Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marilena Aiello

Incontro

Nelle pagine di un libro
amare di tristi poesie
t'intravidi, era notte.

Traversando copertine
odorose di pelle e vita
ci sfiorammo, fu un brivido.

Nascosta in ripiani improbabili
letture sterili di uomini grigi
evitavo, illusa, di rivederti.

Seduto su un haiku
sfogliando un'avventura
sorridente, mi attendevi.

Mi arresi presto al tuo pensiero
ché solo quello era già l'universo
e insieme proseguimmo, era giorno.
Marilena Aiello
Composta mercoledì 10 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilena Aiello
    Lacrime di fata
    sembran lucciole danzanti
    ma son briciole di stelle
    Volteggiano magiche
    nella luce di luna
    Si posano candide
    a segnare un sentiero
    Diventan lanterne
    per le piccole formiche
    Il bosco si sveglia
    e imbandisce una festa
    La fata si volta incredula
    di gioia si illumina il suo viso
    e torna a splendere il suo sorriso.
    Marilena Aiello
    Composta mercoledì 13 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello
      Tic Tac il tempo
      Toc Toc gli eventi
      Tum Tum l'anima mia
      tutto il ritmo della vita
      nelle ore di ogni giorno
      nell'ansia dei sospiri
      nelle lacrime dei sogni
      poi arriva la sera
      ed ecco: scende la pace
      ti consegno il cuore
      tu culla di segreti
      tu nido di serenità
      tu grotta di misteri
      mi sveli i tuoi mondi
      mi sussurri cieli stellati
      mi addormenti con una carezza
      nel tuo abbraccio c'è tutta la mia salvezza.
      Marilena Aiello
      Composta domenica 31 marzo 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilena Aiello

        Angel

        Infine, ti ho chiesto: aiutami.
        Sei arrivato a cingere le mie spalle.
        Ho sentito improvviso
        il tuo abbraccio leggero e invisibile,
        la tua presenza silenziosa e tangibile.
        Sfuma, sbiadisce e svanisce
        l'angoscia generata dal non trovarti.
        Si alleggerisce il cuore, respira l'anima,
        mi baci le lacrime, mi tieni le mani.
        Un senso di ricomposizione,
        un senso di pace e di consolazione,
        nuova pazienza, impalpabile speranza,
        la benvenuta grazia della provvidenza.
        Marilena Aiello
        Composta venerdì 11 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marilena Aiello
          Ieri ho visto un topolino
          proprio lì, in quell'angolino.
          Non rideva, non parlava,
          tra libri e riviste lui frugava
          per cercare di capire
          se è possibile non morire
          quando arriva un dispiacere
          che ritorna tutte le sere,
          quando crolla la speranza
          e perduta è la pazienza,
          la pazienza di aspettare
          la speranza di cambiare.
          Lui frugava e non trovava,
          ma leggeva e rileggeva.
          Preso a un tratto dallo sconforto
          si sentiva come morto...
          disse allora, solo a se stesso:
          "Posso leggere quel che scrivo adesso!
          Scrivo per me e per il cuore mio
          prima che sia l'ora dell'addio.
          Canto per me e per chi vuol ascoltare,
          per chi mi sente al di là del mare".
          Canta e scrive senza sosta
          versi e rime, note in festa.
          Scrive e canta senza addio
          quel topolino, che sono io.
          Marilena Aiello
          Composta domenica 13 gennaio 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marilena Aiello
            Lasciati suonare come arpa e come violino,
            mia amata dall'inebriante pelle di luna,
            lascia che tragga dal tuo vibrare le note della mia vita,
            suggeriscimi dolcemente l'armonia del nostro amore.
            La notte scivola via e con lei ci dissolviamo anche noi
            andando incontro al giorno che tutto illumina:
            mai più sensuali segreti da indagare
            né baci inaspettati a sorprendere i tuoi brividi,
            mai più questa solitudine sposata alla tua
            ché la vita caparbia mi esige lontano da te.
            Scriverai queste note, disegnerai il percorso
            e al mio ritorno riscopriremo la nostra unione.
            Amami da lontano, amami ogni istante
            non dimenticare il mio calore
            non lasciare asciugare il mio amore.
            Marilena Aiello
            Composta lunedì 7 gennaio 2013
            Vota la poesia: Commenta