Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Valerio Agostino Baron (el Brigante)

Cuoco e poeta, nato mercoledì 2 gennaio 1952 a Bassano del Grappa (VI) (Italia), morto lunedì 13 luglio 2015 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Papa "Francesco"

Bergoglio, che ben che te vojo!
Anca da qua semo vegnui la in Argentina,
e da la semo tornai ancora qua!
'na man vien data
a chi che voe jutarse par jutare,
za te ghe fato do passi da gigante
in do giorni che ti si la!
Jente da gnente vegnua par l'oro, ze vissua,
desso ze ora che l'oro serva par i pì poareti...
par poder magnar e laorar
e no' par farse veder co' l'oro e i brianti...
semo tuti gran "Briganti".
"Francesco" sapa come ga sapà ju!

Papa "Francesco": Bergoglio, che bene che ti voglio! / Anche da qui (Italia) siamo venuti in Argentina, / e da li siamo ritornati! / Una mano viene data / a chi desidera aiutarsi per aiutare, / già hai fatto passi da gigante / in due giorni che sei Papa! / Gente da nulla venuta e per l'oro, vissuta, / ora è arrivato il momento che l'oro serva ai poveri... / per mangiare e poter lavorare / e non solamente a farsi vedere ricoperti con ori e brillanti... / siamo tutti dei grandi "Briganti". / "Francesco" rifai i suoi passi!
Valerio Agostino Baron (el Brigante)
Composta domenica 17 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta

    Mare

    Il ricordo del mio mare
    lo porto nel cuore.
    Grande distesa d'acqua
    l'occhio scruta, non vedo la fine,
    solo la linea dell'orizzonte.
    Sale lieve il nuovo giorno
    il sole fa capolino
    i suoi raggi fendono le tenebre,
    dopo poco,
    un grosso globo infuocato si alza
    riflettendosi nell'acqua.
    Riporta il calore, la vita,
    tutto intorno riprendono i colori
    rimasti nell'oscurità per tutta la notte.
    Ritorna la voglia del fare
    ritorna la voglia d'amare.
    Valerio Agostino Baron (el Brigante)
    Composta lunedì 5 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta

      El primo dì de càcia

      Va i càciatori contenti col s'ciopo in spaea,
      pieni de speranse, colmi de ricordi
      co'a voja de tirar co'l s'ciopo.
      Xe el primo dì de càcia,
      co i cani tacai, ben alineai,
      tuti bei come caporai,
      i se posta, dopo tanto caminare,
      drio a un pajaro o a un figaro,
      spetando 'na séegheta
      che salte fora dal gnaro.
      Altri in meso al bosco,
      sperando a un conijo o al cinghial,
      i se cata in diese a sparar.
      Quando 'na fronda i vede dondoear
      "oh - oh mati ghe son mi drio a ca... r",
      ghe vien de mato a sacramentar.
      No' contenti, de 'sto fato,
      i ghe scapa da soto i oci,
      un bel gevro co' tuta a so fameja,
      a catarse posti mejo,
      cori... cori staghe drio
      a forsa de engua fora,
      ga tirà sera a 'sta ora.
      Torna a casa Toni sensa gnente
      torno a toea cata a so jente.
      Valerio Agostino Baron (el Brigante)
      Composta sabato 15 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta

        El me posto "Pragojn"

        Davanti al me prà
        el falco in vòeo va
        daea termica in alto portà,
        me fondo in ju
        e vòeo co e so àe slargae,
        sensa fadiga vago su
        in alto senpre de pì
        e da la me buto in tondo
        senpre pì in largo
        vardando co i me oci
        verso el pian.
        Vardo el posto dove son partio
        vedo el bosco ben nutrio
        vardo do caprioi che magna sul prà,
        me slargo verso e crode
        me se presenta timide e bée
        un s'ciapo de canpanée,
        pì in la 'na stea alpina, bianca,
        come e nuvoe che son drio
        'ndarghe rento.
        Sàeudi...

        Valerio Agostino Baron (el Brigante)
        Composta lunedì 10 gennaio 2011
        Vota la poesia: Commenta

          Acqua

          L'acqua è un bene primario
          certo non secondario,
          la Natura c'è l'ha donata
          è da noi ringraziata,
          si spera che non sia in esaurimento
          pensando che serve al nostro sostentamento.
          Tutto è stato pensato
          e poi creato,
          la pioggia che dal cielo cade lenta
          nelle rocce entra
          da loro filtrata
          per essere nuovamente donata.
          Valerio Agostino Baron (el Brigante)
          Composta giovedì 20 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta

            Mezzogiorno

            Mexodì no'l xe un posto
            vissin o lontan,
            sconossuo o xa conossuo,
            'no a xe 'na region o 'na nassion,
            ma vardando ben
            ma proprio ben-ben
            a mexodì anca qua da nialtri
            come par el resto del mondo
            ... se magna.
            Basta, éora 'na sòea pàroea
            par dir tuto
            Magna Ti
            Magno Mi
            Magna anca al me can
            an – an – an.
            I altri anca se i varda...
            nialtri semo passui.


