Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Lo specchio d'acqua

Un ronzio fastidioso
fa girare la testa
da una parte all'altra.

Non è la mosca,
nemmeno la zanzara,
è un suono che porta dentro...

Corre, corre più che può,
si ferma solo quando trova
uno specchio d'acqua.

È suo il viso riflesso...

Affonda una mano,
bagna la fronte...

Ha finalmente ritrovato
sé stesso.
Giorgio De Luca
Composta mercoledì 2 marzo 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Una lacrima d'amore

    Si è posata sulla fronte
    come una gemma
    la tua lacrima...

    In cielo, Mamma,
    arriva il mio pianto?

    Non mi basta
    la carezza del vento,
    il bacio di una stella...

    Questi occhi non hanno
    più luce, sono spenti
    come i tuoi.

    Non voglio pietà,
    ciò che cerco
    è un altra cosa...

    Mamma, ricorda
    che stasera ti aspetto.
    Giorgio De Luca
    Composta martedì 1 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Ricordi e Pensieri

      Il cielo diventa scuro all'improvviso.

      Un tuono squarcia il silenzio,
      la paura mozza il respiro.

      Ricordi e pensieri si intrecciano,
      si rincorrono...

      Con la freccia vorrebbe tirare
      una pietra in cielo,
      spaccare la nuvola nera.

      Sogna una barca che lo porta lontano...
      ... fino a quando si placa il vento.
      Giorgio De Luca
      Composta giovedì 19 ottobre 2000
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Pecché propie a mmè

        Quande sòne la campàne
        m'arvè 'mmènte Ddìje
        e m'addummànne pecché
        à capetàte propie a mmè.

        La respòste nn'arrìve e allòre
        ahàveze lu sguàrde 'n giele
        e prèhe ch'arrìve prèste l'ore.


        Perché proprio a me

        Quando suona la campana
        mi torna in mente Dio
        e mi chiedo perché
        è capitato proprio a me.

        La risposta non arriva e allora
        alzo lo sguardo al cielo e prego
        che arrivi presto l'ora.
        Giorgio De Luca
        Composta giovedì 7 dicembre 2000
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giorgio De Luca

          Quante volte da bambina...

          Quante volte da bambina
          sei rimasta incantata
          a guardare il tramonto...

          ... e quante volte
          hai visto nascere il giorno
          vestito di primavera.

          L'autunno è colore...

          Lungo il sentiero
          scorre l'acqua chiara
          della giovinezza.

          Il canto d'usignolo
          ti accompagna per la via
          che profuma di fiori e grano
          appena tagliato...
          Giorgio De Luca
          Composta domenica 3 luglio 2005
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Giorgio De Luca

            Suonate Trombettieri!

            Suonate trombettieri!

            Suonate...

            Suonate il silenzio se avete ancora fiato!

            Suonate per i poveri soldati
            caduti faccia a terra
            senza vedere il colore delle stelle!

            Mamma bugiarda...

            Hai vestito d'Autunno i tuoi Figli
            per lasciarli nudi d'Inverno.

            Piange il cuore, resta muto!

            Muto come l'acqua del Piave
            macchiato di sangue.

            Suonate trombettieri!

            Suonate...

            Suonate il silenzio se avete ancora fiato!
            Giorgio De Luca
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Giorgio De Luca

              In cerca di sorrisi

              Esplora paradisi di solitudine
              confusa nel silenzio del tempo
              indossando mantelli di nuvole.

              Ascolta il triste canto degli uomini
              nel rifugio segreto degli angeli.

              Guarda distrattamente le rondini
              agitare le ali spaventate al vento,
              i sogni svanire nel sordo abbraccio
              del giorno.

              Nel riverbero di un antro entrano
              a scavare solchi di dolore i ricordi.

              La pioggia cade, annoda lacrime...

              Voci di tremanti foglie nell'aria
              che avvolge.

              Prende per mano l'ombra,
              l'accarezza.

              La porta con sé in cerca di sorrisi.
              Giorgio De Luca
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Giorgio De Luca

                Il Pirata

                14 Febbraio 2004
                Ultima tappa:
                Cesenatico - Cima Paradiso.

                La strada non smette di salire...

                Una bandana nera copre
                la testa rasata del pirata,
                perle di sudore disegnano il viso.

                Un ghigno...

                Pedala tra le nuvole,
                a fatica.

                Il traguardo è vicino...

                Sorride.

                L'ultima curva...

                L'arrivo solitario a braccia alzate
                tra i tornanti del cielo.

                La maglia celeste!
                Giorgio De Luca
                Composta domenica 14 febbraio 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Giorgio De Luca

                  Portami con te

                  Togli quella maschera di tristezza
                  che t'adombra il viso,
                  buttala via.

                  Le rondini sono tornate a volare,
                  le campane a suonare.

                  Il sole fa capolino tra nuvole bizzarre,
                  una piccola lacrima scende
                  a bagnarti le labbra.

                  Non piangere, la nostra è stata
                  una lunga storia d'amore.

                  Le mie parole sono chiuse dentro
                  uno scrigno d'argento, sepolte
                  sotto un cumulo di terra.

                  A parlarti sarà la mia anima...
                  ad accarezzarti il mio respiro...
                  a baciarti il tiepido alitare di vento.

                  Non andare via senza aver lasciato
                  acceso un lume, sai che ho paura
                  del buio.

                  Portami con te, lasciami vivere
                  dentro le pareti del cuore.

                  Per sempre.

                  I miei passi hanno lasciato orme
                  lungo il sentiero bordato di rose...
                  Giorgio De Luca
                  Composta sabato 11 dicembre 2010
                  Vota la poesia: Commenta