Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Raffaele Caponetto
Un monito ed un consiglio, per quel che vale, per i giovani uomini che decidono di condividere la loro vita con la loro partner. In gioventù, con poca esperienza, prima di legarsi con il vincolo del matrimonio è bene farsi guidare dal raziocinio. Evitare quindi di agire sotto l'impulso del, come dire, dell'istinto primordiale. Si evita così di trovarsi accanto una cornacchia della quale si farebbe volentieri a meno. Proverbio: uomo avvisato è mezzo salvato!
Raffaele Caponetto
Composta giovedì 20 giugno 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Raffaele Caponetto
    Una giovane coppia che si ama in modo violento, frenetico, viscerale non si cura delle differenze che riguardano carattere, abitudini, usi e costumi. Non ha pregiudizi di carattere religioso, sociale, culturale. Tutto si brucia e consuma sull'altare della passione. Ma anche la passione brucia, si consuma, si estingue ed emerge, spesso, l'incompatibilità di una vita in comune. Allora ha valenza il caro, vecchio motto: moglie e buoi dei paesi tuoi. Questo non mette sempre al riparo da brutte esperienze, ma ne abbatte notevolmente la soglia.
    Raffaele Caponetto
    Composta giovedì 20 giugno 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Raffaele Caponetto
      Ogni uomo è soggetto a commettere errori. Errori più o meno grandi. Errori, parafrasando le bugie, veniali; altri che incidono pesantemente nella vita. Recitando il "mea culpa" si vorrebbe, per assurdo, tornare indietro. A che pro? Per commettere altri errori, magari peggiori? Si dice che nella vita si impara dagli errori commessi. Si, si impara a commetterne altri.
      Raffaele Caponetto
      Composta martedì 11 giugno 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Raffaele Caponetto
        Parole e pensieri. Ossia l'ipocrisia regna sovrana. Visita al capufficio ricoverato in ospedale: "caro dottore, la vedo ristabilita, l'attendiamo il più presto possibile in ufficio." Mi sembra più morto che vivo, meno male così si può finalmente respirare in ufficio. Auguri di compleanno alla zia, ricca e taccagna: "auguri, cara zietta, cento di questi giorni." Si, proprio cento giorni ma non uno di più, così finalmente ci pappiamo il patrimonio che hai accumulato. Al condomino del terzo piano: "condoglianze signor Antonio, mi dispiace veramente molto per sua moglie così brava, giovane e gentile." Finalmente, era ora, così la vecchia megera potrà fare i suoi dispetti da un'altra parte. La lista sarebbe chilometrica, anzi senza fine. Ognuno ci aggiunga parole e pensieri propri.
        Raffaele Caponetto
        Composta sabato 8 giugno 2013
        Vota la frase: Commenta