Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Edmea
Tanti auguri a Rombo di tuono, modello per noi sardi e tifosi. Un campione dentro e fuori dal campo, perché si può essere campioni nella vita in ogni momento. Buon compleanno a chi ha il senso di appartenenza più di un sardo.
Susanna Furcas
Composto giovedì 7 novembre 2019
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Edmea
    Neanche nel migliore dei sogni avremmo immaginato di espugnare il fortino del San Paolo. Macché. Se va bene, pareggiamo. Azzardavamo a pensare, anche se i tifosi più audaci, altro che se non ci hanno pensato al colpo grosso, che vedi caso, è arrivato proprio con l'intervento propizio di Lucas Castro, argentino e devotissimo all'indimenticabile Diego Armando Maradona, che a Napoli ha scritto la storia. Una volta tanto, la storia l'ha scritta il Cagliari. Una piccola riga di storia, per riscattare le ingiustizie, che anche il mondo del calcio riserva. Rigori inventati. Fuori gioco dell'ultima ora. Var ancora tutti da interpretare. Invece, la notte del mercoledì al San Paolo ha avuto qualcosa di magico, che nessuno sperava o pensava, o forse non osavamo sognarlo con tutte le nostre forse. Perdere a Napoli non sarebbe stato così vergognoso come la sconfitta casalinga contro il Brescia, ma come sappiamo, nella vita, come nel calcio sono le cose incredibili che alla fine accadono.
    Susanna Furcas
    Composto giovedì 26 settembre 2019
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Edmea
      L'inizio con il botto è successo in ritardo, ma il Cagliari lo doveva dimostrare di esserci, con una rosa studiata a tavolino, per accogliere a braccia aperte il nuovo campionato e il centenario del 2020. Ce lo ricordiamo che il Cagliari è prossimo ai cent'anni? Si. L'anno prossimo e ne abbiamo visto di tutti i colori nei vari campionati. Le prime due partite di questo campionato ci hanno fatto sussultare e arrabbiare. Ma come? Abbiamo una mega squadra e allora? Per giunta, si sono infortunati due pezzi da novanta. Un infortunio non ci voleva. L'arbitraggio personalizzato non contribuisce al nostro ottimismo, ma niente panico. Questa domenica pomeriggio il Cagliari ha dato il meglio di sé, a dispetto delle interpretazioni imbizzarrite del direttore della gara. A casa del Parma è andata superbene, anche se all'inizio proprio il Parma si è imposto, ricordando di essere a casa propria. Poi, si è sentito il ruggito del leone. I rossoblu hanno decretato una vittoria con il botto. 1 a 3, nonostante l'interpretazione sibillina dell'arbitro, i 12 minuti di recupero, visti non si sa dove e il solito ricorso al Var, ancora tutto da decifrare. Ne sono capitate in questa partita, compreso l'annullamento del quarto gol, firmato da Joao Pedro. Non ci siamo annoiati, portando a casa tre punti, malgrado tutto. I nostri primi sacrosanti tre punti.
      Susanna Furcas
      Composto domenica 15 settembre 2019
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Edmea
        Non si è fatta una vita. A volte si sentono questi commenti gratuiti sul conto della persona di turno, che dev'essere analizzata, ma esattamente cosa significa farsi una vita? Non la facciamo noi la vita. Il nostro compito è vivere e seguire la nostra strada, ma non ci riusciamo di certo, se ci distraiamo con questi commenti, miranti solamente ad allontanarci dalla meta che ci siamo prefissati.
        Susanna Furcas
        Composto mercoledì 29 maggio 2019
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Edmea
          Se pensavamo che assistere a una partita di calcio ci avrebbe confortato, ci siamo sbagliati. Nel calcio, come nella vita, le ingiustizie ci sono eccome e bruciano esattamente come nella vita, perché ti illudi che in quei 90 minuti ci sia il buon gioco e magari un pizzico di fortuna, indispensabile come nella vita. Invece no, perché nel calcio, come nella vita, le cenerentole che lottano fino all'ultimo per stare nella massima serie, non devono diventare principesse. No. Quello è solo nelle favole. Nel calcio si subiscono rigori dubbi, decisi all'ultimo dal marchingegno chiamato var e si perde la partita, pur avendo giocato bene. Questo perché le squadre cosiddette prime della classe, stiano in vetta e le altre si lecchino le ferite, con tutta la rabbia immaginabile che non cambia le regole di un gioco sporco.
