Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marilena Aiello
Ci sono tesori che possediamo senza saperlo, tesori che non si toccano e non si vedono e che nessuno può rubarci. La fede è un immenso tesoro privato, salvo da ogni tassa, libero da ogni confine, fonte di speranza e salvezza per l'anima, costruttore di ponti tra i cuori, creatore di compassione e carità. Se imparassimo ad investire su questo tesoro, saremmo tutti ricchi di pace e amore.
Marilena Aiello
Composta giovedì 14 marzo 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Marilena Aiello
    In questa bella giornata che sembra d'aprile, rubo un po' di sole dai raggi nel cortile lo coloro di rosa con i fiori delle aiuole lo incornicio d'amore, aggiungo un bacio e allego un biglietto con un po' di parole. Affido quindi il mio dono al vento e chiedo al cielo che ti giunga intatto, che rechi con sé con tutto il mio affetto!
    Marilena Aiello
    Composta mercoledì 20 marzo 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello
      Un fiume di serenità scorre gorgogliando suona una musica familiare, antica ricordi di un tempo di pace giungono freschi immagini di serate sulla spiaggia a bere l'ultimo sole silenzi colmi di sguardi che si capiscono senza incontrarsi passi che portano a casa la sensazione di un giorno di vita piena la sazietà di un sentimento ricambiato, l'attesa fiduciosa dell'alba.
      Marilena Aiello
      Composta lunedì 25 marzo 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Marilena Aiello
        L'incantesimo misterioso della musica è pari a quello della fantasia più ardita: suscitare emozioni, risvegliare ricordi, disegnare mondi e costruire una realtà dal movimento di un tratto di penna, dalla danza delle note che si inseguono sullo spartito e se ne distaccano per invadere dolcemente le nostre dimensioni, ben più vaste di quelle di un semplice foglio di carta.
        Marilena Aiello
        Composta mercoledì 13 febbraio 2013
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Marilena Aiello
          Non conviene riempire di miele un vaso che sa di aceto, diceva Sofocle. E, forse, dico io, questa saggezza vale anche per tutte quelle relazioni (amicizia, amore, simpatia, etc) che sono partite da binari sbagliati, che sono finite su strade chiuse, che si sono sbriciolate alla prima difficoltà, che si sono rivelate dannose e deleterie per noi o per l'altro, a perfido dispetto della speranza ripostavi, degli occhi lucidi e del cuore palpitante. Non conviene tirarle su, ripararle a tutti i costi, fare immani fatiche per reindirizzarle sulla strada giusta, ostinarsi a credere che possano raggiungere una qualsiasi meta, decorarle di attese e avverbi dubitativi, addolcirle di pazienza e musica. Non conviene, soprattutto se ogni nostro gesto e tentativo è puntualmente ignorato o boicottato dalla controparte. Non conviene inseguire il giorno, non conviene illuminare il cielo della notte, perché ci sono stelle che, con troppa luce, non potremmo vedere. Ci sono stelle che disegnano miti e leggende (un lampione non lo sa fare), stelle che ci ridimensionano nella nostra confortevole piccolezza, consolandoci al contempo del nostro sentirci smarriti sotto un cielo che avremmo voluto dividere e condividere con chi già dormiva, andava, moriva, spariva, non c'era e non c'era mai stato.
          Marilena Aiello
          Composta mercoledì 2 gennaio 2013
          Vota la frase: Commenta