Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Antonio Recanatini
Chi legge poesie non sarà mai un malvagio, gioirà nell'impatto, amerà gli odori, cullerà gli onesti, abbandonerà l'effimero, il banale, l'inconsistente, il futile.
Chi scrive poesie sarà sempre un dannato, i beati non saranno mai poeti, semmai portantini, menestrelli ammaestrati, suppellettili.
Chi non legge poesie sarà sempre un ordinario, un comun piccione viaggiatore, un chiodo arrugginito perché inutilizzato, insomma un vincente di questo tempo bastardo.
Antonio Recanatini
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Antonio Recanatini
    La strada insegna che non bisogna fidarsi troppo dei pentiti, come non bisogna fidarsi troppo dei redenti e dei convertiti. La cultura dell'espiazione appartiene a un mondo insano, al ricatto, alla convenienza, ai privilegiati indotti a considerarsi immuni a qualsiasi peccato. L'uomo ha bisogno di vincere la gara a costo di tradire le sue stesse radici, il suo essere vigile o distratto, buono o cattivo, presente o assente che sia. Prima di aprirvi ai pentiti, chiedetevi se vi pentireste mai e a quale prezzo, si nasce, non si rinasce; ogni vita è un evento, il cambiamento è circostanziale, io mi fido dei rinnegati, gli indomabili!
    Antonio Recanatini
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Antonio Recanatini
      La carità è borghese, è un costume rabberciato, indossato per l'occasione, squallida come un signorotto che si toglie i guanti nel bel mezzo della piazza, mette le mani in tasca e lascia scivolare qualche spiccio nel cappello del barbone, guardandosi bene dallo stringere la mano o toccarlo. La carità è una beffa, sostituisce gli stati sui diritti che dovrebbe assicurare, ma non sostituisce la dignità e assicura lunga vita ai disonesti.
      Antonio Recanatini
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Antonio Recanatini
        Il carnevale di periferia dissonava con gli altri, non vedevi pennacchi di indiani, vestiti di cowboy, pistole e frecce, damigelle e fatine, a limite potevi fermarti a guardare alcune stelle filanti passate per caso. Però, non mancavano mai i coriandoli, passavamo giornate a lavoro per ricavarli dal taglia carta gigante del padre di Roberto. Ogni carnevale, alle tre di pomeriggio, aprivamo il garage al pubblico e distribuivamo buste di coriandoli ai conoscenti, ai compagni di scuola e ai nemici. Non ho mai amato il carnevale, ma quei pomeriggi sono rimasti impigliati nella gola.
        Antonio Recanatini
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Antonio Recanatini
          Adoro sentire spiegazioni forbite, eleganti e precise, adoro sentire le spiegazioni fino all'ultimo e poi lasciare la discussione inserendo data, luogo e motivazione storica. Adoro passare per ignorante. E poi ridicolizzare maestri, educatori, professori e "anestesisti". Porto addosso la polvere dell'asfalto e, ogni giorno, incontro un disoccupato, un operaio, un pregiudicato o un poveraccio da vendicare.
          Antonio Recanatini
          Vota la frase: Commenta