Questo sito contribuisce alla audience di

Quotidianità


Scritto da: Stefano Napolitano
in Diario (Quotidianità)
Falsi miti sulle donne, falsamente smentiti.
1) Non è vero che alle donne piace l'uomo bastardo e che le tratta male! È solo una semplice questione di principio, come osi lasciare una donna o non essere totalmente succube del suo fascino!? Svergognato! (E si imputano, perché secondo un complicato ragionamento femminile, ti devono conquistare totalmente, fare innamorare perdutamente, e solo allora ti possono lasciare loro!)

2) Basta con questa storia che le donne vanno in bagno insieme. È solo che una volta ho visto in autogrill un bus di 35 persone, tutte donne, di ritorno da Lourdes... sono riuscite ad andare in bagno in 36... si erano portate appresso anche la Madonna! (Blasfema, andrò all'inferno)

3) Falso che le donne sono più nervose e aggressive "in quei giorni", che a parte è difficile notare la differenza, e poi lo afferma una donna su tre... che guarda caso è l'unica che durante il sondaggio non aveva il ciclo, le altre due non hanno risposto perché impegnate a menare il fidanzato al grido: mi stai dicendo che sono grassa?

4) Non è vero che le donne pensano al sesso quanto, se non di più degli uomini... ......... ha... haha... Hahahahaha.... hahahahahahahahaha ha hahahahahahahahaha... Ok basta.

5) Ma non è assolutamente vero che le donne, dopo che ti metti con loro, cercano di cambiarti totalmente, ad esempio avevo un amico che si chiamava Luigi, si è trovato una brava ragazza, si è sposato, tutto ok eh, ma ora si fa chiamare Mario...

6) Le donne non sono complicate. Lo ha affermato anche Piero Angela, dopo di che ha lanciato il servizio dedicato a gli unicorni in amore che si accoppiano su Marte.

7) Non è vero che se con una donna sei dolce, lei ti vuole rude, se sei rude, lei ti vuole poi affettuoso e via dicendo, no no e no, se tu non sei in grado di essere un perfetto mix tra Leonardo di Caprio, Brad Pitt, superman, l'incredibile hulk, il tipo di 50 sfumatura di grigio e altri 150 supereroi della Marvel la colpa mica è sua, stronzo!

8) Non è più vero che dietro ogni grande uomo sta sempre una grande donna... ormai la donna sta sopra, sempre!

Donne... non puoi vivere senza, ma non puoi nemmeno viverci insieme... una maledizione insomma... e chi fa le maledizioni? Le streghe, fattucchiere e via dicendo... e chi sono? Donne! Tutto torna.
Composto mercoledì 25 novembre 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Syndy Arts
    in Diario (Quotidianità)
    Purtroppo a volte la vita matrimoniale cambia e da un momento all'altro ti ritrovi con il mondo addosso e tutto va a rotoli. I figli si concepiscono durante i momenti sereni della coppia, senza sapere che magari, forse, presto o tardi, tutto può cambiare. Un rapporto di coppia è come un giardino, bisogna conoscere quali erbacce estirpare, per mantenere viva la magia dell'amore. E mi spiace se alcune o tante coppie non riescono o non ce la fanno a curare il proprio giardino, perché per farlo c'è anche bisogno della complicità del partner, non può farlo solo uno dei due, perché da sola alla fine ti stanchi e non ce la fai. Bisognerebbe prendere esempio dai nonni che, con molta fatica e sacrificio, sapevano crescere tanti figli, non uno, due, tre, che al giorno d'oggi li considerano già tanti. In casa regnava l'armonia e la serenità e le tavole erano imbandite di pietanze sane e genuine, questo significa: avere tutto. Oggi, pochi figli, tante ricchezze nelle mani e tante schifezze sulle tavole, pessima educazione, molte separazioni e tutto fa schifo! Io certamente non ho ricchezza in denaro, ma mi basta l'amore, quella è l'unica vera ricchezza e l'unica vera gioia. Quando si è ricchi nel cuore e nell'anima, capisci che tutte le cose hanno un senso.
    Composto martedì 24 novembre 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      in Diario (Quotidianità)
      Fin da piccola mi hanno trasmesso alcune cose: principi, valori e un determinato modo di pensare e vivere. Malgrado mi imbatto sempre più spesso in un mondo che va privandosi di tutto questo non ho mai sentito in me la voglia, né la necessità di cambiare. Rimango legata a tutto questo da qualcosa di indissolubile perché è parte di me. Perché quei valori, quel pensiero e quel "vivere" in realtà sono io.
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Maria Viola
        in Diario (Quotidianità)
        Io non sono cambiata per gli altri o a causa di altri. Dio quando son nata mi ha dato occhi per vedere, anima per sentire, cuore per amare, orecchie per ascoltare, mi ha dato la vita. È nella vita, le vicissitudini ti cambiano e ti fanno capire e agire di conseguenza. Sono cambiata per amore, sono cambiata per dolore, sono cambiata per migliorare, sono cambiata per non star male... sono cambiata per continuare a vivere, sono cambiata. Sì, sono cambiata, ma son sempre io, con i miei difetti, tantissimi, con i miei pregi, pochissimi, sono cambiata perché è la vita che ti cambia.
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: fiocchidineve
          in Diario (Quotidianità)
          Il mio viso si illumina e i miei occhi brillano quando dalla finestra vedo cadere la neve. E davvero non so perché mi faccia così bene. Amo la pioggia, le giornate di vento, il sole e l'aria dell'estate, ma la neve! Ahhhh! Come potrei descriverne il sentimento? Forse lei cancella la realtà, forse cambia immagini, situazioni e paesaggi, tanto da poter cambiare anche la mia anima e il mio solito mondo... ma cosa mi fa la neve!? Mi rende certamente una giornata migliore.
          Vota il post: Commenta
            in Diario (Quotidianità)
            Sentirci in forma smagliante, avere un lavoro, i nostri affetti, le nostre certezze, non può farci ignorare che, forse, a pochi metri da noi, proprio dove non abbiamo il tempo di fermarci, dove gli altri sembrano felici, possono celarsi solitudine, dolore, disperazione, silenti richieste d'aiuto. Passare un minuto ad ascoltare, o fare una telefonata, bussare al vicino per augurargli buona giornata, chiedergli se ha bisogno di qualcosa, pur sembrandoci banale, può aprirci gli occhi e la mente su realtà che vogliamo ritenere non ci appartengano e non siano affar nostro. Mettere la testa sotto la sabbia, non implica che siamo immuni dal dolore e che un giorno non potremo esserne toccati di persona.
            Vota il post: Commenta