Le migliori poesie di Marisa Marimare

Croce Rossa Italiana, nato martedì 13 aprile 1965 a TORINO (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marisa Marimare

Croce rossa

Attendo con trepidazione il suono d'allarme,
ed ecco un grido di dolore fora il mio cuore,
corro in sirena
mentre guardo il codice giallo,
tremante dell'ignoto ed empita di adrenalina
spero che ci sia ancora una possibilità
non si perde tempo
si vola verso la salvezza.
Un grazie odono le mie orecchie
per aver donato una mano
per aver vinto il nemico della vita,
ancora una volta.
Marisa Marimare
Composta mercoledì 5 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marisa Marimare
    Un beso no dado
    un beso rozado
    un beso que hubiera querido!
    Pero siento de habértelo regalado
    con la mente y con el corazòn
    sazonado con el ardor...
    me gusta pensar y amar
    con aquel que serà un día mi empeño
    con el que se convertira en mi dulce mitad
    con aquel que me besarà y me dirà
    eres una perla de rara beldad...
    mi sueño se convertirà en una necesidad tal
    de volverse real
    un beso deseado un beso gozado!
    Marisa Marimare
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marisa Marimare

      Solitudine

      Perché mi incastri?
      Cosa vuoi da me...
      io non ho bisogno di te...
      non ti ho chiamato
      non ho urlato il tuo nome...
      non ti ho cercato...
      ma tu sei invadente, sei un vincente!
      Con arroganza entri nella mia stanza,
      ti sollazzi, ti diverte tenermi in pugno... hai potere!
      Oh! Come posso liberarmi di te?
      Dove posso mettere i piedi per fuggire da te...
      dove posso posare lo sguardo da non vedere più te...
      scrollati... vattene!
      Rivoglio la mia vita... ridammela!
      Marisa Marimare
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marisa Marimare

        Amor maturo

        Amor maturo
        è maturato l'amor mio
        s'è fatto adulto
        è diventato come dolce vino
        non adulterato
        ha preso aroma,
        potenza e brio
        ti sa donar l'oblio,
        può rider l'allegrezza e la dolcezza
        della tua giovinezza
        ma in più s'è arricchito
        di tante sfumature
        e s'è spogliato
        delle frivolezze vane
        è diventato forte
        e come tale vino
        ti dona lucentezza agli occhi
        e riso dolce sulla bocca!
        Marisa Marimare
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marisa Marimare

          Vulcano

          Mi sento come fossi un vulcano
          colmo di lava e di lapilli
          la lava rappresenta
          il gran bollir dei miei pensieri
          vorrei metterci freno
          e invece no
          codesto mio cervello
          continua ad eruttar pensieri nuovi
          rivanga cose vecchie
          aggiunge cose nuove.
          In quanto poi a quei lapilli menzionati
          son le mie idee luminose
          oppur quei grandi sprazzi
          di misti sentimenti
          dalle più sofferte malinconie
          ad attimi struggenti
          ricolmi di tanta poesia
          voglia d'amore
          di tanta tenerezza
          e di poter essere migliore.
          Marisa Marimare
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marisa Marimare

            La luna

            Nella macchia oscura   mi sorridi...
            il tuo luminare reca fascino ed eleganza,
            a volte ti lasci sopraffare da qualcuno che vuole impedire a me di ammirarti!
            Ma tu sei presente costantemente,
            tranquillizzi il mio cuore.
            Guidi i miei passi,
            indirizzi il mio cammino nel sentiero della luce,
            e non mi fai cadere in trappole nascoste,
            ho fiducia in te!
            Nella macchia oscura  sei un sovrano,
            circondato da occhi
            che scrutano   i tuoi bagliori, i tuoi misteri, 
            onore a te mio bel splendore!
            Marisa Marimare
            Composta giovedì 10 dicembre 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marisa Marimare

              Vorrei avere essere

              Vorrei vedere
              con occhi di aquila,
              essere lungimirante,
              discernere i passi.

              Raggiungere l'immensità
              con le ali dell'aurora.

              Avere l'imponenza dell'orso,
              mostrare coraggio,
              forza di combattere
              il nemico.

              L'agilità del ghepardo,
              libera nei movimenti,          
              rapida nella benignità.

              Essere sapiente
              come l'ulivo,
              saggia nei tempi.

              Fedele come il pellicano,
              all'infinito.

              Camaleonte,
              celarmi nel mondo,
              comprendere l'uomo.

              Bilancia,
              dare giusto peso
              agli avvenimenti della vita.

              Intenso come il Mare,
              acqua vivificante.

              Possedere l'amore
              di una madre,
              incondizionato!

              Vorrei avere essere
              quella che sono...
              Marisa Marimare
              Composta lunedì 28 settembre 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marisa Marimare

                Sorriso

                Lesto è il mutamento
                di chi ha murato
                il confine del dialogo
                sostituendo il sorriso dell'anima
                con la gelida diffidenza.

                In mille frammenti
                si disgrega il vincolo umano
                per poi essere lanciato
                nel mare agitato
                di un'idiozia non controllata.

                Se fosse nuovamente
                ripescato quel sorriso
                fino a quando resterebbe
                suggellato sulle labbra?
                Marisa Marimare
                Composta martedì 19 aprile 2011
                Vota la poesia: Commenta