Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonietta Palermo

Scrivo e leggo molto., nato mercoledì 10 aprile 1957 a Rocca Imperiale (CS) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: nina.*

Sogno e bisogni

Sogno nei Sogni
Sogno il paese delle fate
Afferriamo le ali come farfalle
Voliamo nella fantasia
di un'Apocalisse,
nel tunnel delle ombre ci difendiamo.
Scacciamo gnomi e folletti
camuffati,
da piccoli animaletti
mostriciattoli, senza corpo
senz'anima
a volte tocchiamo
le stelle, ci attacchiamo
alla coda di una cometa.

E sogni...

Sogni le ombre colorate
Sogni l'arcobaleno dei sette colori
che unisce i due poli
Sogno questa alleanza che ci
unisce a Fratellanza.
Antonietta Palermo
Composta sabato 11 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: nina.*

    Irrequieta esistenza

    Irrequieta esistenza
    non rovinerà certo il misterioso
    piacere del primo sguardo
    e della prima conoscenza.

    Chi ama troverà qui ogni giorno tesori
    e gioie inaspettate.

    Ricordo... l'esperienza ingenua
    e l'improvvisata,
    ha la prevalenza su quanto è stato
    accuratamente progettato.
    Antonietta Palermo
    Composta giovedì 9 luglio 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: nina.*

      Sole che sorgi

      Cos'è l'amore!
      E una parola importante
      Che illumina chi è innamorato
      attorno a te c'è amore e tu lo sei
      a ore è un cuore che batte
      e quello spunto che fa sopportare tutto...
      è il sole che sorge
      Ti amo, si ti amo
      Tu che leggi fra queste mie righe,
      i miei segreti
      Tu che hai fretta di terminare un compito,
      perché in te non c'è interesse
      fermati, non correre oltre, io sono
      solo una piccola grande parola
      Chi sono io per toccare il tuo cuore a in tua insaputa
      Io oggi ho riscelto te
      Parecchie volte ho bussato al tuo cuore, non c'eri
      Sai, cosa avevi perso? L'amore...
      Antonietta Palermo
      Composta giovedì 20 settembre 2001
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: nina.*

        Tutto è, in me

        Se voi sapeste dove incomincia
        il cuore e finisce l'anima
        Non mi chiedereste chi son "io"
        Ascolta il silente richiamo
        dell'anima mia
        i colori - la luce - l'allegria... c'è
        tutto è, in me
        Non vedete - la quercia!
        Ormai i suoi rami - le sue radici
        son nella profondità
        che toccano il centro del cuore della terra
        e basta, parlare...
        Voi non sapete cosa dite!
        Se vi posate ad ascoltare, sotto
        i rami della quercia...
        Ascoltate... Sentite i battiti...
        Sono un artista errante
        pieno di provocazioni
        oh, anima silenziosa
        dove sei nascosta
        Io son, colui che non conosci
        son il tuo respiro.
        Son quello che espone il suo nudo
        a chi non vede
        Eppur, ti tento con la mia indole
        ti distruggo sotto il mio colore
        ti plasmo a mia volontà
        e... a sintonia di Mozart
        ti creo a meraviglia dell'anima mia
        infinito amore, del mio cuore
        arte amante mia!
        Antonietta Palermo
        Composta giovedì 23 settembre 2004
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: nina.*

          Dianzi

          Il vezzo leggiadro.
          Come una grazia, li attiri.
          Lasciarsi cullare dalle parole
          come alito di vento
          mi sfiora.
          Medesimo il tuo pensiero
          romantico, dolce, sublime,
          che fluttuano qua... e la
          gli angoli del corpo.
          Una è rotolata, la recupero... mi dice:
          "Dianzi, mia poetessa".
          Antonietta Palermo
          Composta venerdì 10 maggio 1996
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: nina.*

            Riflessioni

            Intramontabile orizzonte,
            scorre l'acqua fredda nel torrente,
            limpida.
            M'inchino
            le mie braccia sfrecciano
            nell'acqua gelata
            un pugno freddo gelido
            mi scorre dal viso,
            giù verso il seno
            Un brivido!
            Il tinttinio delle foglie fra i rami
            intravvedo i raggi violenti
            sino a me per accecarmi,
            chiudo gli occhi, per assaporare
            l'entrata del nuovo giorno.
            Il mio spazio si è ristretto
            l'acqua scorre, limpida
            è lì, c'eri tu,
            curvo a meditare, a pregare,
            una goccia di rugiada,
            di una foglia solitaria,
            cade lì, scompare,
            il dolce eremita
            che medita.
            Antonietta Palermo
            Composta domenica 7 luglio 1996
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: nina.*

              Passione

              Grande avventuriero
              per piccole emozioni
              e grande l'amore per... il prossimo,
              tanta la grandezza del tuo deltaplano
              amore non credi, amore non vuoi,
              amare neppure
              Sentimenti di carta stracciata
              rincorrendo avventure del passato.
              Guardar oltre è possibile
              fantasticare meno
              Amori col sapore di sale
              sfiorare il tuo tempo, con lunghi
              spazi bui - non cerchi amore
              i sentimenti superano
              l'attesa dell'avventura
              il cuor e è grande, troppo per non sentire
              per non sentirsi
              i tuoi orgasmi in volo
              Ne donna esperta in amore ti può dare
              false parole per nascondere, la voglia
              persa, di lunghi anni sprecati con
              donne senza rispetto
              Sentimenti censurati, trattenute da
              false voglie non sfogate... private... frenate
              per non sentire, il desiderio della tua vera
              passione.
              Antonietta Palermo
              Composta sabato 13 gennaio 1996
              Vota la poesia: Commenta