Le migliori poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Nei fiori

Non so capir perché nelle mie lettere d'amore
vorrei a volte usare anche la testa
ma scrive solamente il cuore

perché se mi fermo a voler pensare
il cuore mio si offende
non ne vuole sapere

io trovo il tuo ritratto... in ogni parte
nei fiori... nelle giornate nuove
nei miei fogli di viaggio
tra le carte

tu sei cosi lontana
ed io non trovo pace
pensando a noi a ogni momento
il non sentire la tua pelle è... un tormento.
Franco Mastroianni
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    L'orario d'apertura

    Severi ed alti
    son chiusi innanzi a me
    questi cancelli
    mi volto indietro
    ma nebbia nella mente
    offusca i miei ricordi

    oltre il gelido ferro
    stupendo e immenso
    magico giardino
    i fiori colorati
    mi fanno l'occhiolino

    aspetto con pazienza
    l'orario d'apertura
    per una sola cosa
    entrare in quel giardino
    e accarezzare la mia rosa

    ma regole e divieti
    palettati qua e là
    attorcigliano i miei passi
    e inciampo nella quotidianità

    mi manca poco
    lei è qui davanti a me
    è... la mia rosa

    la tocco l'accarezzo la respiro

    cancello ottuso il tempo
    nel suo scorrere freddo.

    Devo tornare a casa.
    Franco Mastroianni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni

      Dentro al registro

      No... non ho paura
      non tengo chiuse queste porte
      pensandoci bene
      è vero
      tante sono le volte
      che ho giocato con la morte

      Tutte le partite fatte
      son finite in parità
      lei si voltava da un parte
      e io restavo qua

      Ma lei sa bene dove vuole arrivare
      il nostro nome
      è già dentro al registro
      ci dobbiamo solo presentare

      Lei ha tempo non si stanca mai
      e noi possiamo anche ritardare
      lei non ha niente da fare

      Vicino alla sua porta
      impettita come un gendarme
      s'incazza
      perché di noi
      prende solo la carne

      Per questo motivo
      non chiudo le mie porte

      Tu non mi fai paura... morte

      E te lo dico perché ne son sicuro
      quando ci sarà il mio nome
      su quel muro
      quando sarò davanti alla tua porta
      dove non si vede niente
      aldilà del vetro

      Sono sicuro di tornare indietro.
      Franco Mastroianni
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di