          Susanna Furcas
          Composto lunedì 6 maggio 2019
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Edmea
            Vivi come se il paradiso fosse sulla terra. È una massima propositiva, che smentisce i fatti della quotidianità, che ci confermano che il paradiso non è di questo mondo. Sarà anche vero che il paradiso non ci appartiene in questa vita, ma non possiamo giustificare le azioni sanguinarie di chi, con la scusante della gioia, del divertimento, dell'età, di chissà che, uccidono senza pietà e poi? Cos'hanno fatto se ne rendono conto almeno, ma è normale non rendersene conto? È normale divertirsi giocando al massacro? Gli ultimi fatti di cronaca fanno rabbrividire. Pensare che un povero pensionato disabile sia stato vittima per giorni, forse mesi, di una banda di maledetti ragazzi, perché altro non li si può definire, fa gelare il sangue. Nessuno si è accorto di nulla. Pugno nello stomaco, mentre, solo quando non lo hanno più visto in circolazione, i vicini hanno avvisato la polizia. In una società dove tutti sanno tutto di tutti, dove farsi gli affari propri diventa una eccezione, postare nei social, spettegolare nei minimi termini diventa la regola, nessuno si era accorto che un povero cristo veniva seviziato da una dozzina di minorenni, altro particolare raccapricciante, più due maggiorenni, che hanno portato molto senno nel gruppo malefico. È normale tutto questo? O forse la normalità è ripetere fino alla nausea sono ragazzi e alla loro età anche noi ecc. Ecc. È preoccupante se alla loro età molti di noi hanno commesso certi crimini, per poi restare impuniti. È inquietante che certi genitori possano mettere al mondo e crescere ragazzi di questo tipo. Non avere figli può giustificare certe opinioni? Non giudicare se non vuoi essere giudicato si dice, ma come fai a non prendere posizione di fronte a certi fatti? E poi, viene spontaneo chiedersi: cosa ne sarà di noi? Questi ragazzi che avvenire avranno, che adulti diventeranno, che genitori saranno? Perché tanto lo diventeranno. Allora, non possiamo vivere come se il paradiso fosse sulla terra. Non possiamo giustificare un'azione così barbara, che ha compromesso l'esistenza già difficile di un uomo segnato dalla vita. Non lo possiamo proprio e soprattutto, basta con la frase tritatutto ma sono solo ragazzi. Basta.
            Susanna Furcas
            Composto giovedì 2 maggio 2019
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Edmea
              Non ci voleva Carlo Verdone a pronosticare il gioco imprevedibile e incomprensibile dei rossoblu. Già, ma se segui il calcio e sei tifoso sfegatato, non aspetti certo l'intervista di Carlo Verdone sull'Unione Sarda, per dedurre che l'esito della partita contro la Roma è segnata da un punto interrogativo. Lo sappiamo e abbiamo imparato che il Cagliari se gioca da Cagliari fa furore, ma se scivola nella classica buccia di banana, si fa male, molto male. In casa della Roma c'è Claudio Ranieri, vecchia conoscenza rossoblu, che ci aveva fatto respirare il profumo della serie a nel millenovecentonovanta. Nella sua modestia, Claudio Ranieri è fortissimo e ha restituito alla Roma la consapevolezza necessaria, perciò che ne sarà di questa partita lo sapremo, vedendola. Caricato dagli ultimi risultati e dai fiocchi rosa che sono arrivati in casa di Barella e Joao Pedro, i rossoblu possono tutto e nulla, come spesso capita dopo la salita in vetta. Abbiamo parlato troppo in fretta? Siamo stati profeti sinistri? Intanto, dopo soli cinque minuti il Cagliari è sotto di un gol e Cragno, il prodigioso, che sarà deliziato dalla nascita di un bebè nel mese di giugno, subisce, impotente, anche il secondo gol. Ci risiamo. Dalle stelle alle stalle. Anche Carlo Verdone ha capito il gioco schizzofrenico dei rossoblu, capaci di grandi imprese e di scivolate incredibili. C'è in gioco la salvezza e per la Roma la Champions, inseguita dal quinto posto. Al Cagliari manca la grinta giusta. Come mai. Colpa di troppe distrazioni? L'adrenalina non porta bene, o non è sufficiente? Chissà. Porca paletta. Abbiamo rischiato il terzo gol. C'è rischio imbarcata e non ci piace per nulla. La Roma di Ranieri ci mangia in un boccone e noi glielo stiamo permettendo. Nel secondo tempo Birsa ci prova, ma manca lo specchio della porta. L'importante è crederci, perché se subiamo la partita la sconfitta arriva inesorabile. Inutile ricordarci che il calendario non ci è amico, perché la prossima settimana ci aspetta il Napoli e c'è poco da stare allegri. La squadra però deve dimenticare questo spiacevole dettaglio, perché per spuntarla in qualche modo, bisogna concentrarsi sulla partita. Evidentemente, la concentrazione non c'è stata o non è stata sufficiente, o la Roma è più forte e basta. Il fatto sta che questa partita dovrà finire al più presto nel dimenticatoio, perché, in men che non si dica, è arrivato il 3 a 0. Che orrore. Una trama degna di Stephen King. La Pasqua non ci ha portato bene ed evidentemente neanche i lieti eventi, che dovrebbero essere una benedizione per chiunque. Abbassiamo la saracinesca e aspettiamo il nuovo giorno, perché qui è calata la notte.
              Susanna Furcas
              Composto sabato 27 aprile 2019
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Edmea
                Mi è venuto in mente il significato della domenica delle Palme. Gesù che fa il suo ingresso a Gerusalemme in groppa a un asino, mentre la folla lo acclama con rami di ulivo. L'ingresso di un re, che non vuole riconoscimenti su questa terra, se non il trionfo dell'amore e dalla pace. Sembrava che la folla lo avesse capito. Pace e amore, senza nessuna ostentazione, perché il suo regno non era di questo mondo. Eppure, cosa succede? La stessa folla, che lo seguiva, lo acclamava, raccontando i suoi miracoli, ha istigato la sua crocifissione. L'incoerenza della natura umana viene riassunta nell'esperienza su questa terra di Gesù. Prima lo hanno acclamato, invocato, seguito e poi dimenticato, insultato, umiliato, flagellato. Un apostolo lo ha venduto per trenta denari. Pietro, che tanto diceva, non ha esitato a rinnegarlo. Il tornaconto degli uomini è stato vissuto da Gesù nella sua esperienza da uomo. Tornaconto, egoismo ed ipocrisia. Il miracolo della Resurrezione chi lo ha capito? Chi lo seguiva, ma oggi c'è chi parla di religione fallimentare, rifugio e illusione di chi non ha altro da sperare. Dobbiamo rattristarci, o commiserare chi non crede? Forse l'uno e l'altro, con la speranza e la preghiera che l'ultima parola non ce l'abbia il male.
                Susanna Furcas
                Composto martedì 23 aprile 2019
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Edmea
                  Un pareggio portentoso contro il Torino. La domenica delle palme il Cagliari ha portato in trionfo un punto prezioso che ci allontana dalla zona bassa della classifica. Sembrava che le cose si stessero mettendo male, ma Pavoletti ha voluto festeggiare il suo dodicesimo gol, prendendo il toro per le corna. L'espulsione di Pellegrini non ha scoraggiato i rossoblu, che sono rimasti in partita, malgrado forse un arbitraggio opinabile. Lo sappiamo però che a volte, le ingiustizie possono condizionare una partita. Doppio giallo per Barella, che esce dal campo con forte disappunto. Negli ultimi due minuti si può giocare anche in nove, ma 37 punti sono un mezzo cammino verso la salvezza. Allora, petto in fuori. Orgoglio sempre sventolante. Tifo sempre in poppa, con la gioventù che non volta le spalle a una squadra meritevole. Tifoseria variegata e in coro gridiamo forza Cagliari.
                  Susanna Furcas
                  Composto domenica 14 aprile 2019
                  Vota il post: Commenta