Questo sito contribuisce alla audience di

Castelli in aria

Se la mia mente al mio cuore contraria
prendesse mattoni, cemento e scalpello
potrebbe dare forma fluttuante a mezz'aria
ad un "in aria" proverbiale castello.

ma se costruissi castelli volanti
con tanto di draghi, dame e cavalieri
temo di perdermi entro i suoi antri
inseguendo fantasmi di oggi e di ieri.

e se tra le sue torri una principessa
-labbra di rubino, capelli d'oro-
mi rubasse il cuore, non m'interessa
se il mio nome è Orlando oppure Medoro.

uso il presente perché così è già successo
e nell'insuccesso vi ho rimesso molto
da stolto demente perdurai indefesso
sinché la mia vita, un dì, mi son tolto.
Roberto Grasso
Composta domenica 20 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Come un desiderantes attendo anch'io sotto le stelle
    spero di trovar la rotta, spero tornino i soldati
    ma i poeti laureati non conoscono la fotta
    di lottar come dannati per scavar sotto la pelle
    san trovare allegorie, san trovar suoni assonanti
    ma non colgono i lampi che precedono i tuoni
    voglion suoni e voglion manti per ornar i lori nomi
    io vorrei solo fuggire una matrioska di celle
    i cui mattoni son ricordi, le cui porte solo opzioni
    le pareti non son altro che pensieri in parallelo
    che coesistono concordi creando corridoi sordi
    sordi al suon della ragione, sordi al suono del vero.
    Roberto Grasso
    Composta domenica 5 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Buonanotte

      Buonanotte, non sarà una buona notte
      forse, prima o poi, il sonno avrà prevalso
      ma con un corpo stanco ho una mente che fa a botte
      è inutile giacere qui è meglio se mi alzo
      e scalzo giro in tondo non chiamarmi anima in pena,
      odio fare pena ti assicuro non è scena,
      è che il mio cuore contro la corrente rema
      è che il mio sangue dentro ad ogni vena trema.
      Roberto Grasso
      Composta sabato 4 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta
        In dirittura d'arrivo
        addirittura lo scrivo
        con la premura di un mimo
        intento a rappresentare una scena in mezzo a un'arena che per suo vezzo s'arena su quel piccolo particolare, per lui fondamentale.
        Okay,
        ora tutti seri metto il delay
        l'eco è femmina così com'è lei
        pagherei, per dormirle accanto ma come d'incanto stare sveglio senza battere ciglio, senza alcuno sbadiglio
        il cuore pompa troppo forte per il suo odore l'amo a morte l'odio a volte forse troppe ma chi se ne fotte
        rotte le cuffie rotte le scatole, per il rotto della cuffia fuggire da mentali scatole
        aprire gil orizzonti sui tramonti lontani solo sfiorando-le mani le nostre dita aeroplani mentali
        provare troppo dolore all'atterraggio forse troppo amore nel viaggio
        sembra sempre sia stato solo un assaggio
        ora impalpabile mero miraggio sembra il nostro retaggio
        che sbatti!
        Colpo di rullante suono martellante poi "dish" piatti!
        Roberto Grasso
        Vota la poesia: Commenta

          che palle

          se pronuncio frasi vuote
          potrei perdere la strada
          ma poi vada come vada
          "vuolsi là dove si puote"

          se le ruote del mio passo
          si dovessero inceppare
          andrei a nuoto in fondo al mare
          annegando come un sasso

          spesso penso che il senso
          se lo inventi il lettore
          che si spreme ore e ore
          per render il vuoto denso.
          Roberto Grasso
          Composta lunedì 23 aprile 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Almeno hai mai pensato al mio lato più segreto?
            All'alma mia l'ho confidato ora non mi tiro indietro,
            elemosino almanacchi per studiare il coraggio
            perché ammiro chi persegue a paraocchi un miraggio;
            resto ostaggio della vita non ho idea su che si fonda:
            metto in prima è una salita, scalo vado in seconda,
            alla rotonda c'è un uscita dice "esci e torna indietro
            se poi cresci e ci riesci la virtù è solo nel metro";
            la lezione più importante, tendi i lobi alma mia
            è rinunciare alla virtù, in virtù della pazzia.
            Roberto Grasso
            Composta mercoledì 11 aprile 2012
            Vota la poesia: Commenta