Post di Roberto Giusti

Autostrade, nato martedì 16 settembre 1980 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Roberto Giusti
Torneremo mai a essere poeti guerrieri, armati del nostro amore e della nostra libertà, esseri liberi e indipendenti da questa società di schiavi, marionette a cui hanno tessuto filo troppo ingarbugliato? Sarò mai un uomo libero da ogni ragione sociale e legge, per sentirmi uomo davvero libero di vivere la mia vita come cazzo mi pare e piace? È giusto quindi pensare di preferire una vita breve, intensa e vissuta, piuttosto che una vita passata a dire "sì padrone" ed inchinarsi praticamente ai voleri altrui. È giusto? Non lo so, ma io credo sia un dovere scegliersi la propria strada, percorso, il proprio destino. Perciò io ci provo e vada come vada, senza rimpianti né rimorsi.
Roberto Giusti
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Roberto Giusti
    Come si può raccontare il dolore se quel dolore lo conosci ma non sai come descriverlo? Ti fa stare male, ma non un male che non puoi controllare. È solo un male lungo, duraturo come le brutte giornate invernali. Fa parte di te, è in te, e tu sai solo che ogni tanto vive, prende il possesso della tua mente e ti ruba ogni pensiero. Ti stringe il cuore in una morsa fino a quasi soffocarti. Ti porta al limite come se avessi una pustola puntata in testa. Pronto a sparare? Avanti spara! Premi quel fottuto il grilletto sembra dirti ossessivamente. E lo fai, sei stanco, distrutto, esasperato. Lo fai, ma non succede nulla. Nessuna pallottola nel caricatore. Solo brividi per quella sana pazzia. L'ultimo scherzo del tuo mai troppo amico dolore. Tutto ricomincia daccapo. Rimetti in sesto i cocci della tua mente, riprendi a ragionare e ancora pensi a come si può raccontare il dolore e sopratutto, se quel dolore raccontato o meno, avrà mai fine.
    Roberto Giusti
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Roberto Giusti
      Finché vedi un tuo parente morto, disteso dentro la bara, è in qualche modo come se fosse vivo, come se ancora potesse parlarti o guardarti. Poi però arriva il momento in cui la bara si chiude, e li ti crollano i nervi. Tutta la disperazione, rassegnazione e rabbia si sfogano, attraverso lacrime più o meno espresse, poco importa. Lì, in quel preciso momento, ti senti davvero morire. La vita ti abbandona e tu abbandoni te stesso, cercando speranza in un Dio che troppo spesso non c'è, o comunque un motivo per quella morte che non riesci a capire. E li, come macabra magia, la tua anima si lega per sempre con quella del tuo caro defunto e tu... non sarai mai più lo stesso. Col dolore cambierai e, sentendoti solo, col suo ricordo invecchierai.
      Roberto Giusti
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Roberto Giusti
        È molto difficile avere a che fare con la paura, è un'idea impetuosa che ti entra in testa e non ti abbandona più. A quel punto, ogni tuo pensiero converge su di essa, rendendoti praticamente paralizzato e incapace di qualsiasi cosa, anche del più semplice e naturale gesto. Lì, proprio in quel preciso momento, puoi soccombere o combattere. Non c'è nulla di male nel soccombere, non c'è vergogna o disonore in questo. Se combatti invece, ovvero se riesci con una forza incredibile di volontà, a scacciare pian piano il monopolio della paura dalla tua mente e a relegarla in un angolo, o quantomeno a conviverci... Ebbene dicevo, lì troverai il tuo mai troppo conosciuto coraggio e un giorno potrai dire finalmente "Io ce l'ho fatta!". Dopodiché, così come fece in passato la paura, un senso di soddisfazione monopolizzerà la tua mente, ti sentirai felice... ti sentirai Dio.
        Roberto Giusti
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Roberto Giusti
          Sotto un cielo costellato di stelle, i pensieri si rincorrono e sembrano divenire infiniti.
          La grandezza del firmamento veglia su di noi e noi proviamo sensazioni miste di piccolezza e maestosità al suo cospetto.
          Siamo solo uomini, ma, in quel momento, ti confronti con Dio, o meglio, con il Dio che risiede in te. E lì ogni cosa ha il suo senso. O forse no. Poco importa.
          Da solo, sotto un cielo costellato di stelle, finalmente ritrovi te stesso, nonché quel primordiale senso smarrito di libertà, e come ogni essere nato libero in natura... ti senti felice di essere vivo.
          Roberto Giusti
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Roberto Giusti
            Cosa si prova ad essere vecchi? È una domanda che mi pongo spesso, quando hai tutta la vita alle spalle e poco e incerto futuro davanti. A cosa si penserà mentre si è soli, riflettendo su tutta la vita trascorsa, i familiari e amici defunti e tu, li, come ultimo baluardo di un tempo che troppo in fretta è passato senza avere avuto poi davvero il tempo di capire chi o che cosa si è davvero vissuto. E si avrà paura?
            Questa la domanda che mi tormenta. Si avrà paura della morte che inevitabilmente si presenterà prima o poi. E sarò davvero pronto a morire? Saprò essere stato fiero di me stesso, delle mie azioni e amori? Potrò dire che cazzo nel mio piccolo ho lasciato il segno, una traccia di me per i miei posteri come mi hanno lasciato i miei avi?
            Non lo so. Accadrà un giorno che ora sembra lontano ma è poi così vicino, dietro l'angolo e forse quel giorno conoscerò la risposta e perché no, magari mi chiederò anche... chi e cosa ero io da giovane?
            Roberto Giusti
            Vota il post: Commenta