Questo sito contribuisce alla audience di

Canto

Canto la donna ed il suo olezzo,
canto l'amore con gran fervore,
canto col cuore, come sono avvezzo,
canto la luna ed il suo chiarore.

Canto le stelle, il mare, il tramonto,
l'alba, l'aurora, la pioggia e il vento,
che il poeta in qualsiasi momento
con le emozioni mette a confronto.

Canto ancora la fauna e la flora,
la natura canto e la sua amenità,
che ha i pregi della bella Pandora
e i mali, che Giove con crudeltà
mise nel vaso, che Epìmeteo aprì;
indi si sparsero su tutta la Terra
e l'uomo per ciò soffre ed erra,
ma la Speme lo sorregge ogni dì.

Canto forte l'ira e lo sdegno,
assistendo ai disastri sociali.
Gli scellerati di sottile ingegno,
dischiudendo lo scrigno dei mali
e uccidendo anche la Speranza,
che sola rimase in fondo al vaso,
ricavano salute dalla doglianza,
che i deboli al suolo ha spesso raso.

Così la vita non è una favola bella:
veni, crevi, deinde sudavi et alsi;
ebbi il vento a prua e la procella,
saepe bibi fel liquoresque salsi.

Gino Ragusa Di Romano
Dal mio libro "LACRIME E SORRISI"
Gino Ragusa Di Romano
Composta venerdì 10 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta

    Lu cunclavi

    Li purci ca currinu a lu scifu,
    chiamati cardinala e monsignura,
    nni stu munnu sunu lu schifu,
    lu fangu cchiù fitenti di lurdura.
    Ma tanta genti asina e anchi sperta
    ci va apprissu senza cugnizioni,
    adurannu la munnizza a vucca aperta
    e facinnuci ossequi e uvazioni.
    Pupulu curnutu senza campani,
    ca, ntamatu, ladi pulitici e parrini
    ca sunu sempri affamati comu cani
    e ca sempri ti stoccanu li rini,
    chi minghia ci va apprissu si ti mbroglianu
    e ti la ficcanu, ridinnu, nni lu culu,
    mentri li so burdella tutti ammoglianu
    e tu ti carrichi di li so pisa comu un mulu.
    Talia giustu e vidi tuttu lu tiatru
    pri scegliri tra li purci un purcu,
    ca poi addetta li liggi di lu latru
    e simìna grana arrubbati nni lu surcu.
    A Diu e a Gesù Cristu li tradiru
    e di dumila anni fannu lu mircatu
    nni li chijsi, unni la fidi si vinniru,
    sbriaitannu di lu purpitu cu ciatu.
    Sti surgiazzi ngrassati nni la fugna
    portanu dannu a lu munnu interu;
    sunu lu culera, la pesti e la rugna,
    sangisuchi ca nun dicinu lu veru.
    Arraggiunati tanticchiedda genti:
    cridiri e aviri fidi a Diu e a Cristu
    ie daveru lu sulu valuri di la menti,
    l'antri minghiati sunu l'anticristu.
    Si propriu nun vuliti arraggiunari,
    comu fissa ca s'abbattinu lu pettu,
    pirditi la fidi, la saluti e li dinari,
    mentri chiddi mangianu caprettu.
    Gino Ragusa Di Romano
    Composta venerdì 1 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Canto nupcial

