Rametto de vna

Pendalocchi de vna tra i papvi
lungo e stradde do me paise tranquillo:
o sciorti questa seja o primo grillo
a d quello che-o sciuppa o s gran chu.

In ta coerta de l'erba barbocciante
tra-e sciamette de scioe l dipinte,
ma in darre, come scoso da de quinte,
mi a saj, come quando a l'e figgiu...

e tra i denti a teni streito in rametto
de pendalocchi verdi de st vena
che a no l' gran, n a serve per d ena,
ma tucc sempre drento tutto a pu,
e ridme m, fresco figgiu,
con l'uggi, sangue e vitta ch' ci anchu!

(Traduzione dal vernacolo di Loano (Sv) )

Rametto di avena selvatica

Orecchini (=pendalocchi) di avena tra i papaveri (=papovi) - lungo le strade del mio paese (=paise) tranquillo: - uscir questa sera il primo grillo, - a cantare (=d) quello che gli scoppia (=sciuppa) dal suo cuore.
Nella coperta (=coerta) dell'erba ondeggiante (=barbocciante) tra sciami di fiori l dipinti - ma pi indietro (=darre), come nascosto (=scoso) da delle quinte, - io sar (=saj) come quando ero fanciullo....
e tra i denti terr stretto un rametto - dei pendagli (=pendalocchi) verdi di questa avena (=vna) che non grano, n serve per fare cena (=ena), - ma toccare sempre dentro tutto pu. - e riportarmi ad essere (=ridme m), giovane fanciullo, - con gli occhi, il sangue e la vita che oggi non ho pi.

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.50 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti