Due vite

Mentre in tv discutono
qualcuno perde il lavoro.
Mentre stanno in poltrona
ad una conferenza
qualcuno si trascina sfinito per strada.
Mentre si fanno fotografare nei ristoranti qualcuno fruga nei cassonetti.
Mentre sono in vacanza
qualcuno si è dato fuoco.
Mentre sono ad un congresso
qualcuno si impicca,
qualcuno si rovina.
Mentre parlano di giustizia
qualcuno ruba,
e non paga.
Mentre loro litigano
qualcuno chiude la porta di casa
per l'ultima volta.
Mentre predicano bene in televisione
razzolano male nella vita.
Mentre loro si ricordano di noi
per il voto
noi ci ricordiamo di loro,
sempre,
con odio.
Alexandre Cuissardes
Composta domenica 17 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta

    Rumore secco

    Io ho sparato,
    con odio
    e con giusta mira.
    Io ho sparato
    quando ero sicuro di poter sparare.
    Io ho sparato
    mentre pensavo ad altri,
    ed ho colpito,
    in quello specchio
    la mia immagine,
    caduta in pezzi
    lasciandomi in piedi,
    vivo,
    senza più l'ultimo colpo.
    Io ho sparato,
    ma ho sbagliato.
    Alexandre Cuissardes
    Composta domenica 17 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      L'arcangelo

      Mentre stanno in poltrona
      ad una conferenza sul nulla
      qualcuno si trascina sfinito per strada.
      Mentre si fanno fotografare nei ristoranti
      qualcuno fruga nei cassonetti,
      mentre sono in vacanza
      qualcuno si è dato fuoco.
      qualcuno si è impiccato,
      qualcuno muore di crepacuore,
      o si è rovinato.
      Mentre parlano di giustizia
      qualcuno ruba,
      e non paga.
      Mentre loro litigano
      e fanno il quotidiano esercizio di cattivo esempio
      qualcuno chiude la porta di casa
      per l'ultima volta.
      Ma chissà che non ci sia qualcuno
      che si incazza davvero
      e pensa
      a come organizzare la loro ultima volta.
      Alexandre Cuissardes
      Composta domenica 17 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Avventura sventurata

        "da dove vieni?"
        "Sono olandese,
        come il formaggio",
        che frase banale.
        Ma mi era sfuggita,
        che figura di merda.
        Non ci fece caso,
        donna intelligente,
        o forse il mio inglese
        era poco comprensibile
        e mi aveva salvato.
        A letto fu un fiasco,
        non ero pronto
        o forse fu un fiasco e basta.
        Io lo capivo l'inglese,
        -you have done it seven times-
        È rimasta una sciarpa,
        ancora la porto
        mi avvolge il collo il suo ricordo.
        Alexandre Cuissardes
        Composta domenica 17 febbraio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di