Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Zarky

La zuccottina speciale

Il seme con gran cura il contadino piantò,
ed una zucca con amore dalla terra poi spuntò.
Di vari tipi in giro ce ne son,
ma solo dal duro terreno poi buone esse son,
Ogni tanto di altre zucche si parlavan,
come a scuola che i maestri sovente battevan,
per vedere se tali "zucche" vuote risuonavan.
Alla Festa di Novembre una zucca si svuotava,
un lumino acceso in essa si poneva
dopo gli intagli che la mano esperta lavorava,
al balcone poi la si esponeva,
e la gente che da lì passava
quanta paura si prendeva!
Una prelibatezza essa può diventar,
se dal cuoco prima la si fa passar.
Per i raffinati che la sapranno assaporar
diviene una gioia di sapori da degustar.
Nel suo diventar la zucca a primavera nasce,
per tutta l'estate essa così cresce,
in autunno poi svuotandola si guarnisce,
infine l'inverno i suoi semi le labbra insaporisce.
Ma la zucca più bellina ed interessante,
affabile, gentile, dolce e conciliante,
la quale sa essere anche intrigante,
sei Tu, quella Zuccottina, con il tuo sorriso così smaliante,
ove negli occhi una luce risplende sfavillante,
che sa far divenire il suo Zuccotto errante
una persona veramente importante.
Ivan Del Mastro
Composta venerdì 20 luglio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Zarky
    L'amore
    è paziente
    è benigno
    gioisce per la verità
    tollera ogni cosa
    crede ogni cosa
    spera ogni cosa
    sopporta ogni cosa

    non prova invidia
    non si mette in mostra
    non si gonfia d'orgoglio
    non si comporta in modo indecoroso
    non cerca le cose proprie
    non si irrita
    non sospetta il male
    non si rallegra dell'ingiustizia.
    Ivan Del Mastro
    Composta domenica 3 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Zarky

      Egli

      Quando, mio stanco cuor, poserai? Perché illusione non perì,
      inganno ch'eterno mi credei. Vive. Ben sentì
      dentro me. Che noi speme non avemmo,
      ma cari inganni, l'alba d'un figlio. Nella spelonca or posammo.
      Troppo assai palpitasti. Sussurri, non val cosa nessuna
      i suoi moti, dei suoi sorrisi la terra non è degna. La vita altro non è
      amarezza e delusioni; fango è il mondo. T'acquieterai una ad una,
      Dispera l'ultima volta. Destino infame, all'umanità dipartita regalasti. Cuor mio ch'è
      ricalcitante; ch'esso conduce in quel figlio, ch'è anche immortalità tua.
      Ivan Del Mastro
      Composta lunedì 28 gennaio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Zarky

        La Poesia

        La Poesia,
        la disarmonia
        ch'essa portò via.

        Si prendono sentimenti e turbamenti
        emozioni e tentazioni,
        ben si mescola e si amalgama,
        con un brodo di fantasia
        ci si fan su una poesia,
        che si mastica e si sublima.

        Con la penna si continò
        l'ultima stesura fin ch'essa segnò,
        per mandarla giù,
        un bicchier d'erbe naturali d'amaro
        aiutò a digerir ciò che non è chiaro,
        per poi non pensarci più.

        Questa Poesia,
        con la rima tentò,
        la malinconia portar via,
        se ci riuscì proprio non sò,
        ma almeno essa ci provò!

        11 dicembre 2011
        Firmato un romantico perso nei tempi
        (ispirtata da altri scritti)
        Ivan Del Mastro
        Composta domenica 11 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Zarky

          Serata

          Tanto m'incanti
          O dea sconsiderata
          O fata mascherata
          Nella brume delle notti
          Ristori cuori rotti

          Ora m'appaghi
          Soave intenditrice
          Con versi d'autrice
          Regalando dolcezza
          Al soffiar della brezza

          Rimbocchi le coperte
          Asciughi lacrime salate
          Che dai ricordi vengono versate
          Mentre custodisci teneramente
          I sogni della gente

          Mia cara splendente Serata
          Quando arrivi te
          Una nuova alba
          Si posa sopra di me.
          Ivan Del Mastro
          Composta lunedì 19 marzo 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Zarky

            Risveglio mattutino

            Son tempi che mai più l'ho ritrovata,
            la felicità che mi è stata rubata.

            Mentre lacrime scendono lentamente,
            avvien il risveglio con il passato nella mente.

            Solo nebbia vedo nella mia cucina,
            mentre preparo la colazione l'addì mattina.

            Attendo il suono del caffè sul fornello,
            mentre mi reggo tristemente contro il lavello.

            Sperando il ritorno della fu mia amata,
            riflette nel cristallo la mia anima rifiutata.

            Alzo la testa verso il soffitto,
            ascoltando la voce del mio petto.

            I secondi scandisce il cuore pulsando,
            di remoti ricordi egli sta vivendo.

