Questo sito contribuisce alla audience di

Fervidi cuori

Vivide fiamme
nel camino
palpitanti
sfavillano.

Di fronte
due nude anime " stupite
coinvolte in seducenti incanti
pervase dal duplice desiderio, fra
il sentirsi accolte in vivifiche carezze
o donare vibranti appassionati abbracci

Come fragranti boccioli, tremoli/frementi
s'aprono alla reciproca brezza amica
giocose ~ gaie ~ armoniche essenze
di: tepori/contatti/profumi/sapori
dal gioioso crogiolo scintillano
spontanei affettuosi occhi.

In questa radiosa esperienza
svapora la fredda formale ombra
proiettata da artificiosi personalismi
ridestando percezioni ~ tenere/virili ~ felici/solari
risvegliate dal focolare acceso da fervidi sensibili cuori.
Libero Ciapparelli
Composta giovedì 25 gennaio 1990
dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
Vota la poesia: Commenta

    Primavera

    Spoglio.... da problemi quotidiani
    senza meta... cammino fra la Natura
    Percezione di respiro ~~ leggerezza ~~ pace

    Tutt'attorno... Silenzio Creativo

    Dal gorgoglio dell'acqua sui sassi
    sbocciano di tanto in tanto... canti
    allodole ~~ cornacchie ~~ fringuelli.

    Agli occhi l'immagine riflette una visione scheletrica
    rami d'alberi ~~ arbusti ~~ alcuni ciuffi d'erba secca.

    Dal risveglio sotterraneo si diffonde un delicato profumo
    che sboccerà in fiorente bellezza ed intense fragranze.

    È come rivivere l'Esperienza suggestiva del passaggio
    tra lo stato di sonno profondo e lo stato di veglia
    nel quale sta per schiudersi – germogliare
    il potenziale creativo che si esprimerà
    nel corso della giornata.

    In questo riflesso
    che la Natura rinnova nella sua seducente ciclicità
    l'interno mio vive in coralità nel Vitale Presente.

    Condividerlo è soave con Te che mi leggi.


    Parco Ticino – 21 marzo 1987.
    Libero Ciapparelli
    Composta sabato 21 marzo 1987
    dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
    Vota la poesia: Commenta

      L'età dell'imprudenza

      Al volante
      sulla tua sportiva automobile
      fiducioso
      della tenera esperienza di guida
      pervaso
      dalla brezza di potenza e velocità
      in quel presente
      percorrevi la strada del tuo esistere.

      Nel cercar di mantenerti in strada
      su una repentina curva a gomito
      la velocità ha infranto
      la  tua  gioia
      la tua vita.
      Libero Ciapparelli
      Composta mercoledì 7 agosto 1996
      Vota la poesia: Commenta

        Morte di Federico

        "Meteora nel firmamento della vita"

        Un lampo a ciel sereno.

        La morte sorprende la vita.

        La tua giovane esistenza troncata.

        Attonito osservo in me
        profonda lacrimosa ferita.

        Mi mancherà:
        la tua presenza
        le tue attenzioni
        i tuoi forti/teneri abbracci
        ma non la percezione
        dell'Infinito Silente Spazio
        fluito in essi.

        Federico
        fiore spezzato
        avverto brividi
        espandersi all'infinito
        fino al cuore dell'Esistenza.

        Affiorano
        pensieri - ricordi
        assopiti nel mio esistere.

        Tristezza
        infinita - dolorosa
        tristezza
        ti insinui silenziosa in me.

        La tua eco rimbalza
        tra le pareti del mio cuore.

        Potessi fermarti
        ma ormai rivendichi
        il diritto di esprimere
        il tuo lento lamento.

        Ti sei posata su di me
        essenza della notte più buia.

        Non resta che accoglierti
        come lieve carezza.

        Dolce lacrima.
        Libero Ciapparelli
        Composta martedì 6 agosto 1996
        Vota la poesia: Commenta

          Sole Amore

          Il Sole produce la principale energia
          che permette il fluire della vita sulla Terra

          Con la sua perenne presenza è visibile,
          quando non è oscurato:
          dalle intemperie, nebbie e nuvoloni.

          Se siamo avvolti nelle tenebre della notte,
          la presenza della sua energia
          è riflessa dalla Luna e dagli altri pianeti.


          L'Amore produce la principale energia
          che permette il dialogo e l'unione
          di qualsiasi diversità espressiva.

          Come il Sole
          l'Amore è sempre presente
          ed è visibile quando non è oscurato
          dalla brama di denaro o di posizione sociale
          e dall'astuto inganno dell'Io
          fedele a qualsiasi dogma o concetto.

          Se in noi l'Amore
          è avvolto dalle tenebre della non conoscenza
          la sua presenza è riflessa
          nel semplice spontaneo sorriso
          che sboccia sul volto degli altri,
          quando sono al servizio dell'Uomo.
          Libero Ciapparelli
          Composta domenica 31 marzo 1985
          dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
          Vota la poesia: Commenta