Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Creativivian

Drogati d'amore in quarantena

Una dose per la notte,
qualche traccia da leccare.
E fuori sul prato
la ricerca si dispera,
sa di centesimi poveri di pace
e punge di cespugli
frugati, arresi,
senza nulla da mostrare.

Cerco sonno in grammi
che migri sisparato,
tirato per la manica
dal tempo che non manca.

La pelle sedata
dal sudore
dietro la montagna della tua schiena
è un trampolino per la luna.

Con quante manette
si arresta il sogno
per fermarlo sulle tue ciglia?
Viviana Giovannini Leveghi
Composta giovedì 30 aprile 2020
Vota la poesia: Commenta