Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)

Poeta, pittore e filosofo, nato sabato 6 gennaio 1883 a Bsharre (Libano), morto venerdì 10 aprile 1931 a New York (USA - Stati Uniti d'America)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Federico
Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.
Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
Vota la poesia: Commenta

    Su gioia e dolore

    Allora una donna disse: Parlaci della Gioia e del Dolore.
    E lui rispose:
    La vostra gioia è il vostro dolore senza maschera,
    E il pozzo da cui scaturisce il vostro riso, è stato sovente colmo di lacrime.
    E come può essere altrimenti?
    Quanto più a fondo vi scava il dolore, tanta più gioia potrete contenere.
    La coppa che contiene il vostro vino non è forse la stessa bruciata nel forno del vasaio?
    E il liuto che rasserena il vostro spirito non è forse lo stesso legno scavato dal coltello?
    Quando siete felici, guardate nel fondo del vostro cuore e scoprirete che è proprio ciò che vi ha dato dolore a darvi ora gioia.
    E quando siete tristi, guardate ancora nel vostro cuore e saprete di piangere per ciò che ieri è stato il vostro godimento.
    Alcuni di voi dicono: "La gioia è più grande del dolore", e altri dicono: "No, è più grande il dolore".
    Ma io vi dico che sono inseparabili.
    Giungono insieme, e se l'una siede con voi alla vostra mensa, ricordate che l'altro è addormentato nel vostro letto.

    In verità voi siete bilance che oscillano tra il dolore e la gioia.
    Soltanto quando siete vuoti, siete equilibrati e saldi.
    Come quando il tesoriere vi solleva per pesare oro e argento, così la vostra gioia e il vostro dolore dovranno sollevarsi oppure ricadere.
    Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
    Vota la poesia: Commenta

      I vostri figli

      I vostri figli non sono figli vostri... sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
      Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
      Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
      Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
      Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell'avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
      Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
      Voi siete l'arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
      L'Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell'infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
      Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell'Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l'arco che rimane saldo.
      Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maresa Schembri

        Amore

        Dicono che lo sciacallo e la talpa
        bevano allo stesso ruscello
        dove viene a bere il leone.

        E dicono che l'aquila e l'avvoltoio
        infilino il becco nella stessa carcassa,
        e stanno in pace l'uno con l'altro, davanti alla cosa morta.

        O amore, che con la tua regale mano
        hai imbrigliato i miei desideri,
        e hai elevato la mia fame e la mia sete
        a dignità di orgoglio,
        non permettere che il forte e il durevole in me
        mangino il pane e bevano il vino
        che tentano il mio io più debole.
        Lasciami piuttosto morire di fame,
        e consenti che il mio cuore bruci dalla sete
        e lasciami morire e avvizzirmi,
        prima che io stenda la mano
        verso una coppa che tu non abbia riempito
        o una ciotola che tu non abbia benedetto.
        Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Non sono né un artista né un poeta.
          Ho trascorso i miei giorni scrivendo e dipingendo,
          ma non sono in sintonia
          con i miei giorni e le mie notti.
          Sono una nube,
          una nube che si confonde con gli oggetti,
          ma ad essi mai si unisce.
          Sono una nube,
          e nella nube è la mia solitudine,
          la mia fame e la mia sete.
          La calamità è che la nube, la mia realtà,
          anela di udire qualcunaltro che dica:
          <<Non sei solo in questo mondo
          ma siamo due, insieme,
          e io so chi sei tu>>.
          Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: mor-joy

            Ricordo

            Non lascio che neanche un singolo fantasma del ricordo
            svanisca con le nuvole,
            ed è la mia perenne consapevolezza del passato
            che causa a volte il mio dolore.
            ma se dovessi scegliere tra gioia e dolore,
            non scambierei i dolori del mio cuore
            con le gioie del mondo intero.
            Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Patty Diphusa
              Nessuno può rivelarvi nulla
              se non ciò che già si trova
              in stato di dormiveglia
              nell’albeggiare della nostra conoscenza.
              L’insegnante che avanza
              nell’ombra del tempio,
              fra i suoi discepoli,
              non trasmette la sua sapienza,
              ma piuttosto la sua fede
              e la sua amorevolezza.
              Se è veramente saggio,
              non vi introdurrà
              nella casa della sua sapienza,
              ma vi accompagnerà
              alla soglia
              della vostra mente.
              Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Elisa Iacobellis
                Camminavo sulla sabbia. Bassa marea.
                E giù, oltre, la curva, scrissi un verso sulla sabbia.
                E in quel verso scrissi quel che la mia mente pensava
                e ciò che la mia anima desiderava.
                E quando la marea fu alta,
                ritornai, ancora, su quel lido,
                e di ciò che avevo scritto nulla trovai.
                trovai solo i segni del bastone di uno che aveva lì camminato da cieco
                Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: asterisco

                  Sull'amicizia

                  E un adolescente disse: Parlaci dell'Amicizia.
                  E lui rispose dicendo:
                  Il vostro amico è il vostro bisogno saziato.
                  È il campo che seminate con amore e mietete con riconoscenza.
                  È la vostra mensa e il vostro focolare.
                  Poiché, affamati, vi rifugiate in lui e lo ricercate per la vostra pace.

                  Quando l'amico vi confida il suo pensiero, non negategli la vostra approvazione, né abbiate paura di contraddirlo.
                  E quando tace, il vostro cuore non smetta di ascoltare il suo cuore:
                  Nell'amicizia ogni pensiero, ogni desiderio, ogni attesa nasce in silenzio e viene condiviso con inesprimibile gioia.
                  Quando vi separate dall'amico non rattristatevi:
                  La sua assenza può chiarirvi ciò che in lui più amate, come allo scalatore la montagna è più chiara della pianura.
                  E non vi sia nell'amicizia altro scopo che l'approfondimento dello spirito.
                  Poiché l'amore che non cerca in tutti i modi lo schiudersi del proprio mistero non è amore, ma una rete lanciata in avanti e che afferra solo ciò che è vano.

                  E il meglio di voi sia per l'amico vostro.
                  Se lui dovrà conoscere il riflusso della vostra marea, fate che ne conosca anche la piena.
                  Quale amico è il vostro, per cercarlo nelle ore di morte?
                  Cercatelo sempre nelle ore di vita.
                  Poiché lui può colmare ogni vostro bisogno, ma non il vostro vuoto.
                  E condividete i piaceri sorridendo nella dolcezza dell'amicizia.
                  Poiché nella rugiada delle piccole cose il cuore ritrova il suo mattino e si ristora.
                  Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)
                  Vota la poesia: Commenta