Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: ODIOSA
Quel volto stanco
in quella bella chioma bianca
Quelle gambe doloranti
di un omone che un tempo
sollevava il mondo,
Il cuore che si beffa di te
con i suoi capricci.
Un brivido mi sale su per le spalle,
il pensiero di poterti perdere
mi annebbia la vista;
mi rivedo piccina
quando bastavano
le tue mani grandi
a donarmi coraggio
Adesso mentre ti guardo
so solo dirti
"grazie papà per quel sorriso
che non ti lascia mai"
Tindara Cannistrà
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: ODIOSA
    Portami sui petali di un fiore
    come una coccinella
    che ti colora l'aurora

    portami nel tuo cielo stellato
    come la cometa
    che ti indica la meta

    portami nei tuoi giorni freddi
    come un raggio
    che ti dona il coraggio

    portami nelle tue notti calde
    come un sogno
    di cui senti il bisogno

    portami in un angolo
    del tuo cuore
    conservando il mio amore.
    Tindara Cannistrà
    Composta martedì 9 febbraio 2010
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: ODIOSA
      Per Natale
      non voglio luci colorate
      che illuminino strade agghindate
      non voglio omini di rosso vestiti
      che fingono divertiti
      Per Natale
      voglio un sorriso
      che ci illumini il viso
      voglio un angioletto piccino
      che ci stia sempre vicino
      Per natale
      voglio donare il mio cuore
      perché è lì che ho messo
      tutto l'amore.
      Tindara Cannistrà
      Composta lunedì 21 dicembre 2009
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: ODIOSA
        Volevo dirtelo
        che dal mio cielo scuro è sbucato
        un raggio di sole

        Volevo dirtelo
        che ho chiuso gli occhi per cercare il tuo volto
        ed ho visto solo il suo sorriso

        Volevo dirtelo
        che puoi aprire le ali e spiccare
        il volo verso il tuo orizzonte

        Volevo dirtelo
        che gli incubi possono sembrare sogni
        e gli angeli apparire mostri

        Tu, anima in cerca della tua ombra
        Io, creatura di un mondo diverso
        Perdonami per averti tenuto
        prigioniero... nel mio cuore.
        Tindara Cannistrà
        Vota la frase: Commenta