Appena in f de s

A-u veggiu fgo
vegne e fuggie gine:
e duman u-e perde
se ventu nasce
e l'erbui u scrolla
in ima a queste fasce.

Poi, certu, freidu:
nutti de brinade
fiurin d'argentu
l'erbe inturnu de;
campagne smorte,
sensa gente e stradde,
e l'orizzonte
fetu a strasse sce

e appena in f
de s pe-a tera,
drentu, de giassa.
Luigi Panero
Vota la poesia: Commenta

    In terassin sciuriu

    Di russi geragni
    mescie cun di gianchi
    z i pende, in po' stanchi,
    da t, terassin.

    I fan in festun
    da-e tinte e ci vive:
    gh' nisciun barcun
    nisciuna terassa
    inturnu sciura
    de tanta poexa.

    E survia a-i geragni
    appesa i-na gaggia
    cun drentu in oxlu
    che u canta,
    che u sbraggia
    a frve du chu.
    Luigi Panero
    Vota la poesia: Commenta

      Rassegnasciun (Rassegnazione)

      In questu gran boscu
      nu ci resti fuggia
      tra i rami se in sciusciu
      mai s'issa de ventu.

      De fugge in tapptu
      immensu destesu
      gh' z pe-a montagna.
      Se sci ti ghe passi
      u p se gh'affunda
      e drentu da morte
      fascion ti te-u senti.

      Oh! Triste gran bosco
      che-u l' rassegnon
      e-u speta l'invernu
      e-u giancu da neve!

      L' in po' questu boscu
      in po' cume m
      che a spetu dixembre
      e-a neve da vitta
      e poi... de fin!
      Luigi Panero
      Vota la poesia: Commenta

        Rametto de vna

        Pendalocchi de vna tra i papvi
        lungo e stradde do me paise tranquillo:
        o sciorti questa seja o primo grillo
        a d quello che-o sciuppa o s gran chu.

        In ta coerta de l'erba barbocciante
        tra-e sciamette de scioe l dipinte,
        ma in darre, come scoso da de quinte,
        mi a saj, come quando a l'e figgiu...

        e tra i denti a teni streito in rametto
        de pendalocchi verdi de st vena
        che a no l' gran, n a serve per d ena,
        ma tucc sempre drento tutto a pu,
        e ridme m, fresco figgiu,
        con l'uggi, sangue e vitta ch' ci anchu!

        (Traduzione dal vernacolo di Loano (Sv) )

        Rametto di avena selvatica

        Orecchini (=pendalocchi) di avena tra i papaveri (=papovi) - lungo le strade del mio paese (=paise) tranquillo: - uscir questa sera il primo grillo, - a cantare (=d) quello che gli scoppia (=sciuppa) dal suo cuore.
        Nella coperta (=coerta) dell'erba ondeggiante (=barbocciante) tra sciami di fiori l dipinti - ma pi indietro (=darre), come nascosto (=scoso) da delle quinte, - io sar (=saj) come quando ero fanciullo....
        e tra i denti terr stretto un rametto - dei pendagli (=pendalocchi) verdi di questa avena (=vna) che non grano, n serve per fare cena (=ena), - ma toccare sempre dentro tutto pu. - e riportarmi ad essere (=ridme m), giovane fanciullo, - con gli occhi, il sangue e la vita che oggi non ho pi.
        Luigi Panero
        Vota la poesia: Commenta

          Prime castagne

          In ima e muntagne
          l' chuita agua a segge
          ma sn poi s'e fetu.

          E-u boscu de schegge
          de s brilla, e stisse
          d'argentu, e oda.

          Se druve aa e risse
          e-a pugni ne sgruggia
          i fruti che i luxe

          a zueni muggetti
          sci l'umida tera,
          tra l'erba e-u fuggiame.

          Oh, prime castagne,
          e ottubre tranquillu
          sci e dui muntagne!

          (Traduzione dl vernacolo di Loano (Sv)

          Le prime castagne

          Sulla cima (=ima) delle montagne - l'acqua caduta (=chuita) a secchie (=segge) - ma sereno (=sn) poi tornato.
          E il bosco di schegge - di sole brilla, e gocce (=stisse) - d'argento, e ne profuma.
          Si aprono ora i ricci (=risse) - ed a pugni ne sgusciano (=sgruggia) - i frutti che luccicano (=luxe) a giovani (=zueni) mucchietti - sull'umida terra, - tra l'erba, ed il fogliame (=fuggiame).
          Oh prime castagne, - ed ottobre tranquillo - sulle dolci montagne!
          Luigi Panero
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di