I migliori post di Ivan Cuba

La mia, nato martedì 1 marzo 1966 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Ivan cuba
È una mattina di novembre come tante scorre, la sveglia all'alba, un caffè al volo prima del lavoro. Triste ricordo anche oggi l'allerta come allora nella mia città. Porta ricordi tristi nel cuore, ferite ancora vive, un velo di malinconia nell'anima. Soffia forte il vento sul faro che illumina il porto di Genova.
Ivan Cuba
Composto venerdì 4 novembre 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Ivan cuba
    A volte bastano poche parole, come pugni arrivano dritte al cuore. È proprio così, un giorno credi di esserti rimesso in pari con la vita, il giorno dopo capita che tutto quello che hai fatto non è mai abbastanza e devi ricominciare da capo. Oggi è uno di quei giorni che mi manca la forza di reagire, e allora aspetterò che finisca la giornata, che la notte porti via ogni malinconia e e domani il sole risplenda di nuovo sul mio viso.
    Ivan Cuba
    Composto venerdì 9 settembre 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Ivan cuba
      Oggi è tristemente noto che non ci si guarda più, non ci si abbraccia più, non si bacia più, non ci si tiene più per mano, "non cè più quel più" diamo tutto per scontato, parliamo sempre meno, ci sacrifichiamo sempre meno. Vogliamo la perfezione che non esiste, vogliamo la bellezza che è effimera, cerchiamo una posizione importante nella società, che alla fine carriera su carriera ci rende sempre più ambiziosi e soli. Ci siamo rubati il tempo di un bacio, una carezza, uno sguardo, un sorriso. Abbiamo quantificato l'amore, se è ben vestito, se a un bel conto in banca. Ci siamo persi in questo delirio del tutto e subito, dove i ragazzi bruciano le tappe, dove non c'è più il sapore di una conquista, dove tutto a un prezzo, dove tutti corriamo senza sapere dove e perché. Vediamo la gente cadere a pezzi e ci spostiamo, vediamo la sofferenza e per paura ed egoismo la evitiamo. Salutiamo il nuovo giorno correndo oltre le nostre possibilità perché chi resta indietro è perduto, uno sfigato! Alla fine se ci chiedono come stai? "Diciamo bene" ma in realtà neanche noi sappiamo cosa ci succede... è il nuovo linguaggio del silenzio assenso che ci ha messi tutti in fila alla ricerca di un po' di felicità, magari apparente magari finta e inconcludente. Abbiamo perso l'impronta dei principi umani, di rispetto e valori, abbiamo costruito un mondo perfetto nell'imperfezione. Perdendo di vista ciò che è più importante, "l'amore" che ha mille sfaccettature e un unico senso: "la vita".
      Ivan Cuba
      Composto venerdì 9 settembre 2016
      Vota il post: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di