Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Giuseppe Freda

Nato a Napoli (Arabia Saudita)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Freda

L'armatura di ghiaccio

Un uomo si era coperto
di una spessa armatura di ghiaccio,
per difendersi contro se stesso,
perché gli altri sapessero
che era grande,
grande più di loro,
grande più dei loro grandi.
Ma è spuntato il sole
ed è rimasto nudo,
esposto al loro ludibrio,
alla loro pietà.

"Calpestiamolo finché possiamo,
prima che la luce del sole
raggiunga anche noi".
Giuseppe Freda
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Freda

    Il sentiero nel bosco

    Stradina snella
    che corri veloce nel bosco,
    mi vedesti felice,
    mi ritrovi uomo.
    Cammino, e sento
    il tuo fresco respiro
    baciarmi la fronte,
    e sfiorarmi le ali,
    ed attenderne il volo...
    Solitario sentiero
    amico degli alberi alti
    che vestono il monte,
    son tornato da solo:
    ed ho solo rimpianti,
    non più ali
    da tendere al cielo.
    Giuseppe Freda
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Freda

      Che ne sai (canzone)

      Che ne sai tu
      del sole,
      che ne sai...
      Io l'ho veduto
      posarsi sul mare,
      e bruciare le onde.

      Che ne sai tu
      del vento,
      che ne sai...
      Io l'ho sentito
      sfiorarmi i capelli
      e baciarmi in silenzio.

      Che ne sai tu
      del cielo,
      che ne sai...
      Io gli ho parlato
      vestito di stelle
      una sera d'estate.

      Che ne sai tu
      di un fiore,
      che ne sai...
      Io gli ho donato
      un volto di bimbo
      non ricordo più quando.
      Giuseppe Freda
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Freda

        'A morte 'e Napule

        Na sera, ncopp' 'o Vommero,
        ncuntraie nu furastiero,
        nu viecchio amico 'e scola:
        abbracci, frasi tenere,
        ricordi, pizzaiuole.
        E nel gustar la pizza,
        cantava 'o sunatore:
        "Napule,
        terra 'e ll'ammore,
        surriso 'e manduline,
        mandulinata 'e sole,
        primma cantave,
        e mmo'?
        Mo' te staie zitta,
        e chiagne...
        e tt'arrecuorde
        'e tiempe d' 'e vvìòle,
        quanno scenneva
        'a copp' 'o monte,
        a Mmarzo,
        chell'aria fresca,
        chillu prufumo 'e sole...
        Embè, che vvuo':
        tutto fennesce,
        tutto passa e mmore..."

        Senteva, 'o furastiero,
        e ss'astregneva 'o core;
        e ricordava il traffico,
        chell'ammuina 'e suone,
        'o fummo,
        i sacchi a perdere,
        ll'inquinamento,
        'e stuone...
        Gridò: "Vero è, Giuseppe,
        Napoli va a morir:
        come Venezia esala
        già l'ultimo sospir."
        Così iniziò il discorso
        che mm'ammurbaie cchiù 'e n'ora;
        po' se facette tarde:
        "E' ora di partir:
        stasera sono a L'Aquila,
        domani a Mondovì":
        abbracci, convenevoli,
        partette, restai lì.
        Rimasi pensieroso,
        lo sguardo nel bicchiere...
        Quand'ecco, 'o musicante
        s'accosta, ride, e ssona.
        "Napule,
        terra 'e ll'ammore,
        surriso 'e manduline,
        mandulinata 'e sole,
        primma cantave...
        e mmo'?
        Mo' te staie zitta,
        e chiagne...
        e tt'arrecuorde
        'e tiempe d' 'e vvìòle,
        quanno scenneva
        'a copp' 'o monte,
        a Mmarzo,
        chell'aria fresca,
        chillu prufumo 'e sole...
        Embè, che vvuo',
        tutto fennesce,
        tutto passa e mmore...

        Murisse pure tu,
        si nun ce stesse 'o popolo,
        'e strille d' 'e ccriature,
        triccabballacche, tronnole,
        vaiasse, scavezune,
        pe te scetà, pe ddicere:
        - Ohi né, che vvuo' murì?
        Se po' murì cu 'e diebbete,
        'e 'nzerte'e pummarole,
        pullecenella, appicceche,
        munnezza, trezziole...
        tu può murì
        sulo facenno 'a mossa,
        po' sfizio 'e vedé 'e llacreme,
        'a faccia d' 'o cucchiere,
        'e rrise, 'e ffacce 'e pacchere,
        'a scena d' 'e cchiazzere... -
        Sentite a mme,
        sentite a mme, ch'è 'o vero:
        chella d' 'a morte 'e Napule
        è rrobba 'e furastiere!"
        Giuseppe Freda
        Composta giovedì 30 novembre 1972
        Vota la poesia: Commenta