            La malinconia spingo a divenir di ieri,
            così mi costringo di sorridenti pensieri.

            Rassegnarmi con un sospiro debbo, a capo chino,
            questo oramai il mio risveglio mattutino.

            18 dicembre 2011
            Un romantico perso nei tempi.
            Ivan Del Mastro
            Composta domenica 18 dicembre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Zarky

              La fiducia smarrita!

              Il tuo amore a me non volge,
              ma te nel mio cuore io porterò,
              quel che dirò or mi sconvolge,
              del resto nella mia vita così ti avrò.

              Togli da me ogni corazza,
              fai di me lo scrigno senza chiave,
              il mio sguardo sull'arcobaleno fugge e scorazza,
              come un respiro tenue e soave.

              Le tue ferite, Io, se guarir potrò
              il mio intento così raggiunto avrò.
              Il sol modo per cui unico sarò,
              attraverso gli occhi io parlarti dovrò.

              Il tempo renderò infinito,
              la fiducia che tu hai smarrito,
              non so... ma hai già capito?
              Il tuo capo ha annuito,
              ridonarla a te sarà il mio compito ardito.

              Sei tu la Donna, di cui io non potei
              mai immaginar,
              che un Uomo completo, la di Lei
              mi potesse far diventar.
              Ivan Del Mastro
              Composta mercoledì 9 novembre 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Zarky

                Il tuo Cuore

                Vita mia al sorgere del sole,
                albeggiano i miei occhi pieni d'amore,
                così tu inizi a riscaldar il mio cuore...

                Fiore sgargiante di aromi profumati
                gentile donzella di lucenti sorrisi,
                occhi splendenti dal cielo cullati
                in me i tuoi sguardi ormai sono incisi.

                Il mio amore puro e impetuoso
                come un fiume discreto e maestoso,
                sgorga sublime e incessante
                dalla preziosa e cristallina sorgente.

                Nella notte dall'alto sguardi incantati
                vedono il risuonar di baci sfavillanti,
                che echeggiano lontano canti d'innamorati,
                donando al cielo nuovi astri brillanti.

                Il tuo Cuore,
                un clamore
                di stelle e candore
                mi ha donato il vero Amore.

                Un romantico perso nei tempi.
                Ivan Del Mastro
                Composta sabato 1 ottobre 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Zarky

                  Quando l'Amore...

                  In te son diffidente...

                  ma ti mostri sfavillante stella del mattino
                  che illumini per prima il mio cammino.

                  Sai darmi oltre il fabbisogno,
                  luce per risplendere,
                  acqua per innaffiare,
                  cibo per degustare.
                  Fiabesco come in un sogno!

                  Vizi la mia anima,
                  decori il mio giardino,
                  riscaldi il mio cuore,
                  risuoni della mia musica.

                  Aggiungi alla mia alba tenero tepore,
                  ai miei giorni soave calore.
                  Aggiungi ai miei tramonti futuro e speranza,
                  alle mie notti riposo d'esuberanza.

                  Ti scopro giorno dopo giorno,
                  mese dopo mese.
                  Passano gli anni senza mai stancarti,
                  per me sei pieno di passione,
                  e finalmente provo ad accarezzarti.

                  Sei con me,
                  su di me,
                  dentro di me,
                  respiri e mi avvolgi,
                  mi vivi e coinvolgi.

                  All'oceano rifletto con lo sguardo in basso,
                  ora la diffidenza potrò gettar via nell'abisso.
                  Finalmente il cuore ti potrò cedere,
                  con te il calice dell'eternità desidero bere.

                  Alzo gli occhi per darti gioia ed estasiarti,
                  con la mia vita voglio ringraziarti,
                  la fiducia in te riconquistata, solo per deliziarti...

                  ... quando orribilmente scoprii che da tempo mi lasciasti.
                  Quando l'amore... morì. E mai più ti ridestasti.
                  Il dono della fiducia, mi donasti.

                  Firmato da un innamorato.
                  Ivan Del Mastro
                  Composta venerdì 5 agosto 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Zarky

                    Inizio di una vita insieme

                    Conoscimi,
                    come fosse il tuo desiderio
                    una sola parola, mille sapori,
                    la semplice soluzione ai tuoi dolori.

                    Conoscimi,
                    come una strada nuova
                    è una via piena di sensazioni,
                    intrisa di infinite sfavillanti emozioni.

                    Conoscimi,
                    un lungo cammino
                    da un primo passo,
                    solido come lo è un gran masso.
                    Ore, giorni e settimane
                    scandivano il tempo che scorre,
                    mesi, anni e decenni
                    rintoccheranno il tempo dell'amore.

                    Conoscimi,
                    il passato sarà relativo,
                    il futuro meravigliosamente positivo,
                    ogni tuo istante diverrà... superlativo.
                    Ivan Del Mastro
                    Composta martedì 26 luglio 2011
                    Vota la poesia: Commenta