Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Alisia7
Che matta quella là...

Aveva una pazzia autentica ed onesta.
Non tutte erano così matte, come quella là.
In pochi minuti avevo perso la testa per lei.

Che matta quella là...

in pochi giorni mi aveva preso la mente.
Non c'erano attimi che non era dentro la mia testa.

Che matta quella là...

In pochi mesi mi era entrata dentro l'anima.
Ormai non potevo più farne almeno di lei.

Che matta quella là...

Adesso l'amo da matti.

Che matto che sono.
Anna Signorino
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alisia7

    Dedicato a te...

    Dedicato a te...
    che se pur cadi, ti rialzi tra milioni di difficoltà e tutte le volte sei convinta di non farcela mai ma invece, vai avanti, un passo alla volta.
    Tentenni ma imperterrita continui ad andare avanti.

    Dedicato a te...
    che talvolta, sui giardini delle emozioni, qualcuno ti ha calpestata ma tu, sei rifiorita e forse più vigorosa di prima, seminando amore.

    Dedicato a te...
    che ti trovi tempeste sul tuo cammino ma devi ripararti dagli inganni e dalle delusioni.
    Allora, cerchi rifugio tra sogni e speranze.
    Vai avanti ma ogni tanto ti volti indietro e lo fai solo per non ripetere più gli stessi errori.
    Però, sai bene che li ripeterai comunque.

    Dedicato a te...
    che indossi la tua armatura, costruita nel tempo con gli occhi scoperti che quasi, ti si legge l'anima.
    Perché sei un libro aperto che solo i più sensibili riescono a leggere qualche tua riga ma mai leggeranno un'ntera tua pagina.

    Dedicato a te...
    che hai il cuore ormai pieno di lividi, ed ogni livido ha una lunga storia che tieni per te.
    Gelosa delle tue cicatrici che ti hanno insegnato a conoscere il dolore, aiutandoti ad apprezzare i momenti fugaci.

    Dedicato a te...
    che sorridi sempre, nonostante tutto e tutti.
    Ma cosa nascondi dietro quel sorriso?

    Dedicato a te...
    che sei ciò che hai attraversato.
    La bambina di un tempo e l'adulta di oggi, con un grande coraggio e con la consapevolezza di tanta paura.
    Con una grande forza ma delicatamente fragile.
    Con estrema chiarezza tra le nebbie e sole che ti ha acciecata.
    Con le tue lune storte e le stelle cadenti che ti indicano sempre il sentiero della vita.
    Ecco, adesso non lo sai, ma tu sei una perla preziosa.
    Anna Signorino
    Composta martedì 5 novembre 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alisia7
      Le donne così...
      chi potrà mai fermarle?
      Quelle che ridono ma nascondono cascate di lacrime, perché hanno ferite che non si rimargineranno più.
      Quelle che non sono facilmente riconoscibili perché sono travestite di sogni e pensieri a 360 gradi.
      Quelle dallo sguardo profondo che rischi, quasi di perderti nei loro occhi.
      Quelle che con un po' di rossetto sulle labbra camminano per le strade a testa alta ed emanano il profumo della dignità.
      Quelle che la vita non ha fatto sconti ne tanto meno ha dato scelte.
      Quelle che sanno ciò che è difficile ma lo rendono possibile.
      Quelle che sanno che il tempo è un grande alleato ma anche il più malefico avversario.
      Quelle indimenticabili...
      Si, proprio quelle Donne che non li fermi più, perché sono forti e deboli allo stesso tempo.
      Quelle che si nutrono di sensibilità e d'intelligenza.
      Sono quelle guerriere e romantiche contemporaneamente, perché sanno vivere di emozioni e di autenticità.
      Sono quelle emotive ed istintive.
      Insomma, quelle che hanno classe nel loro cervello.
      Quelle che perdono molte battaglie ma non per questo sventolano la bandiera bianca.
      Sono quelle che la vita li ha buttate per terra ma si sono sempre rialzate, scrollando la polvere dal cuore delle loro macerie ma sempre pronte a ripartire da zero, un'altra volta e poi ancora un'altra volta.
      Ed è così che si sono salvate.
      Sempre da sole!
      E chi le ferma più queste Donne.
      Anna Signorino
      Composta martedì 22 ottobre 2019
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alisia7

