Poesie di Luca Paletti

Impiegato di Banca, nato martedì 17 agosto 1976 a Brescia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Luca Paletti

La coscienza dell'arcobaleno

Veli come muri
in coscienze senza tempo;
pensieri lontani
come onde si avvicinano
alle coste della nostra
umana compassione,
e siamo lì, in attesa
che il vento porti con sé il buio
e ci riveli un'alba diversa,
dove cammineremo per le mani,
con i colori dell'arcobaleno
nel cuore.
Luca Paletti
Composta venerdì 3 settembre 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luca Paletti
    Solo la mia notte sa
    che mi piacerebbe guardarti,
    ammirarti in silenzio,
    come estasi di fronte
    a un Picasso,
    seguire con gli occhi
    ogni curva del tuo corpo,
    soffermarmi sui dettagli
    in un indimenticabile
    balletto di emozioni,
    e finire col tuo sorriso,
    proprio lì, dove l'imbarazzo
    si piega alla dolcezza.
    Luca Paletti
    Composta sabato 6 giugno 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luca Paletti

      Ho finito l'infinito

      Ho finito l'infinito
      perché ho preso la strada giusta
      nel momento sbagliato,
      e faccio sogni di merda
      per liberarmi dal peso,
      per sentire il cielo addosso
      e la terra sotto i piedi;
      ho finito l'infinito,
      ma a nessuno importa,
      perché tutto inizia
      dove finisce l'orizzonte,
      dove il sole si spegne
      e la notte fa paura,
      dove la morte è vita
      e ognuno sa che in fondo
      l'amore è solo un'invenzione.
      Luca Paletti
      Composta martedì 26 maggio 2020
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luca Paletti

        La stagione del no

        Ci fu un anno
        in cui l'inverno non voleva finire,
        la primavera rinchiusa
        non poteva sbocciare
        e guardava dalla finestra
        le giornate passare,
        nell'aria suonava maldestra
        tra incertezza e paura
        una melodia dall'apparenza infinita,
        il silenzio delle mura
        come un immensa ferita
        annegava nel cuore
        ogni forma d'amore,
        poi come nelle più lunghe puntate,
        un lieto finale,
        che col nome di estate
        portò via tutto il male.
        Luca Paletti
        Composta giovedì 9 aprile 2020
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luca Paletti

          Un metro

          Finalmente scopriamo che
          un metro è la distanza che
          ci separa da un abbraccio
          e che quando eravamo liberi
          di percorrerla forse non avevamo
          abbastanza voglia o coraggio
          per farlo;
          E quel metro ora ce lo dobbiamo riconquistare,
          con le unghie e con i denti
          lottando centimetro per centimetro,
          scavando solchi nel terreno,
          e solo quando saranno abbastanza profondi,
          per seppellire il dolore,
          saremo pronti per rivedere
          l'alba insieme
          con il sedere attaccato
          e lo sguardo incollato al cielo.
          Luca Paletti
          Composta lunedì 30 marzo 2020
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Luca Paletti

            Memoria

            Non esiste un giorno per la memoria
            perche essa è speranza da vivere
            in ogni istante,
            è acqua che disseta la sofferenza
            che allevia il dolore che alberga nell'ira,
            è parola che da voce all'indifferenza,
            è amore che non ha paura
            di fronte a un ideologia distorta,
            è la forza
            che piega l'onda assassina
            di un mare in tempesta,
            che ci fa sentire essere umani,
            tra gli essere umani,
            liberi di essere diversi
            senza sentirsi accusare
            di essere diversi.
            Luca Paletti
            Composta martedì 25 febbraio 2020
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Luca Paletti

              La Vita

              Voglio ancora sentire
              le onde sbandare e
              il profumo del mare,
              il mio cuore
              sfiorare il cielo e
              aggrapparsi alla terra,
              il buio della notte
              e la luce dell'alba che ogni volta sorprende il mondo
              e toglie il respiro,
              voglio sentirmi
              innamorato e arrabbiato,
              voglio sbagliare e perdonare,
              voglio perdermi
              nel sorriso di un neonato
              e nel profumo dei fiori a primavera.
              Voglio tutto,
              ma alla fine cio che più mi far star bene è svegliarmi la mattina con le cose semplici, e pensare che ancora una volta posso sentire la vita cucita addosso.
              Luca Paletti
              Composta martedì 25 febbraio 2020
              Vota la poesia: Commenta