Le migliori poesie di Jean-Paul Malfatti

Freelance, nato lunedì 30 giugno 1986 a Como (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Jean-Paul Malfatti

Profumo d'arancia

C'è un
profumo d'arancia
nell'aria...
Un aroma che mi
ricorda l'infanzia...
Un'infanzia che non
era né qui né là,
un'infanzia piena di
ricordi e nostalgia.

C'è un
profumo d'arancia
nell'aria...
Un aroma che mi
fa venire in
mente una persona...
Una persona che per me
rispecchia pienamente
il concetto di forza
e di positività.

C'è un
profumo d'arancia
nell'aria...
Un aroma che mi
fa stare in armonia
con la vita e con lo
spirito che la pervade,
lo spirito della
consapevolezza e della
serenità che mi mancava.

C'è un
profumo d'arancia
nell'aria...
Un aroma che mi
riporta molto indietro
nel tempo e nello spazio,
un tempo ed uno spazio
diversi e lontani tra loro
migliaia di chilometri.

C'è un
profumo d'arancia
nell'aria...
Un aroma che mi
porta ad una finestra
immaginaria, dove,
guardando l'orizzonte,
mi perdo e mi ritrovo
ancora tra me e me.
Jean-Paul Malfatti
Composta lunedì 18 aprile 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jean-Paul Malfatti

    In cielo e sulla terra

    Siamo in cielo quando
    tutto è pace ed armonia;
    e sulla terra, quando
    qualche guerra inizia.

    Siamo in cielo quando
    abbiamo da mangiare;
    e sulla terra, quando
    ci sono miseria e fame.

    Siamo in cielo quando
    abbiamo dei veri amici;
    e sulla terra, quando
    qualcuno non c'è più.

    La terra diventa cielo
    quando la pace prospera;
    ed è proprio l'inferno,
    quando la guerra impera.
    Jean-Paul Malfatti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jean-Paul Malfatti

      Il silenzio che parla...

      Dal tuo improvviso silenzio
      deduco che tu non me ne voglia parlare,
      comunque è un silenzio che in realtà
      fa molto rumore... almeno nel mio cuore.

      Un silenzio che mi dice cose che
      forse non volevi dirmi a voce alta.
      Scusami tesoro se sono stato pesante,
      non ti tedierò più con questo o qualche
      altro discorso del genere.

      Meno male che il tuo improvviso ed inaspettato
      silenzio mi ha fatto capire che amare è anche
      accettare di farsi carico delle ferite che altri
      hanno inferto alla persona amata.

      Perdonami se non posso smettere di amarti
      nemmeno per un piccolo attimo.
      Sarebbe come smettere di respirare.
      Lo sai che non ci riesco... non ce la faccio.

      Hai piantato le tue radici nel profondo del mio
      essere... del mio cuore, della mia anima.
      Ed estirparle sarebbe lo stesso che abortire
      una vita che già c'è e che potrebbe esser eterna.
      Jean-Paul Malfatti
      Composta domenica 19 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Jean-Paul Malfatti

        In questa stanza buia

        Io, solo io, solo io e me stesso,
        Nessun altro che noi, io e me.

        Quanto vorrei qualcuno, ora, qui
        Urlando un canzone che potesse
        Emozionarmi e darmi dei brividi,
        Spinta nuova, forte e propulsiva.
        Tenendomi poi nelle sue braccia,
        Amandomi come ad un bambino.

        Sì, solo io e me ancora una volta
        Tentando di capire il senso degli
        Aforismi sulla vita e sulla morte.
        No, non sto delirando neanche
        Zuccherando il ciuccio con sale,
        Anzi, sto solo parlando al vento.

        Benedette siano tutte le canzoni
        Urlate da noi due, ossia io e me,
        Invitandoci a non mollare né mai
        Arrenderci al buio di 'sta stanza.
        Jean-Paul Malfatti
        Composta sabato 4 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Jean-Paul Malfatti

          Primavera

          Puntini multicolori tra il marrone e il verde
          Rompono il grigio e l'incolore e li disperdono
          In un caleidoscopio di emozioni e visioni,
          Mentre la natura si trasforma d'incanto
          Attraverso gli occhi di un aspirante poeta
          Viaggiatore e disegnatore a mano libera
          E sulla punta delle sue matite colorate,
          Rivelando dettagli altrimenti impercettibili
          Anche per l'occhio più sensibile e pignolo.
          Jean-Paul Malfatti
          Composta martedì 2 aprile 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di