Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Susan Randall

Libera professionista, nato a roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Susan

Ironicamente io

Sai io mi sento
molto speciale,
no, no,
non sono presuntuosa,
adesso mi spiego
meglio...
a casa mia se si rompe
la lavatrice,
anche il frigorifero
si rompe,
se piove,
la pioggia mi
rompe non un vetro,
ma tutti i vetri di casa,
praticamente,
tutto doppio,
anche i pagamenti arrivano
sempre in due...
e poi se piove!?
Lasciamo stare diluvia,
acqua, tuoni
lampi e qualche tornado!
Cosa posso fare se
l'universo mi considera
speciale!?
Susan Randall
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Susan

    Mondo infame

    Lasciami volare,
    mi ami?
    e lascia che io voli,
    non tenermi legata
    ai tuoi ideali,
    lasciami volare,
    vieni con me,
    vola con me
    nell'infinito dell'Universo,
    Guarda, è bello.
    è un sogno poter volare,
    Non vieni?
    Allora lasciami
    andare, non tenermi legata,
    in questo mondo infame,
    lascia che i miei
    sogni siano un volo,
    un volo alto oltre
    l'infinito,
    no non importa,
    tu resta pure,
    ma lasciami volare,
    lasciami andare e
    lascia che io spicchi il volo
    in questo mondo infame,
    che strappa sogni,
    vite e speranze,
    e lasciami volare!
    Susan Randall
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Susan

      Sogno

      E poi ci sono attimi
      che vorrei chiudere i miei occhi e
      l'unica cosa che vorrei vedere,
      un cielo pieno di stelle,
      ed abbracciata a te,
      ballare sotto quel cielo
      pieno di stelle
      fatto di luce una luce
      piena di me e di te,
      che sà di noi,
      che siamo amore!
      E chissà forse un giorno
      io e te ci incontreremo
      sotto quel cielo
      stellato!
      Susan Randall
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Susan

        Ricordati

        Ricordati,
        quando il mio tempo
        sarà finito,
        ricordati gli
        intensi momenti di
        gioia che
        hanno riempito
        la nostra vita,
        ricordati,
        ricordati
        l'amore che ti
        ho dato,
        diffondilo ad
        altri,
        ricordati,
        ricordati sempre
        di non piangere,
        e quando penserai a me,
        sorridi, e quando
        avrai voglia di piangere,
        non farlo, ricordati
        che la vita è,
        e noi siamo solo
        passaggio, per imparare,
        diffondere amore...
        e tu ricordati, e
        non piangere, guarda dentro
        di te, io sarò li sempre
        ad un passo da te!
        Ricordalo!
        Susan Randall
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Susan
          E poi
          resti ferma,
          quasi come se la
          tua vita si fermasse,
          quasi a perderti in
          quei attimi,
          attimi che vorresti
          tornassero
          a tutti i costi,
          ma dentro sai che
          mai torneranno,
          e vivi, vivi perché
          devi, perché
          c'è sempre qualcuno che
          vuole vederti sorridere,
          e tu, tu vuoi solo
          piangere, gridare
          il tuo dolore,
          e resti ferma, quasi la tua vita
          si fermasse,
          e convinci te stessa
          che tutto và bene,
          che tutto è come era,
          e vorresti strappare la
          pelle del tuo dolore,
          e buttarla via,
          quasi a cancellare
          il ricordo,
          ricordo di chi non c'è più!
          Susan Randall
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Susan

            Pretendere che tu

            Pretendere,
            pretendere che,
            cosa dovrei pretendere,
            che tu non sia mai esistito...
            pretendere che non ti ho mai amato,
            pretendere, che quei brevi,
            brevi intensi momenti di gioia
            possano essere dimenticati
            e forse pretendere
            che per un attimo hanno riempito
            la mia vita,
            questa vita che...
            è tutta
            una pretesa,
            pretesa di dimenticare,
            come pretendere di sorridere,
            quando non hai voglia,
            pretendere di essere felice, e
            felice non sei,
            cosa è che dovrei pretendere?
            Che il sole non esiste,
            che la luna muore di notte?
            Pretendere che tutto quelle stelle
            siano solo sogno?
            Pretendere,
            un silenzio ondulato,
            dove scivola come un eco,
            e pretendere di ritrovarmi
            nella valle di un pretendere,
            e pretendere, si
            pretendere di star bene!
            Susan Randall
            Vota la poesia: Commenta