene e il male.
            L'abito preferito!...
            molto spesso si sbaglia il vestito.
            Ada Roggio
            Composta venerdì 27 settembre 2013
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              Quando nasce un amore

              Quando nasce un amore,
              è favola.
              Quando vivi l'amore,
              è passione.
              Quando sussurri all'amore,
              è complicità.
              Quando nasce, non ti accorgi nemmeno.
              Tutto all'improvviso.
              Entra in punta di piedi, prendendosi tutto.
              Corpo e anima,
              passione travolgente.
              È come l'acqua, ti disseta.
              È come il sole, ti riscalda.
              È come la terra, ti accarezza.
              È come il mare, ti coccola.
              È come il cielo, ti avvolge.
              È come le stelle, ti illumina.
              Mille carezze, mille baci.
              Senza parole.
              Gli sguardi s'incrociano.
              Un nodo in gola.
              Un pugno nello stomaco.
              Brividi lungo la schiena.
              Gambe tremanti.
              Mano nella mano.
              Ti amo.
              Ada Roggio
              Composta mercoledì 25 settembre 2013
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio
                Credevo nelle favole.
                Le favole non sono più le stesse,
                hanno smesso di essere belle.
                Non hanno più il lieto fine.
                Non c'è più scritto e vissero felici e contenti.
                Cerchiamo di sopravvivere alle insidie della Vita rottambolesca.
                Molte favole finiscono con un'atroce drammaticità.
                Lo stile di vita è cambiato, sono cambiate le abitudini, tutto forzatamente.
                Tutto e solo tutto per colpa del mancato lavoro, e delle tasse sempre in aumento.
                Ma se lo stipendio è venuto a mancare, mi dite come si potrà mai pagare?
                Saremo indebitati a vita, finché non sarà finita.
                Saremo perseguitati, trascinati nel baratro della povertà.
                Ognuno di noi,
                una spina dorsale spezzata.
                Ognuno di noi scriverà alla fine della sua favola.
                E vissero perseguitati, trascinati in povertà.
                Ada Roggio
                Composta sabato 31 agosto 2013
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Ada Roggio

                  Il mare

                  Il mare
                  mi piace il mare
                  bello, maestoso.
                  Azzurro, sfumato.
                  A volte schiumoso ondeggiante.
                  A volte calmo e trasparente.
                  Mi piace il mare.
                  Scoprirne le sue ricchezze.
                  Toccare con mano gli scogli
                  mi piace il mare
                  mi lascio accarezzare dalle onde del mare.
                  Mi piace il mare
                  sedermi sulla sabbia guardare il cielo,
                  e se in alto vi è un gabbiano,
                  be,
                  un giorno tornerò
                  vestita di sole piume,
                  quel gabbiano sono io.
                  Ada Roggio
                  Composta sabato 3 agosto 2013
                  Vota la poesia: Commenta