Questo sito contribuisce alla audience di

L'uomo e la sua essenza

Per principio,
la libertà è privata,
ermetica prigionia.

Non vi è scelta,
alcuna entrata è permessa,
alcuna uscita è concessa.

Ma se l'uomo è essenza,
la sua immensità è coscienza,
fusa insieme all'anima e alla soggettività,
trascende ogni principio.

Riscrive la verità mutevole,
ridisegna la realtà apparente,
cancella ogni confine ingannevole.

Crea dal sogno e dalle astratte visioni
il disegno del destino
che in mano all'artista
imprime su tela
l'uomo e la sua essenza.
Thomas Manicardi Montagnini
Composta mercoledì 12 giugno 2019
Vota la poesia: Commenta

    Notte senza stelle

    Notte,
    nessuna stella.

    Lo spettacolo sei tu.

    Così semplicemente.

    Disarmante sconvolgimento,
    cambi il punto,
    banale ovvietà
    sarà.

    Momento
    un attimo denso
    scorre senza tempo.

    Un mondo
    dipinto così
    davanti a me
    semplice da far male
    facile come l'amare.

    Luce nei mie occhi.

    Tutto cambia.

    Con te
    il mare sa di miele
    il tempo è un docile pettirosso
    nella gabbia dei sogni mai fatti
    il cuore scrive e dipinge
    pagine su pagine di noi.
    Canta il cielo
    si specchia negli occhi tuoi,
    pittura i confini del tuo infinito splendore
    scrive
    di tutto quello che ora è
    un momento banale
    momento che,
    tu qui di fronte a me
    non so più spiegare.

    Momento che
    io amo te
    e nulla più normale è.
    Thomas Manicardi Montagnini
    Vota la poesia: Commenta

      30 anni precisi

      30 anni precisi,
      un bel traguardo,
      una fantastica partenza,
      dopo quasi un miliardo di secondi trascorsi segnano il labile confine tra quello che si è stati quello che si è diventati e quello che si diventerà.
      Un caso non ti accorgi di nulla,
      nulla cambia eppure,
      una altra bottiglia stappata, una torta sempre più affollata di candeline ti sfidano ad essere campione di soffio in lungo.
      Ma non ci fai comunque caso.
      Vivo di attimi densi di peculiarità singolari, uniche,
      che formano uno dopo l'altra senza sosta la mia identità.

      Eppure una volta vissuto l'attimo per quanto sia unico e carico di infinite sfumature in un momento scompare, pronto al successivo.
      In un instante ci si trova qua, 30 anni sono già realtà che bussano intrepidi alla porta della ovvia banalità
      la terra ha fatto un altro giro intorno al sole.

      Una cosa normale eppure ti fa sentire speciale ti crea nuovi momenti in cui ti concentri su quello che di importante vuoi realizzare.
      Goloso di nuovi attimi faccio incetta di quello che ho e con la illusoria comprensione di ciò che è, faccio mio ogni angolo buio, ogni piccolo dettaglio nascosto, sottili sfaccettature che fino a qualche anno fa erano solo confusi contorni di immagini sbiadite.
      Un biglietto di sola andata, viaggiatore solitario per quel piccolo grande mondo che invisibile ti fa volare oltre i confini della realtà.
      Alla fine si cresce si sa,
      in un modo o nel'altro,
      ora che sono 30 beh...
      poca per me la differenza

      non si torna mai al punto di partenza, senza direzione,
      un aumento di singolarità,
      si sommano alla intera raccolta dei momenti
      rigorosamente tutti differenti
      attimi del nulla
      fatti di ricordo
      compagni di indissolubili
      di ciò che mi rappresenta
      confinato nello specchio del mio io anche la varietà di pastelli aumenta
      nascono nuovi colori
      fatti con possibilità con cui dipingo la mia personalità.

      Festeggio un nuovo anno e quello che è qua mai lo avrei immaginato
      eppure
      così si festeggiano i 30 anni sorriso di gioia e incredulità di
      essere...
      Thomas Manicardi Montagnini
      Composta giovedì 12 luglio 2018
      Vota la poesia: Commenta

        Vicino e Lontano

        Così vicino che si spezza il respiro
        così vicino che ti brucia il viso
        così vicino che vedi il tuo destino
        così vicino che ti senti in paradiso
        eppure
        così lontano da fare male
        così lontano da non poter sopportare
        così lontano che la paura ti assale
        così lontano da non poterlo accarezzare
        intangibile e illusorio
        tanto da non credere alla sua esistenza
        forse è solo un trucco di magia
        eppure
        tu senti e credi che l'amore non sia solo una bugia.
        Thomas Manicardi Montagnini
        Composta mercoledì 15 luglio 2015
        Vota la poesia: Commenta

          E così che vola via!

          Sul fondo del mondo,
          finisce il tuo sonno,
          ti risvegli sopito, un ricordo?
          il mondo?
          Carne, sangue e sudore,
          ma sei tu,
          sul fondo del mondo e tutto cambia colore.

          Ti lasci andare,
          essere ancestrale,
          anima lunare.
          Nel mistico mondo, scompari,
          rimani li, invisibile sul fondo,
          osservi attento, aspetti il momento.

          Ora sei sveglio.
          Thomas Manicardi Montagnini
          Composta venerdì 11 maggio 2018
          Vota la poesia: Commenta