Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Luigi Principe

Bullet the blue sky

Chiudi gli occhi
e riposa tutta la notte.
Chiudili per sognare
oppure per morire.
Non farlo mai per sparare.
Lo sparo è infame per natura.

Apri gli occhi
e guardali riposare tutta la notte,
i tuoi figli.
Guardali sognare
e prega per non farli morire...
Apri gli occhi
e non farlo mai per sparare!
Lo sparo svela il lato infame della morte
e quello meschino del cecchino.
Apri gli occhi
e sii Uomo
prima di tutto.
Luigi Principe
Composta lunedì 9 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Principe

    Un accordo tacito

    Non è opinabile la pace
    e non ha altre prospettive
    se non la sua funzione.
    Uno stupro non sarà mai
    un atto d'amore.
    Una guerra non sarà mai
    un mezzo di pace.
    La pace non si fa,
    si accetta.
    Esiste già.
    È nella natura di ogni cosa,
    di ogni uomo
    e di tutti i suoi nemici.
    La guerra
    è un accordo tacito
    fra uomini stolti.
    Luigi Principe
    Composta venerdì 6 settembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Principe

      Essere insieme

      La prima sensazione
      a vivere un sogno condiviso
      è di accoglienza,
      un'ospitalità d'altri tempi.
      Prima entrambi ospiti,
      io del tuo consenso
      tu della mia parola.
      Poi gli onori di casa,
      io della mia vita
      tu della tua.
      Condividere
      è fondere, mescolare, unire
      è creare un universo
      superiore a castelli e templi
      nella sacralità della sua porta d'ingresso.
      Luigi Principe
      Composta mercoledì 7 agosto 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Principe

        Ma come si fa? Io non ci riesco

        Ci avessi chiesto
        semplicemente di rispettarci,
        avresti usato un mezzo diverso
        capace di raggiungere lo stesso fine.
        Eventualmente...
        Il mondo non sarebbe di una virgola
        diverso da quello che è,
        ed io sarei in minor misura
        in debito con la tua volontà.
        E invece no!
        Hai voluto fare l'onnipotente
        dicendoci d'Amare il prossimo.
        Così da rendere più netta
        la differenza
        fra me e tuo Figlio.
        Luigi Principe
        Composta giovedì 6 giugno 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Principe

          La tua essenza!

          C'è qualcosa,
          in questa stanza
          che non si lascia toccare.
          Qualcosa in questo letto,
          cui non hai dato un prezzo.
          La povertà più abbietta
          e la sorte avversa
          giustificano, forse
          le tue grazie messe all'asta.
          Ma non c'è mercante
          né tesoro che basti
          capaci di ridurre il tuo spirito
          alla vergogna del prezzo.
          c'è qualcosa,
          in questa notte,
          che ti rende solenne.
          La tua essenza
          ha valore inestimabile.
          Quella del tuo acquirente
          meno delle monete che ti ha dato.
          Luigi Principe
          Composta domenica 2 giugno 2013
          Vota la poesia: Commenta