Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi celebri di Monica Cannatella

Scrivere e ascoltare musica., nato a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Monica Cannatella
Lei al girone dell'inferno c'era già stata! Nuotando tra anime dannate e corpi svuotati del loro tutto, aveva raggiunto la riva di una qualche vita. Non le piaceva, non l'aveva voluta, non la sentiva sua, ma quando conosci l'inferno, anche il niente più assoluto può sembrarti una salvezza. Ma non ti salvi e inconsapevolmente finisci con l'allungare la tua agonia.
Monica Cannatella
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Monica Cannatella
    Ci si ritrova soli troppo spesso. Soli tra la gente, in mezzo alle parole, sotto i temporali. Tra sorrisi che troppo spesso sanno di lacrime ingoiate, negli attimi fuggenti che hanno solo un sapore amaro. Soli tra le note di una canzone, in un ricordo che sa di vago. Le persone non andrebbero mai lasciate cosi sole, rischiano di perdersi e non trovarsi mai più. E nessuno merita di sentirsi annullato dalla solitudine.
    Monica Cannatella
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Monica Cannatella
      Perdonati. Per le volte che non sei stata abbastanza donna, madre, figlia, amica. Per quelle in cui ti è mancato il coraggio di dire basta. Perdonati per ogni volta che hai abbassato lo sguardo sentendoti qualcosa che non eri. Perdonati per i voli lasciati a metà, per le canzoni scritte e cantate mai, per le poesie che non riesci a finire. Perdonati per le volte che hai danzato mentre nessuno ti guardava, perché pensavi di essere ridicola. Per le volte che hai pianto di nascosto e per quelle in cui hai finto di star bene. Perdonati per ogni cosa. E prova per una volta, a dispetto di tutti, ad essere felice.
      Monica Cannatella
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Monica Cannatella
        Sono di carta. Qualcuno mi ha presa a calci e gettata in un angolo, ma troverò chi mi raccoglierà. Sono di carta e sta piovendo, mi consumerò se nessuno prenderà quel che resta di me. Sono di carta, e mi hanno usata! Poi, come tutte le cose che si "usano", hanno deciso che non servivo più, e mi hanno gettata via. Ma sono di carta e non provo dolore. Sono di carta, e aspetto che arrivi un vento buono che mi faccia cominciare a volare.
        Monica Cannatella
        Vota la frase: Commenta