Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti inseriti da Marco Giannetti

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritto da: Marco Giannetti
A stento ti guardo mentre ti vedo crescere. Essere nata prima dite non mi consola. È vero che non c'è limite alla provvidenza ma i pensieri non si misurano con il metro e neanche la tua statura. Tremo all'idea che diventerai grande e non ti puoi sottrarre a questa conseguenza. Sorridi giocondo... [continua a leggere »]
Composto venerdì 19 luglio 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Marco Giannetti
    Quel giorno sul letto, al tuo fianco, facevo finta di dormire, avevo paura di addormentarmi e perdere la promessa che mi avevi fatto di portarmi con te in campagna per riempire d'acqua i solchi del tuo orto. Quanto tempo è passato. Avevo cinque anni e incominciavo a vivere di piccole emozioni... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marco Giannetti

      addio alla poesia

      Le cercavo negli sguardi della gente le disegnavo sui petali stinti dei fiori le soffocavo nelle mani che si chiudevano le aspettavo saltellanti sui flutti marini le leggere parole della mia poesia sottotono. Ma gli esseri umani erano sordi, nell'umile fissità degli oggetti, che pure trasmettono... [continua a leggere »]
      Composto venerdì 19 luglio 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Marco Giannetti

        Arresto di circolazione

        In quel percorso da filari di abeti disegnato difilato entrò in piste voluttuose sciovie tosto incontrò con sghignazzanti ostacoli in agguato che la bussola al povero viandante fecero all'improvviso sobbalzare. Come orologio che viene spostato oltrepassato il proprio meridiano e più se n... [continua a leggere »]
        Composto martedì 23 luglio 2013
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marco Giannetti

          Cambiare le cose

          Un giorno una tempesta terribile si abbatté sulla costa, scaraventando sulla riva migliaia e migliaia di stelle marine che restavano immobili e morivano sulla spiaggia. Tutti stavano a guardare esterrefatti e nessuno faceva niente. Tra la gente, tenuto per mano dal papà, c'era anche un bambino... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Marco Giannetti

            capodanno senza festa

            Tuffi si preparano alla festa, ma a festeggiare cosa non si sa. Qualcosa che muore o quello che nasce, che poi in fondo è lo stesso. Tuffi si affrettano a lasciare casa e si apprestano al divertimento, a scatenarsi come stupidi gonzi. Nessuno pensa a chi rimane solo e non soltanto oggi, ma per... [continua a leggere »]
            Composto martedì 23 luglio 2013
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Marco Giannetti

              concedi di più

              Sperduta e confusa senza capacità di credere più a nulla, a favole come l'amore eterno. Niente dura e tutto si consuma e logora, complice il destino talvolta provvido di promesse ma avaro poi di concessioni, dove i doni ricevuti e il piacere appagante sono solo inganni. Non esiste nulla di più... [continua a leggere »]
              Composto martedì 23 luglio 2013
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Marco Giannetti

                declivi di monti

                Declivi di monti si adagiano su pendii di vallate allargate sotto un sole schietto che le illumina di riflessi iridescenti, mentre si specchiano nel ruscello sottostante dove coni d'ombra e luce si incrociano fino a confondersi nelle raspose petraie che delineano gli argini. Parevano così... [continua a leggere »]
                Composto martedì 23 luglio 2013
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: Marco Giannetti

                  Dettagli

                  Rampicanti affezionati ai tralicci appaiati infoltivano di verderame il riflesso dorato di un sole imponente e vigoroso. Le alture declinavano in morbidi pendii sotto il cielo terso che si addolciva in delicate striature azzurrine. Un libeccio carezzevole spargeva l'odore acre di mosto cotto ed... [continua a leggere »]
                  Composto martedì 23 luglio 2013
                  Vota il racconto: Commenta