      Gorjea vuestro corazòn como un canario,
      cuyo nido solido sobre una alta torre està.
      Feliz, està lleno de verdes hojas y flores;
      como un arbol fecundo, darà fruta.
      Es el escrino de muy preciosos tesoros,
      que no iràn de cierto jamàs perdidos.
      Encerrad vuestro amor como una perla
      entre las valvas de una concha dura,
      guardandola en el mar en sitio oculto
      y cultivandola con ambrosiaco miel,
      divina esencia que el corazòn produce.
      Luego, cuando reabrireis su clausura,
      suntuoso serà de la perla su esplendor
      y el viento espirarà a vuestras velas.
      Vuestro talamo de petalos de rosas
      serà ornado de vuestras amadas caras.
      Las noches de sonrisas estaràn llenas
      y tambien la luna serà muy generosa;
      suenos de amor y alfombras volaràn
      en la fragrancia de variopintas flores;
      las estrellas, halagadas, escucharàn
      las bandurrias, que trinan serenatas.
      Vuestro amor serà una rica mina,
      de donde extraereis argento y oro,
      si siempre de coros manana y tarde
      una mistica oraciòn diréis a Dios.
      Gino Ragusa Di Romano
      Composta sabato 19 gennaio 2002
      Vota la poesia: Commenta

        Absit iniuria verbis

        La lanterna
        mi son messa in mano
        e sono sceso
        come Diogene sul piano.
        Cerco l'uomo
        e ancor non l'ho trovato;
        se non vien fuori
        l'Italia è a mal partito.
        Molte son le carogne,
        che sostano sul Monte
        e il lor fetore
        appesta e si diffonde.
        Una sola persona
        io vorrei in alto,
        che avesse bella
        l'anima ed il volto.
        Vota la poesia: Commenta

          Inno alla pace

          Fratelli d'Italia,
          l'Italia è un tassello
          del grande mosaico,
          che Terra chiamiam.

          Fratelli d'Italia,
          non siamo italiani,
          ma cittadini del mondo,
          che si vogliono amare.

          Fratelli lontani,
          vi abbiamo nel cuore,
          vi adottiamo a distanza
          e così fate voi.

          I color della pelle
          pingano un solo vessillo,
          che unico sventoli
          sul globo d'amore.

          Noi siamo la linfa,
          che nutre la terra,
          che, poi, madre grata,
          la vita ci dà.

          Fratelli del mondo
          per sentirci vicini
          impariamo una lingua
          e parliamola ognor.

          Il lavoro nel mondo
          è per tutti i viventi,
          chi emigra o immigra
          ne ha libertà.

          Abbattiam le frontiere,
          ospitiamoci ovunque;
          il globo terrestre
          sia la nostra magione.

          Imitiamo gli uccelli,
          che dipingono il cielo
          quando passano a stormo
          e vanno qua e là.

          Ci crediam degli eletti,
          ma, forse, tali non siamo:
          il nostro operato
          sappiamo il danno che fa.

          Viviam da fratelli,
          amiamoci ognor,
          ognuno di noi
          sprizzi pace dal cor.

          Questo canto, fratelli,
          è una prece al Signore,
          che, speriamo, l'ascolti
          ed alle parole dia eco ed ardore.

          Spero che un giorno questo mio inno alla pace possa essere cantato da tutti i cittadini del mondo.
          Gino Ragusa Di Romano
          Composta giovedì 30 novembre 1967
          Vota la poesia: Commenta

            Patria mia!

            Patria mia, come sei ridotta.
            Il popolo non vuol seguir la rotta,
            la gente è sempre più corrotta
            e tutto questo per un po' di torta.
            L'Italia è una bancarotta,
            dove tutto s'insabbia e si complotta
            per avere più grossa la pagnotta.
            S'affilano le armi della lotta,
            tutto è una deplorevole condotta,
            ognuno teme che l'altro l'inghiotta,
            per cui si delinque a frotta.
            Meglio tacere, perché parlare scotta.
            Questo ai governanti piace
            e il popolo soggiace.
            Dov'è l'amore antico di patria e libertà?
            Dov'è il vigor dell'uomo e la sua abilità?
            Questa democrazia è tutta falsità,
            che porta solo in auge la bestialità
            ed ai politicanti tutta l'immunità
            per vivere senza tema e con impunità.
            Svegliati, o popol, tosto,
            non restare sottoposto,
            è troppo alto il costo,
            che ti è stato imposto.
            Sii fiero del tuo nome,
            non fare il prestanome.
            Tu, da buon italiano,
            non prenderla nell'ano,
            non passare per finocchio,
            non restare più in ginocchio,
            non morire da pidocchio,
            ma da uomo, sopra un cocchio.
            Gino Ragusa Di Romano
            Composta sabato 23 settembre 2000
            Vota la poesia: Commenta

