Area Riservata

Poesie e Parole d'Autore






poesia postata da: Oliviero Amandola, in Poesie (Poesie d'Autore)

Semplicemente lei

L'infelicità mia è un debito...
Mentre lei è così viva, così intensa,
mi ricorda un bel paesaggio segreto
il suo corpo, il suo viso,
è il mistero che da sempre
ho sognato sin da quand'ero bambino;
ma la sua voce,
ahimè che suono,
così gentile al punto tale da farmi paura,
a tal punto che dopo un suo bacio,
non si sappia più neanche parlare:
ma se vedeste le labbra,
anche mute, sono un percorso,
agili e così perfette,
dove si può curare ogni ferita passata,
e l'ombra di ogni respiro,
è piena di tutto ciò, che di più sottile,
rende ogni persona,
vittima di una straordinaria bellezza:
Lei è così,
diversamente non l'avrei mai amata.
Composta
giovedì 16 ottobre 2014

poesia postata da: Antonio Belsito, in Poesie (Poesie d'Autore)
Se fossi un pupazzo mi calamiterebbe un mondo di cartone e sprofonderei nella tonalità di ogni colore.
Vagherei tra tessuti e plastiche nell'imperturbabile essenza che diverte.
Mi perderei, in acrobazie, tra le mani di giocolieri.
Sarei lo schianto a ogni caduta o il volo a ogni lancio.
Diverrei pioggia tra la pioggia o sole tra il sole ma, anche, sasso tra i sassi o rifiuto tra i rifiuti.
Sarei cosa in me o "compagno" o, ancora, "avversario" nella fantasia degli altri.
Solo senza soffrire di solitudine.
Insensibile senza patire la sensibilità.
Egoista senza sapere dell'altruismo.
Asettico senza necessità di un sorriso o di una lacrima.
Morto senza vita.
Privo.
Sì, privo senza capire il "vuoto".