Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

La cosa più bella del mondo

Scintillante il prato dalla rugiada fresca,
come un manto di vita,
che dolcemente copre il corpo di Dio,
e con un sorriso luminoso desta il sole
dal rumore delle stelle cadenti.
Incredibile quant'è bella l'alba d'agosto,
che fa sognare con gli occhi aperti,
e ringraziare a Dio,
la cosa più bella del mondo,
che ancor poter di credere,
che la vita è troppo bella bella,
e di poter essere felici.
Klara Erzsebet Bujtor
Composta venerdì 25 agosto 2017
Vota la poesia: Commenta

    La signora in nero

    Figlio mio
    chiudi bene la tua finestra,
    stanotte il vento gelido ha spalancato la mia,
    ed entrata una signora vestita di notte,
    con il velo nero sul volto,
    e con le mani tese mi avvicinò,
    e mi ha spaventato a morte.
    Chiudi bene la tua finestra,
    e il vento furibondo passa via,
    e le luci così splendenti delle stelle
    sfavillano sul vetro bianco di gelo,
    e ogni scintilla è una freccia rovente
    che sconfiggono l'eterna tenebre,
    e la vita conquista tempo,
    tanto, tanto ancora,
    e puoi lasciare aperta la tua finestra,
    e di far entrare il dolce profumo della vita.
    Io sono spaventata a morte,
    perché, perché?
    Perché da un velo nero
    sono coperte
    le stelle.
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composta domenica 6 agosto 2017
    Vota la poesia: Commenta

      Alla luna nuova di marzo

      Ancora la luna a governare il cielo,
      due piccoli fari illuminano il campo deserto,
      un trattore va avanti e dietro,
      e solca un pezzo di terra grassa, fertile e bella,
      e le zolle si ristorano dalla rugiada della notte,
      e sono pronte alla sementa.

      Che seminano alla luna nuova di marzo?
      E già verdeggia lieto il grano
      e cresce ad ogni battito d'ali,
      è tutto un brulicare di vita,
      ed oltre il pane, cos'altro ci da il vecchio campo
      in quest'anno?

      Si è fatto giorno,
      e il trattore è allontanato,
      ed io e il mio cane si rincasa,
      respirando a pieni polmoni il profumo
      della terra fresca.
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composta lunedì 3 aprile 2017
      Vota la poesia: Commenta