Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rosarita De Martino

Pensionata (da poco tempo), nato giovedì 1 gennaio 1942 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Rosarita De Martino

Provvisorietà

Oggi, in spiaggia di mia vita,
raccolgo la conchiglia
della provvisorietà.
Dentro mi vibra
trasparente moneta
che alito di vento
metterà fuori uso.
Ma io, accorta,
l'investo
nella banca dell'amore
e la mia moneta
già fruttifica
in mille rivoli di gioia.
Mi accompagna ancora
tuo paterno sguardo.
Rosarita De Martino
Composta giovedì 28 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosarita De Martino

    Paesaggio dell'anima

    Captata
    da raggio di preghiera,
    in leggerezza di pensieri,
    entro
    nel paesaggio dell'anima.
    Mi accompagna
    Il faro del tuo sacerdotale ascolto
    che guida la mia ascesa.
    Ritrovo
    la montagna del perdono
    e pacificata ne contemplo
    la cima conquistata.
    Ora, mormorio lieve
    di ruscello di fede
    attira mio limpido sguardo.
    Dentro vi ridono
    volti di fratelli.
    Sazia m'immergo
    in soavità di pace.
    Rosarita De Martino
    Composta sabato 23 ottobre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosarita De Martino

      Maternità ritrovata

      E ancora cammino
      su strade solo mie
      ignorando tua materna presenza.
      Ma ecco, mano amica
      mi offre tuo volto
      incastonato
      in prisma di vetro,
      che già scintilla per me
      in ritrovata fede.
      Ora percepisco Tua dolcezza
      di Madre,
      tua ubbidienza di figlia
      al Suo volere santo.
      Il mio cuore,
      d'amore assetato,
      esulta di gioia
      e ti possiede
      e mi possiedi
      donandomi
      il nome sacro di "figlia".
      Rosarita De Martino
      Composta venerdì 10 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosarita De Martino

        Infinito azzurro

        Oggi, fiaccata da calura estiva,
        ingombra da peso di pensieri,
        avanzo sulla lunga riva
        e già m'interrogano
        i due azzurri di cielo e di mare,
        che si confondono
        in unica armonia.
        Estasiata raccolgo
        sale di perdono
        e si placano
        i miei tumultuosi pensieri.
        Ora, biancore di spuma,
        complice di gioia,
        mi sorride
        ed io, molecola di finito,
        m'immergo
        nel Tuo infinito azzurro.
        Rosarita De Martino
        Composta mercoledì 25 agosto 2010
        Vota la poesia: Commenta