Post inseriti da Silvia Nelli

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Silvia Nelli
Non è andarsene dalla vita di qualcuno a fare male, ma a ferire è tutto ciò che ti ha portato a farlo. L'indifferenza e il silenzio mentre ci sei. Aver scelto quella persona sempre prima di chiunque altro e capire che tu invece venivi scelta sempre dopo tutte le altre. Un'indifferenza che fa male non quando te ne vai, ma quando ci sei e capisci che sei trasparente. Fa male l'arroganza, la presunzione che l'esser buoni e voler bene è stare seduti in un angolo a guardare, soffrire ed aspettare. Fa male arrivarci a scegliere di "andarsene", ma una volta che ti volti sei già così lontano che dolore non ne senti più. Senti amarezza, tanta, ma per non essertene andata prima.
Composto domenica 15 maggio 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Sono una persona fatta di fragilità che amo e non voglio perdere. La mia sensibilità è qualcosa che porto con orgoglio. Ogni ferita che mi ha segnato con una nuova cicatrice è una medaglia d'onore in più per la mia umanità. Se perdessi questo mio lato, se lo lasciassi morire o semplicemente lo nascondessi al mondo io non sarei più la persona che sono. Una persona da una forza indescrivibile. Quella forza che riesco a trovare dentro me proprio grazie alla mia fragilità. È la voglia di riscatto e di rivincita che mi fa tornare a sorridere.
    Composto sabato 14 maggio 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Posso avere tutto il tempo di questo mondo, passare le mie giornate seduto a non far nulla, posso annoiarmi a morte, ma se tu non meriti non ti regalo nemmeno un secondo di quel tempo e non riempirò con te nemmeno una "goccia" della mia noia. Posso volere bene a qualcuno fino allo sfinimento, soffrirci, starci male, sentirne anche la mancanza, ma se di quel bene mai ti è importato non verrò certamente a farti presente che in me ancora esiste. Sapere quando è il caso di "mettersi in gioco" è sinonimo di maturità, ma riconoscere quando siamo noi ad essere solo "un gioco" è classe!
      Composto venerdì 13 maggio 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        All'ingresso della mia anima ci sono due porte che danno l'accesso alla mia personalità, in base a come ti presenti di fronte ad esse scegli tu stesso quale delle due aprire. Esiste una porta che ti darà l'accesso ad un percorso pacato e docile. Un percorso fatto di sorrisi, complicità e piccole dolcezze. Stai percorrendo la strada verso il cuore, l'anima e la parte più bella di me. Quella parte dove non sempre tutto è roseo, ma sicuramente è quella parte dove io mi batto e lotto perché i momenti "grigi" possano sparire. Stai risvegliando la bellezza di una persona, stai tirando fuori il meglio che c'è in me. Più avanti potrai far confrontare le tue idee con le mie, potrai far assorbire le tue paure alle mie, potrai fare in modo che il tuo domani sia complice del mio. Se non ferirai in modo irreversibile le pareti di quel cammino abbraccerai la mia "fiducia" e ne sarai beneficiario per sempre. Poi c'è la seconda porta... quella che dà l'accesso ad un percorso fatto di scontri, di incomprensioni e spesso di rifiuto. È proprio lì che troverai il lato più scuro di me, quello che non conosce il verbo "donare", ma conosce bene la voce del verbo "restituire"! Sì! Restituire a ciascuno ciò che merita, perché quel lato sa bene cosa significa difendersi. Li percorrerai una strada fatta di sfide. Stai bene attento a non spingerti molto oltre nel cammino e quando ti rendi conto di aver aperto la seconda porta, dammi retta; torna indietro e vattene! Se scegli di proseguire sappi che tirerai fuori il peggio di me. Più avanti ti scontrerai con la cattiveria che i buoni riservano a pochi. Ti batterai con tre soldati, miei alleati: "dignità", "verità" e "giustizia"! E se non ti fermerai finirai per abbracciare l'amarezza di aver provato a distruggere qualcuno che nella vita non regala il male, ma lo conosce a sufficienza per difendersi da esso e restare in piedi a testa alta!
        Composto giovedì 12 maggio 2016
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Io non rimpiango mai ciò che ho donato. Quello che mi dispiace sono i pezzi di me persi e lasciati per strada per qualcuno che invece non meritava. Quei lati che magari amavo e amando si sono persi. Quei sorrisi che non avevano bisogno di parole, ma sotto false parole si sono spenti. Molte sono le cose che ho perso di me, ma tante quelle che ho trovato. Ho trovato la forza, il coraggio, la grinta, l'esperienza e quella maledetta voglia di non vedere mai i "bastardi" vincere.
          Composto giovedì 12 maggio 2016
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di