Questo sito contribuisce alla audience di

Quannu t'incuntravu

Quannu t'incuntravu parravi cu alligria,
e iju, mutu, filici, ascutava vicinu a tia.
Ti pinzu e la vita mi pari tutta un ciuri;
ora, luntanu, sintu la musica e l'amuri.

Taliju Mungibiddu e lu mari sirenu,
ma lu cori l'haju vicinu a lu to senu.

Quannu mi salutasti, mi disti la manu
e lu to ciauru mi lu purtavu apprissu;
ora ca nun ci sì mi resta sulu chissu
e ddi jurnati ca nun passavu'nvanu.

Lu distinu nni lu munnu ioca l'omu,
ca, dispratu, senza pirchì né comu,
doppu ca di li beddi cosi s'innamura,
tanti voti resta affrittu e a la marmura.
Composta lunedì 18 giugno 2012

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    1
    postato da , il
    Tutti gli scritti dal 1971 al 2014, inseriti in questo sito, sono pubblicati nei miei libri.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.31 in 13 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti