Area Riservata

Oggi, 27 gennaio, ricorre la Giornata della Memoria, in commemorazione delle vittime dell'Olocausto. Leggi il nostro approfondimento e tutte le citazioni degli autori sull'argomento.

Poesie e Parole d'Autore


poesia postata da: Giuseppe, in Poesie (Poesie d'Autore)

Gennaio

La terra rappresa dal gelo
soffre malinconia
di bulbi imprigionati.
Il fumo delle feste
ha lasciato
odori e dissapori
come resti ingrati
sulle strade,
gennaio
si inoltra nella carreggiata
come un bambino vecchio
verso pensieri nuovi
e sopporta il peso
di tutte le speranze
che il mondo intero
gli ha affidato sciolte
nei pozzi di champagne,
e fuochi d'artificio
verso il cielo.


poesia postata da: ANGELIKA MORI, in Poesie (Poesie d'Autore)

Donna Poeta

Apoteosi di bellezza
Nelle mie vene scorreva,
anche se dolore mi rattristiva
Negli occhi che struggevano fatica,
Nelle orecchie che udivano livore,
Le spalle che pativano,
Sogghigni di perfide iene,
Che nella bile ora annaspano.
Mi definivano alienata da sempre,
Mi desinavano la carne,
Nell'irrequietezza che mi rodeva,
Ma ora non odo affronti,
Sto tranquilla e compiaccio,
Nel vedere indispettiti i loro volti,
Mentre a testa alta avanzo,
E narro i miei versi,
Accompagnati dal pianto,
Che non è sinonimo di follia,
Ma di ottenuto coraggio,
Che si scioglie come burro,
E ammorbidisce la mia strada,
Mentre le mani di chi mi amo stringo,
E forza mi danno.
Quella bambina attonita,
Che sola stava e non parlava,
Quella ragazzina strana,
Che pensieri volgeva ai sogni,
E splendore trovava in ogni luogo,
Quella ragazza stramba,
Che amore per uomo non aveva,
E oltre lo sguardo volgeva,
Quella creatura astrusa,
Che leggeva e scriveva,
Ora non è solo donna divenuta,
Ora è POETA!

poesia postata da: booksaddicted, in Poesie (Poesie d'Autore)

There, I still will be

Ti ho dato il sole,
Ma tu volevi la luna.
Quando ti ho dato la luna,
Tu volevi le stelle.
Così ho raggiunto alla cieca,
Le stelle più infinite,
E ho avvolto me stessa,
Intorno ognuna di esse,
Solo per te.
Le stelle,
La luna e il sole combinati,
Non erano abbastanza per il tuo volubile cuore.
Così ho preso le mie lacrime,
E ti ho fatto un mare
In modo che tu potessi navigare la terra,
E trovare l'impossibile tesoro,
Che costantemente cerchi.
Eppure ogni mattina,
Il mio sole sarà lì per svegliarti.
Ogni notte,
La mia luna sarà lì per calmarti.
E se mai avrai bisogno di me,
Cerca tra le stelle,
Avvolta in ognuna di loro,
Lì, io ancora sarò.

poesia postata da: Fiorella Cappelli, in Poesie (Poesie d'Autore)

Li Valori

Si quell'arbero, co' le fronne ar vento
t'ariccontasse... de la vita annàta
der  soriso, dell'aria spenzierata
che m'arubbò coll'ombra der momento...

Ma er tempo s'annisconne (er paravento)
tra li ricordi de 'na scampagnata
la voja de dipigne 'na giornata
e la pupa da svezzà, l'allattamento

te bruci tutto quanto ma ce credi
a li valori che t'hanno 'nsegnato
vai avanti, arzanno su la testa

sercianno strade che nun sempre vedi...
e co li piedi ignudi sur bagnato
co' l'anima prezziosa e sempre onesta!
Composta
domenica 28 dicembre 2014

poesia postata da: Fiorella Cappelli, in Poesie (Poesie d'Autore)

La Befana Sfrattata 2015

'Na vecchina mo gira all'impazzata
cià li dorcetti pe' li regazzini
segue la via de li sampietrini
scènne da la scopa tutta 'ncacchiata

la strada tutt'antratto è sgarupata
li serci so' ammucchiati, poverini
Trastevere scoperchia li tombini
la vecchia, co' la veste rattoppata

cià prescia d'arivà e fa' la bbona
cià 'na missione cià, e cosa strana
soride: sta' a penzà a Piazza Navona...

Er cinque de gennaro so' emozioni...
ma lì c'è er luna parche e gran burriana
e Roma nun cià più le tradizzioni.
Composta
lunedì 5 gennaio 2015