              Absit iniuria verbis

              La lanterna
              mi son messa in mano
              e sono sceso
              come Diogene sul piano.
              Cerco l'uomo
              e ancor non l'ho trovato;
              se non vien fuori
              l'Italia è a mal partito.
              Molte son le carogne,
              che sostano sul Monte
              e il lor fetore
              appesta e si diffonde.
              Una sola persona
              io vorrei in alto,
              che avesse bella
              l'anima ed il volto.
              Gino Ragusa Di Romano
              Composta domenica 30 novembre 1969
              Vota la poesia: Commenta

                Un dì

                Quando morirò
                fammi ascoltare ancora
                le mie parole stanche,
                che soffrono tra i libri.
                Così saprò, amore,
                che ti ho lasciato l'anima:
                l'unico mio tesoro,
                che non si perderà.
                I miei soavi versi
                ti toccheranno il cuore
                e, come di giglio effluvi,
                inebrieran le nari
                dell'oscura donna,
                che ebbra di tanto olezzo
                a te mi condurrà
                per rivivere un istante.
                Gino Ragusa Di Romano
                Vota la poesia: Commenta

                  Quannu t'incuntravu

                  Quannu t'incuntravu parravi cu alligria,
                  e iju, mutu, filici, ascutava vicinu a tia.
                  Ti pinzu e la vita mi pari tutta un ciuri;
                  ora, luntanu, sintu la musica e l'amuri.

                  Taliju Mungibiddu e lu mari sirenu,
                  ma lu cori l'haju vicinu a lu to senu.

                  Quannu mi salutasti, mi disti la manu
                  e lu to ciauru mi lu purtavu apprissu;
                  ora ca nun ci sì mi resta sulu chissu
                  e ddi jurnati ca nun passavu'nvanu.

                  Lu distinu nni lu munnu ioca l'omu,
                  ca, dispratu, senza pirchì né comu,
                  doppu ca di li beddi cosi s'innamura,
                  tanti voti resta affrittu e a la marmura.
                  Gino Ragusa Di Romano
                  Composta lunedì 18 giugno 2012
                  Vota la poesia: Commenta

                    Mi affiderò a te, Sofia.

                    La nera donna un dì
                    mi stringerà al suo petto
                    ed io il suo bacio putido
                    non più respingerò;
                    indi la fredda urna
                    accoglierà il mio corpo
                    e sul mio avello gelido,
                    satolla, planerà.
                    In vita non fui amato
                    da chi io tanto amai,
                    così solingo e muto
                    a te mi affiderò,
                    perché con tanto zelo
                    mi desti gran conforto
                    allorché il greve affanno
                    la mia mente affievolì.
                    Se passerai di là,
                    accostati alla mia tomba;
                    se poi troverai intorno
                    una rosa profumata,
                    con tanta leggiadria,
                    degna della tua persona,
                    raccoglila per me;
                    portala alle tue nari,
                    ti sarà grato all'animo
                    il suo intenso aroma;
                    con lo stesso ardore,
                    che mi mostrasti un dì,
                    adagiala sulla lapide,
                    dov'io riposerò.
                    Se, invece, sarò cremato
                    e polvere diverrò,
                    accarezzerai la rosa,
                    ne staccherai i petali
                    e quando spirerà il vento
                    li lancerai nell'aere;
                    così io sentirò l'olezzo
                    del tuo grande amore,
                    che sarà ancor più fragrante,
                    se, silente e grata,
                    i miei sofferti versi
                    dirai nella tua mente.
                    Gino Ragusa Di Romano
                    Vota la poesia: Commenta