Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Cetty Cannatella

Poeta e aforista, nato giovedì 24 aprile 1969 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Cetty Cannatella

A mia madre

Amami madre mia...
Giusta o sbagliata che io sia...
Amami.
Non giudicarmi...
Non tentare di cambiare il mio spirito.
Accetta questa figlia che passeggia fra le parole...
Non guardarmi con rimprovero ma abbracciami...
Non dirmi che sono grande...
I figli dentro il cuore di una madre... sono sempre piccoli e scalciano ancora nel suo ventre.
In quel ventre dove il. mondo non poteva mai fargli male.
Cetty Cannatella
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cetty Cannatella

    L'immagine non ha bisogno di parole

    Ma io sono quella che si ribella a Orfeo
    perché ha lasciato la mano ad Euridice
    Quella che dice ad Arianna:
    corri avvolgi il filo rosso e bacia il tuo Teseo.
    E adesso mi tocca discutere con Platone e il suo Simposio.
    Dice che ognuno ha mezza mela esatta in giro per il mondo
    ma se la mela perde pure l'altro seme?
    Come può sentirsi completa, non può!
    Le mancherà sempre qualcosa.
    Socrate sorrise e mi guardò, come dire: te l'avevo detto?
    Ma da ribelle quale sono rispondo,
    il seme non è perso io l'ho piantato
    e radicato con immenso amore io ho fede nel mio credo
    e ne raccoglierò i frutti
    se questo non accadrà la mia fede mi sorreggerà.
    .
    Cetty Cannatella
    Composta martedì 6 settembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cetty Cannatella
      Ti ho amato perché avevo bisogno d'amore.
      Ti ho viziato e reso grande agli occhi degli altri.
      Ti ho mostrato grandi cose facendomi piccola piccola
      e tu grande davanti agli altri.
      Ma tu sai cosa vuol dire amare?
      Sai dare senza rinfacciare?
      Sai rinunciare senza che ti pesi per amor della tua donna?
      Tu sai solo offendere.
      Tu sai solo giudicare dici sempre che mi hai amato.
      Ma tu dell'amore non sai neanche riconoscere i colori o le radici.
      Cetty Cannatella
      Composta martedì 6 settembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cetty Cannatella

        La mia terra

        A volte penso: ti vedo bellissima perché sei la mia terra... come una madre guarda la figlia.
        Invece no!
        Sei meravigliosa e selvaggia, sei picciridda e gran dama.
        Sei indomita e gentile.
        Sei semplicemente come quella femmina che tutti desiderano, conquistano e alla fine si innamorano e tu sorridi monella nel tuo splendore.
        Cetty Cannatella
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cetty Cannatella

          Santa Rosalia

          Stamatina, stanca e cu' disiu ri scappari ri tutti i pinzieri
          Minni ivu a Munti Piddirinu, na du beddu spiazzali, unni c'è a nostra Santuzza ca ni talia, unni u munti si vasa cu mari e cu u suli. Appena arrivavu, ristavù ncantata
          Mi scuiddavu i pinzieri
          Taliava a me tierra, biedda! china ri suli, un cielo ca pari un mantu di Madonna, u mari azzurro e brillanti comu u cristallo, u ciavuru ra zagara ca ti inchi e t'abbrazza.
          Pinsavu: che biedda a me tierra!
          A chiu biedda ru munnu! peccato ca na maniata ri latri sa stannu manciannu, na maniata ri cristiani ca cu a giacca e a cravatta su tutti signori e poi arruobbanu, e i puvirieddi, chiddi oniesti, hannu a viriri i fighi ca si ni scappanu, a Palermo un ci vuonnu stari.... picchi si vuò travaghiari prima tà fari raccumannari? Isavu l'uocchi
          e t'aliavu a Santuzza
          Ci rissi: ma tu nienti po fari?
          Unnu viri comu nà riduciemu?
          semu stanchi, mettici na manu tu Santuzza mia!
          Palermo avi ancora bisogno ri tia...
          Avi sempri bisogni ri tia...
          U me cori si strinciu e taliannu a statua cu l'uocchi chini i chiantu....
          Mi passi i sientiri un coro di ave maria
          Mi giravu
          era Palermo ca' priava cu' mia.
          Cetty Cannatella
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Cetty Cannatella

            Non ti perderò di Alzheimer

            E nel silenzio dei tuoi sbiaditi ricordi non c'erano più le voci degli alunni, né le pagine dei tuoi libri...
            Non c'erano più fiabe, pensieri di donna colta, di mamma tenera, di insegnante.
            Tu sole al tramonto, hai dato amore, calore... sfogliato pagine finché hai potuto.
            E ti ho abbracciata forte, accarezzata per non sentire dolore, per ritrovarti e ritrovarmi.
            E ci sarai in ogni ricordo, in un libro che non sò, in un fiore che sboccia in primavera, nel pianto di un bambino.
            Ci sarai lì dove c'è amore, lì dove il canto di una mamma non si dimentica mai.
            Tu smarrita sei andata via, io ti ho vista volare ma non ti ho persa mai.
            Cetty Cannatella
            Composta venerdì 4 gennaio 2019
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Cetty Cannatella

              Il mio Dio non uccide

              Piangono gli occhi di chi ha perso i figli
              le mogli
              i mariti
              i fratelli
              il padre, la madre
              l'amico.
              Urlano i bimbi
              i grandi in ginocchio
              attoniti davanti all'orrore di corpi straziati, innocenti.
              Terroristi senza cuore e anima,
              loro innalzano la giustizia di un Dio.
              Ma quale Dio?
              Quale?
              Io non riconosco un Dio che vuole morte
              non posso inneggiare a una pazzia che miete cruenti visioni
              il terrorista è solo un pazzo senza coraggio,
              che uccide senza guardare il volto dei bambini
              il loro Dio non è il mio
              non è il nostro
              non è un Dio riconosciuto
              è solo un maledetto inno alla morte,
              alla follia e alle barbarie di uomini persi nella follia omicida.
              Uomini senza anima
              senza Dio.
              Cetty Cannatella
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Cetty Cannatella

                Intreccio d'amuri

                Amuri ca ntrizza li cainni
                ca scoppia li cori
                a fami d'amuri num passa
                s'arraggia
                si sciunna
                si vivinu l'anima
                l'occhi si trasinu rintra li vini.
                S'affunna
                e doppu lu sciatu sprufunna
                respiru ca inchi ogni cosa
                sururi
                paruli ri amuri
                si strincinu forti
                picchi a passioni ci ntrizza li ammi
                ci ntrizza la sorti
                ci ntrizza chiu forti
                stremati
                felici
                prigionieri d'amuri e ri gruppa ca strincinu i vini,
                miscanu ù sangu e vasanu ù cori.

                Traduzione.
                Amore che intreccia le membra
                che fa scoppiare i cuori
                la fame d'amore non passa...
                si adira dal desiderio
                si graffia
                si bevono l'anima
                gli sguardi penetrano fino alle vene
                affondano...
                e poi il fiato sprofonda in essi
                respiro che riempie ogni cosa
                sudore...
                parole d'amore
                si stringono forte
                stremati
                felici
                prigionieri d'amore e dei nodi che stringono le loro vene,
                mischiano il sangue e baciano il cuore.
                Cetty Cannatella
                Vota la poesia: Commenta