Scritta da: Simone Cumbo
in Poesie (Poesie d'Autore)

Donne

Un mondo corrotto
insensibile alle foglie

illuso
dalla sua stessa agonia

incastrato di menzogne
volgare nella luce
e nel buio

nel nulla di uomini
sconfitti
nel loro vuoto pensiero

ma tu insisti
a raccontare parole
a tratteggiare arcobaleni

a ridere e sorridere
all'inumano che avanza
che ti vuole sempre in ginocchio

grattalo via
in questo bordello
di anime perse
alla follia umana.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Recanatini
    in Poesie (Poesie d'Autore)

    A te, madre

    Non ho mai pensato di toglierti le rughe
    sei sempre bella, anche senza capelli.
    In quel viso battagliero e fragile
    si racchiude la mia forza, la mia ironia,
    non ridi come prima e non piangi più, ormai.
    Ti vergogni se non ricordi, ti senti inutile;
    se potessi ti passerei un po' dei miei anni da vivere,
    se potessi tornerei indietro ad applaudire i tuoi piatti.
    Il mercatino sotto casa ti piange,
    i vicini vengono a cercarti, ma tu non esci più.
    È solo un anno in più sommato a tanti giorni,
    è solo un giro di boa dopo il rettilineo,
    è solo la verità che ti illumina il cuore.
    A te, madre mai assente, mia difesa ineluttabile,
    non faremo il giro solito, manterremo la cura
    sarà facile, sarai capace, sarai la più decisa.
    Guerriera aggressiva, mamma modello,
    tenera, capirti sarebbe stata la soluzione,
    amarti è l'unico rimedio ch'io conosca.
    A te, madre.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia
      in Poesie (Poesie d'Autore)

      Maturo autunno

      Sono completo in natura, in
      pieno meriggio d'aurea maturezza,
      alto vento nel verde attraversato.
      Ricco frutto recondito, contengo
      il grande elementare in me (la terra,
      il fuoco, l'acqua, l'aria) l'infinito.

      Io grondo luce: indoro il luogo oscuro,
      mando odore: profumo di dio l'ombra,
      emano suono: è musica l'ampiezza,
      stillo sapore: il mondo beve l'anima,
      diletto il tatto della solitudine.

      Son tesoro supremo, liberato
      con densità e pienezza di pura iride,
      dal seno dell'azione. Sono tutto.
      Il tutto che è la sommità del niente,
      il tutto che si basta e che è servito
      da quanto ancora ha nome d'ambizione.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe
        in Poesie (Poesie d'Autore)

        Un solo sorso d'inverno

        Ho bisogno di un nuovo cielo,
        un Dio da inventare,
        un cuore da cucire,
        un dolore di cui morire,
        di un amore che mi faccia vivere,
        che mi spezzi le ossa dal dolore,
        che mi faccia odiare la vita immensamente.
        Di un amico che mi aiuti a seppellire
        il caldo cadavere che in una notte
        di Marzo decisi di diventare.
        Sono solo,
        come uno scheletro la cui gruccia
        non sostiene il peso della propria morte.
        Sono solo,
        come un respiro che si poggia
        sulle proprie urla agonizzanti.
        La mia vita,
        qualcuno un giorno mi chiese
        il prezzo.
        Un giorno valutai la tua,
        un diamante incastonato nelle palpebre di Dio,
        mi dissero balbettando.
        Chiesi il prezzo della mia,
        un solo sorso d'inverno.
        Mi dissero chinando il capo.
        Composta sabato 1 aprile 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di