Scritta da: F4B10Z
Sei come il concerto n. 3, melodia di Rachmaninov.
Lenta, all'inizio. Nel tuo elegante incedere.
Nel tuo mostrarti al mondo, camminando sicura, fra le persone. Certa, nel tuo bel carattere.
Rapidamente incalzi.
Come un treno che sfreccia su delle inesistenti rotaie, vinci contro ogni imprevisto che ti si presenta.
Diventi molto veloce, quasi suonata con undici dita.
E poi torni calma. Come il mare in una calda sera estiva, priva di ogni alito di vento.
Sembra quasi ti fermi a ragionare sul da farsi. Come ad osservare intorno a te tutte le strade e tutte le possibilità.
E piano piano, inizi nuovamente ad accelerare. E torni ad intimorire tutti intorno a te.
E giunta nella parte centrale del brano, come a renderti conto di ciò, cambi completamente stile.
Sfuggente,
Inizi a correre. Di vita in vita.
Fusa su migliaia di altre esistenze.
L'esecuzione giunge quasi al termine e l'artista, previdente, rilassa gli ascoltatori. La musica si ammorbidisce e diventa una melodia carica di passioni.
Carica quasi d'amore.
Anonimo
Composta sabato 20 novembre 2010
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di