Questo sito contribuisce alla audience di

Belle Poesie d'Autore da leggere


Scritta da: Mariella Buscemi
in Poesie (Poesie d'Autore)
Sentirmi è comando
per tutte le sorde promesse
i tonfi degli eventi
gli attutiti fatti
i sommessi inganni
il cuore taciuto
È rimasto un urlo nel sonno
e la voce che diceva
e la gola che riscattava
nessun nuovo dire
se non l'eco
come d'un mare antico
di me, colorata di battigia
una vecchia alga alla caviglia sinistra
l'acqua che rinfresca
se qualcosa d'arso fosse rimasto
si posi un bruciore estinto
Cenere
rimane
solo
sui fondali.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    in Poesie (Poesie d'Autore)
    Ho preferito il buio di mille profumi
    e mi sono portata dai fiori
    a riprova delle primavere estinte
    sull'inchino del solstizio
    di fronte al più lungo equinozio
    su un'alba fracassata di cento giorni d'assenza
    - tanti i petali sotto i piedi -
    Quali colori avessero le essenze
    lo ha detto il tempo
    che ancòra aspetto di mattino presto
    sotto l'umida rugiada e le ragnatele
    ché i fili mi fanno anelli tra le dita
    alla luce di mille profumi che ho preferito.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      in Poesie (Poesie d'Autore)
      Sapessi leggermi
      Questo mio tetro teatro
      Dipingeresti di terrore
      I sorrisi dei pagliacci
      E saliresti sulle altalene delle mie paure
      Dove le corde sono liane
      Nei boschi autunnali del mio cuore.
      Della pioggia di oggi
      Potresti ancora lavarti le mani
      Sull'umidità dei miei capelli
      E sederti al riparo del collo.
      Guardarsi sarebbe coraggioso infinito.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        in Poesie (Poesie d'Autore)
        All'improvviso
        è stato sipario sul mio cuore
        e tutta l'esistenza si è aperta teatrale
        dai miei occhi, divenuti scena
        nel secondo atto delle mie pupille
        così sequenziali i ricordi
        sugli episodi delle ciglia cadenti
        come stelle
        urlare, soliste, il loro desiderio
        di tutto un cielo piangere le voglie
        e le passioni degli astri
        nell'inizio della notte
        su un pubblico di ombre
        e le mie mani ad applaudirmi
        attrice, protagonista nelle mille probabilità
        d'una me possibile.
        Vota la poesia: Commenta