Scritto da: Wìldheart
Delle volte esagero, con le parole, con i modi di fare, col vino, con la vita.
Esagero perché sono esagerata, esasperata, esaustiva, malinconica, triste e tormentata.
Dentro mi sento un costante uragano che gira e rigira il mio stomaco e le mie emozioni fino a farle diventare confuse ed è tutto sparso li, nel profondo del mio corpo, all'interno delle costole niente più organi, solo ansia. Continua a crescere e giorno dopo giorno non vedo niente di concreto che cresce accanto a me. Niente di buono.
Così mi descrivono tutti, come qualcosa di marcio, come un vestito che ti sei scocciato di indossare ed io invece, non faccio altro che ricoprirmi di sbagli che ho commesso e che mostro con fierezza perché mi hanno formato... forse male, forse bene, ma tutto questo mi ha pur sempre fatto andare avanti.
So di essere un disastro, una persona con la quale è difficile convivere ma io non ho fatto altro che chiedere amore nei miei silenzi disperati. Non ho fatto altro che ricevere schiaffi in faccia e pugni che fanno sanguinare fino alla morte.
Morta. È così che mi sento.
Sola e morta in un pianeta vasto e desolato, per me, vasto e contagiato, per gli altri.
Non mi sono mai chiesta se stavo facendo la cosa giusta, ho sempre fatto parlare l'impulso e lasciato che ogni tanto mi facesse cadere, e tutte le volte che sono inciampata nel dolore me le ricordo. Tutte le volte che ho detto no, che ho urlato fino a finire il fiato, pianto fino a non vedere, 'ho capito che si impara dalle delusionì, ma anche che si perde tanto.
Io ho perso me stessa, e non sono capace di ritrovarmi. Non sono capace di aiutarmi, sono in movimento ma non sento il calore.
Un pezzo di ghiaccio. Così mi hanno descritta altri, di una freddezza tale, di un menefreghismo inusuale ed io ogni volta sempre più ostinata a voler perdere qualsiasi traccia del mio destino.
Ho preferito il buio alla luce, almeno così non sono costretta a dover guardare cose che non mi interessano affatto.
Lasciati andare, mi dico, lasciati scoprire... ma a che servirebbe? A tagliare il mio cuore a metà ancora, a far ribollire il sangue nelle vene, a sentire inutili discorsi sul come o cosa... basta!
Basta umiliazioni, basta con le stronzate, con le finte serenità, con la finta vita.
Anonimo
Composto lunedì 11 dicembre 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Danza di Venere
    Un pensiero, cos'è? Un pensiero è tempo, che dedichi a qualcuno. Un pensiero è spazio, della mente e del cuore in cui permetti a qualcuno di entrare. Un pensiero è sentimento, gioia, tristezza, fiducia, rabbia, amicizia, delusione, amore. Un pensiero è movimento, ti permette di andare ovunque tu voglia pur restando immobile. Un pensiero è un dono non espresso. Ed oggi, sono sincera non solo oggi, il mio pensiero lo dono a te, augurandoti di trovare sul tuo cammino solo il frutto di ciò che semini, incontaminato dalle brutture che la vita spesso riserva a chi non lo merita. Conserva l'integrità della tua anima splendida e custodiscila con cura, è cosa molto rara. Ti sarò sempre grata per avermi donato i tuoi pensieri incondizionatamente, nonostante tutto.
    Anonimo
    Composto lunedì 8 maggio 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: FilosoFoia
      Hai mai provato quel senso di vuoto interiore che ti mangia da dentro fino all'ultima cellula del tuo corpo? Quella solitudine bagnata che scivola lungo le finestre del soggiorno durante una notte autunnale? Quel silenzio soffocante interrotto soltanto dal rintoccare delle campane a mezzanotte come un cuore in attesa di tornare a battere da un momento all'altro? Quanto vorrei risentire quel tintinnio che mi fece sobbalzare tempo addietro quando ancora la terra era sterile. Ma è il tempo della mitosi laddove un giorno il vento al suo passaggio distrusse tutto ciò che c'era di bello. È il tempo di ricostruire, di rimettersi in ascolto in attesa che un altra campana suoni di nuovo.
      Anonimo
      Composto lunedì 1 maggio 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Domemì
        Mi piaci perché con te sono me stessa. Mi piaci perché mi fai stare bene anche solo raccontandomi delle tue cose. Mi piaci perché quando mi guardi mi fai sentire unica. Perché così come mi guardi tu, l'effetto che mi fanno i tuoi occhi quando incrociano i miei, mai nessuno me l'ha fatto. Mi piaci perché non eri previsto, non eri nei miei piani. E a me le cose improvvise fanno impazzire!
        Anonimo
        Vota il post: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di