Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rafa El Coche

Impiegato, nato martedì 8 febbraio 1972 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Elcoche
Ti ho incontrato stanotte, nei miei sogni agitati, ti sentivo pervadermi e riempirmi di fuoco.
Il nostro incontro è stato senza respiro, il tuo calore mi bruciava in modo così continuo da divenire soffocante.
Cercavo di sfuggirti, poi ad un tratto ho compreso che non avrei mai potuto continuare senza di te.
Dopo la tua iniziale richiesta è diventata un obbligo:
"Raffaele ho deciso di spossarti".
Grazie caldo estivo.
Rafa El Coche
Composta lunedì 29 giugno 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elcoche

    PestiferaViola

    Regina di cuori dai mille sapori,
    non so se mi ami o sono dolori
    Aspetto qualcuno aspetto di fuori
    e non so perché, perché adesso è come toccarti
    È naturale, sei naturale,
    sei l'impulso che sale e non si vuol fermare
    T'immagino e mi consumo con Lei che mi svuota
    E sto peggio di quando avevo cominciato
    Ma ancora peggio sarebbe stato non averti mai incontrato.
    Rafa El Coche
    Composta martedì 26 maggio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elcoche

      In un mare di Nulla

      Non ho altro che il pensiero
      Con quello sconfiggo la noia che le persone mi danno
      Il danno di momenti inventati
      Inventano periodi mai consumati
      Consumo istanti immaginati
      Con immagini di mondi incantati
      Nell'incanto continuo a vedere te
      Tu non non ci sei ancora
      In un mare di nulla
      Nemmeno una parola.
      Rafa El Coche
      Composta martedì 6 ottobre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elcoche

        Nettare Vitale

        Come un giovane vampiro
        mi nutro di te in un sospiro,
        rivoli di linfa vitale
        che scendono dalle labbra al cuore.

        Dolcemente arriva l'oblio
        mi accoglie e mi rinfranca,
        finalmente l'ebbrezza
        dell'eterna anima stanca.

        All'alba mi abbandoni
        torno pallida e tremante,
        in attesa solo della sera
        e del mio rosso amante.
        Rafa El Coche
        Composta giovedì 23 dicembre 2010
        Vota la poesia: Commenta