            Mezzogiorno non è una località
            vicina o lontana,
            sconosciuta o già conosciuta,
            non è una regione o una nazione,
            ma guardando bene
            ma proprio bene-bene
            a mezzogiorno anche qui da noi
            come nel resto del mondo
            ... si mangia.
            Basta, allora solo una parola
            per dire tutto
            Mangia Tu
            Mangio Io
            Mangia anche il mio cane
            cane – cane – cane.
            Le altre persone anche se guardano...
            noi siamo già sazi.
            Valerio Agostino Baron (el Brigante)
            Composta sabato 13 marzo 2010
            Vota la poesia: Commenta

              Neve 2010

              Jero xo a Bassan
              vardavo el me Grapa,
              beo,
              el davanti jera dal sol iluminà,
              da dadrio, portae da fòeae de vento,
              se vedea fàvie de neve,
              i somejava a grande nuvoe bianche
              che s'ciafesava i pini e a montagna.
              In t'un momento tuto bianco
              in sima al monte.
              Anca el pian
              a neve ga caressà
              ... sparendo nel soe.


              Ero a Bassano [del Grappa]
              guardavo il mio Monte Grappa
              bello,
              il fronte era dal sole illuminato,
              da dietro, portati da folate di vento,
              si vedevano cristalli di neve,
              somigliavano a grandi nuvole bianche
              che schiaffeggiavano i pini e la montagna.
              In un attimo tutto bianco
              sulla cima del monte.
              Anche in pianura
              è arrivata la neve
              ... sparendo nel sole.
              Valerio Agostino Baron (el Brigante)
              Composta mercoledì 6 gennaio 2010
              Vota la poesia: Commenta

                'A suca (La zucca)

                Da seme inpiantà
                'na suca cressarà,
                la... torno al leamaro
                o in cao àea piantà.
                Ghi nè de tanti tipi,
                suche bone cresse sul duro,
                nel morbio sòeo magnar pai mas'ci.
                'Na volta se parlava de suche
                anca in scòea,
                i maestri batéa par vèdare
                se a suca jera voda.
                Ae feste dei morti
                'na suca se svodava,
                intajà a se lavorava,
                un lumin se inpissava,
                dal balcon se afaciava,
                quanta fifa ciapava
                a xente che passava.
                A suca nasse in primavera,
                cresse d'està
                a more de autuno.
                A suca sà de fiò,
                messa sora a stùa a brustoeàre,
                fin ch'el contadin finisse de sgrafojàre.


                Il seme piantato
                una zucca crescerà,
                lì... nelle vicinanze del letamaio
                o davanti alla coltivazione.
                Ce ne sono di vari tipi,
                le zucche buone crescono nel terreno duro,
                nel terreno morbido vanno bene solo per i maiali.
                Una volta si parlava di zucche (teste)
                anche a scuola,
                i maestri battevano per vedere
                se la zucca (testa) era vuota.
                Alla Festa dei Morti (a novembre)
                una zucca si svuotava,
                intagliata si lavorava,
                un lumino si accendeva,
                al balcone si esponeva,
                quanta paura prendeva
                la gente che passava.
                La zucca nasce a primavera,
                cresce d'estate
                e muore in autunno.
                La zucca ha sapore di filò,
                posta sopra la stufa ad abbrustolire,
                finché il contadino finiva di sfogliare le pannocchie.
                Valerio Agostino Baron (el Brigante)
                Vota la poesia: Commenta

                  Amare il creato

                  Teneri germogli s'alzano in volo
                  all'ondeggiare del tiepido vento.
                  Sussulti di gioia,
                  odo uccelli fra le fronde.
                  Cinguettii strani, vocalizzi,
                  di diversi tipi alati.
                  La natura si manifesta
                  nella sua semplice visione,
                  l'allegro saltellare,
                  il baldo dialogare,
                  il furbo scondi ramo,
                  il giusto movimento di foglia,
                  la gioiosa contentezza di richiami
                  l'udir da posti lontani,
                  il profumo di erbe tagliate,
                  sentori di fiori recisi,
                  alte passano le rondini
                  in volo tra l'azzurro del cielo
                  e il bianco di soffici nuvole.
                  Valerio Agostino Baron (el Brigante)
                  Vota la poesia: Commenta

                    Vardando Nord da: "Forte Tombion" (Guardando a Nord da: "Forte Tombion" )

                    Vardando su
                    rivedo jori
                    dal fortin nea rocia incastronà
                    i sparava qua
                    Xona de Confin
                    Xona de do Credense
                    Xona de do Divise
                    Xona de un mis'ciamento de Engue
                    Xona de...
                    ma svejéve fora
                    che xe ora,
                    i omani i xe omani de là e anca de qua,
                    i boce, i veci, e femene... 'a stessa roba
                    vache, cavre, cavai, osei... anca i fasui
                    slevai e magnai da 'na stessa boca
                    anca se de engua no' conpagna
                    tosi alzè i oci a vardar el ceéste del ceo
                    specemose rento,
                    pensemoghe ben,
                    semo drio far contento Un...
                    vardando ben el xe nessun.


                    Guardando in alto
                    rivedo loro
                    dal fortino incastonato nella roccia
                    che sparavano di qua
                    Zona di Confine
                    Zona di due Credenze
                    Zona di due Divise
                    Zona di lingue diverse
                    Zona di...
                    ma svegliatevi
                    che è ora,
                    gli uomini sono uomini di là e di qua,
                    i bimbi, gli anziani, le donne... la stessa cosa
                    vacche, capre, cavalli, uccelli... anche i fagioli
                    allevati e mangiati da una stessa bocca
                    anche se di lingua diversa
                    ragazzi alzate gli occhi a guardare l'azzurro del cielo
                    specchiamoci dentro,
                    pensiamoci bene,
                    stiamo accontentando Uno...
                    guardando bene non è nessuno.
                    Valerio Agostino Baron (el Brigante)
                    Vota la poesia: Commenta