        A mia figlia

        Un giorno sorriderai anche quando saprai che da ridere ci sia proprio ben poco.
        Imparerai che l'amore non è come nelle favole, non c'è sempre un lieto fine ma è importante che tu lo viva e dovrai, per prima cosa, imparare ad amare te stessa e poi gli altri.
        Dovrai imparare a non accontentarti di chiunque.
        Chiunque, non può essere per te.
        Regalererai ad alcuni parole che, in verità, meriteresti tu.
        E poi, ricevererai in cambio silenzi che forse, meriterebbero loro.
        Imparerai che il tempo passa, troppo in fretta, là dove non vorresti e si fermerà, dove vorresti farlo volar via.
        Perché, niente si cancella.
        Un giorno, quando ti perderai, forse ti ritroverai.
        E chissà, semmai ti ritroverai ma sappi, che non sarai più la stessa.
        Sarai più saggia e più umile.
        Sarai in grado di asciugare le lacrime dopo ogni pianto.
        Perché in ogni lacrima c'è una parte di te.
        Ah! Se solo potessero parlare le lacrime di ognuno di noi?
        Ma non parlano, eppure come urlano loro nessuno lo fa!
        Capirai che non saranno sempre gli altri a deluderti, a volte sarai anche tu a farlo.
        Imparerai ad entrare in punta di piedi nelle vite altrui.
        Un giorno capirai che non sempre è tutto come sembra, ma che ogni cosa va vissuta prima di giudicarla.
        E quando ci saranno giorni di vento, imparerai ad andare avanti anche controvento e sarà difficile, ma troverai un motivo o forse mille, per cui aggrapparti.
        Allora, saprai e sarai in grado di riconoscere chi ti aiuterà, chi ti sosterrà e chi svanirà.
        A tue spese saprai che le cicatrici hanno una storia e dovrai rispettarla se vuoi che rispettino la tua ma ricorda che dovrai lottare se qualcosa la vuoi per davvero.
        E quando ci sarà pioggia una cosa sola è certa:
        sorgerà sempre un sole e dopo ogni tramonto ci sarà sempre un'alba che ti aspetterà.
        Ama, lotta, scappa, urla, piangi, ridi, arrabbiati e vivi giorno dopo giorno.
        Vivi di emozioni e non pentirti di nulla perché
        in ogni tua azione metti sempre te stessa.
        Imparerai tutto questo e molto di più.
        Figlia mia, però non dimenticare, in questo lungo viaggio della vita, di avere una valigia piena di:
        Cuore, Anima e Sogni.
        Anna Signorino
        Composta domenica 13 ottobre 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alisia7
          Vivi non sopravvivere.
          Non puoi accontentarti.
          Lascia che i tuoi occhi passeggino per il mondo.
          Non essere cieca.
          Non fare rinunce.
          Piangi.
          Ridi, quando vuoi. Ricordati di farlo ogni tanto.
          Non perdere la speranza.
          L'hai persa?
          Ti troverà presto lei. Sii paziente.
          Non pensare a tutto quello che è stato e come poteva essere.
          Non pensare a quello che non hai ma pensa ciò che hai.
          Non abbandonare la curiosità, la fantasia, la gentilezza e l'umiltà.
          Cambia taglio dei capelli, se ti va.
          Modo di truccarti, stile di vestirti.
          Cambia luoghi e sogni.
          Cambia amicizie.
          Cambia quando tutto diventa statico e scontato.
          Lotta, lotta fino alla fine per non perderti mai.
          Ma quando ti perderai, credimi che ti ritroverai.
          Cura le ferite, torna ad amare.
          Conserva l'amore, perché ti servirà.
          Non buttarlo via.
          Non sprecarlo.
          Non spegnere quella fiamma, perché sarà la tua luce, quando ci sarà buio.
          Non dimenticarti di chi ti è stato vicino. Delle loro mani.
          Resta, goditi lo spettacolo, perché non ti è concesso il bis dalla vita.
          Resta guerriera.
          Resta dolce.
          Resta chi sei.
          Resta unica tra tante.
          Anna Signorino
          Composta martedì 3 settembre 2019
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Alisia7

            Il tempo

            Ho chiesto al tempo di restituirmi persone che non ci sono più.
            Ho chiesto al tempo di rimediare per le mie grandi delusioni ed i fallimenti, ormai irrecuperabili.
            Ho chiesto al tempo di recuperare le parole dette di getto e mai cancellate, pagine da strappare e pagine bianche da riscrivere.
            Ho chiesto al tempo di dimenticare certi dolori, di restituirmi anni volati come il vento e attimi mai vissuti.
            Ho chiesto al tempo di ricucire quelle ferite che sanguinano sempre e di togliere quel maledetto segno tatuato nell'anima.
            Ho chiesto, ancora di eliminare quei giorni amari e gli istanti da superare, di ridarmi gioie e momenti da rivivere, abbracci mai dati e baci ancora da rubare.
            Oh! Tempo ladro che divori i momenti dove non dovresti e ti fermi là dove dovresti passare in fretta ed a volte, sei di una puntualità struggente...

            Lui mi ha risposto:
            "Cerca tra gli scaffali dei ricordi, tra i cassetti della memoria, tra le porte dei sogni e tra le note melodiche dei battiti del cuore.
            Attenta, però, a come spendi il tuo tempo, perché non faccio sconti a nessuno..."
            Anna Signorino
            Composta martedì 27 agosto 2019
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Alisia7
              E di te dicono che sei il sesso debole ma tu lotti, tu sorridi, tu piangi, tu cadi, tu ti rialzi, tu ti frantumi, tu ti raccogli pezzo per pezzo, tu perdi, tu vinci...
              non hai tempo per mostrare la tua perfezione agli altri, ma solo di essere te stessa, in qualunque circostanza, in questo mondo.
              In un mondo di falso buonismo.
              In un mondo di cattiveria gratuita.
              In un mondo di chiasso all'esterno ma silenzioso dentro di te.
              E lo capirai, eccome se lo capirai!
              Quando lo capirai?
              Quando il tempo ti attraverserà l'anima e darai anche scacco matto a chi lo merita...
              perché sei donna.
              Anna Signorino
              Composta domenica 11 agosto 2019
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Alisia7
                Ovvio, che imparerai a non pensarci più.
                Lo so, ora non puoi.
                Lo so, fa ancora tanto male.
                Piangi, urla ed utilizza anche il silenzio se vuoi...
                Adesso ti danno troppo fastidio le domande e gli sguardi della gente curiosa.
                Ah, si! Troppi curiosi.
                Hai anche la nausea dei sorrisi ipocriti.
                Certo, che hai ragione!
                Non parliamo poi... della compassione?
                Quella, è la peggiore di tutte!
                Solo il tempo potrà aiutarti, perché ti abituerai ad accettare le assenze di coloro che hanno rapito le tue costanti presenze.
                Forse, ti perdonerai e qualche volta penserai: "che non è sempre colpa tua".
                Per ora non puoi ancora.
                Sono certa che ti ricrederai!
                Aspetta, perché nulla è più curativo del tempo che inesorabilmente, passa.
                Anna Signorino
                Composta mercoledì 12 giugno 2019
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Alisia7
                  Chi ha detto che la Donna è fragile?
                  Ah! Certo che lo è...
                  Lei versa fiumi di lacrime, sciupa pacchi di fazzolettini per asciugarsi gli occhi.
                  Ah! Certo che lo è...
                  Lei bagna il cuscino quando gli occhi si trasformano in una cascata.
                  Ah! Certo che lo è...
                  Lei della sua fragilità ne fa tesoro.
                  Lei asciuga le lacrime e si fa coraggio.
                  Lei soffre in silenzio, perché non tutti sanno ascoltarla.
                  Lei ricompone tutti i suoi pezzi, ad uno ad uno.
                  Lei ricuce il suo cuore spezzato, come il più bel ricamo che abbia mai fatto.
                  Lei cade per terra ma non si frantuma, perché si rialza, magari con tante ammaccature e, a volte, riparte anche da zero.
                  Lei dona l'anima per amore, perché sa che senza amore la vita è solo piatta.
                  Ah! Certo che lo è...
                  Lei è fragilmente fortissima.
                  Anna Signorino
                  Composta martedì 28 maggio 2019
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Alisia7
                    La sensibilità di una persona non puoi trovarla tra le parole.
                    Giuro, che tra le parole trovi ben altro.
                    Lei vive nei sussurri dei silenzi.
                    Naviga, dolcemente, tra le lacrime ed è poesia dell'anima.
                    L'avverti tra un pugno ed un altro che si riceve dalla vita.
                    La puoi scorgere nel riflesso, non di uno specchio ma dagli occhi di una solitudine, delicatamente malinconica.
                    È innata la sensibilità e va oltre ciò che vedono gli occhi.
                    Lei usa una bussola e credimi, con quella mai si perderà, quella sa sempre da che parte andare e sa sempre dove riportare.
                    Sai perché?
                    Perché, ha il domicilio in un posto chiamato cuore.
                    La sensibilità non vede ma sente.
                    È forte ma è anche fragile come cristallo, difficile da non frantumarsi in un mondo che vive, ormai di superficialità.
                    Anna Signorino
                    Composta martedì 18 giugno 2019
                    Vota la poesia: Commenta