Virgilio

Belle Poesie d'Autore da leggere


Scritta da: Andrea De Candia
in Poesie (Poesie d'Autore)

Tutto il mondo è vedovo

Tutto il mondo è vedovo se è vero che tu cammini ancora
tutto il mondo è vedovo se è vero! Tutto il mondo
è vero se è vero che tu cammini ancora, tutto il
mondo è vedovo se tu non muori! Tutto il mondo
è mio se è vero che tu non sei vivo ma solo
una lanterna per i miei occhi obliqui. Cieca rimasi
dalla tua nascita e l'importanza del nuovo giorno
non è che notte per la tua distanza. Cieca sono
ché tu cammini ancora! Cieca sono che tu cammini
e il mondo è vedovo e il mondo è cieco se tu cammini
ancora aggrappato ai miei occhi celestiali.
Composta lunedì 3 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia
    in Poesie (Poesie d'Autore)

    Visto dall'alto

    Su un viottolo giace uno scarabeo morto.
    tre paia di zampette ripiegate con cura sul ventre.
    Invece del disordine della morte - ordine e pulizia.
    L'orrore di questo spettacolo è moderato,
    la sua portata locale, dalla gramigna alla menta.
    La tristezza non si trasmette.
    Il cielo è azzurro.

    Per nostra tranquillità – gli animali non muoiono
    ma crepano d'una morte per così dire più piatta,
    perdendo - vogliamo crederlo – meno sensibilità e mondo,
    uscendo – così ci pare - da una scena meno tragica.
    Le loro animucce mansuete non ci ossessionano la notte,
    mantengono la distanza,
    conoscono i mores.

    E così questo scarabeo morto sul viottolo
    brilla non compianto verso il sole.
    Basta pensarci per la durata di uno sguardo:
    sembra che non gli sia accaduto nulla d'importante.
    L'importante, pare, riguarda noi.
    Solo la nostra vita, solo la nostra morte,
    una morte che gode di una forzata precedenza.
    Composta lunedì 3 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Eleonora La Pazza
      in Poesie (Poesie d'Autore)
      Ti manderò un bacio con il vento
      e so che lo sentirai,
      ti volterai senza vedermi ma io sarò li
      Siamo fatti della stessa materia
      di cui sono fatti i sogni
      Vorrei essere una nuvola bianca
      in un cielo infinito
      per seguirti ovunque e amarti ogni istante
      Se sei un sogno non svegliarmi
      Vorrei vivere nel tuo respiro
      Mentre ti guardo muoio per te
      Il tuo sogno sarà di sognare me
      Ti amo perché ti vedo riflessa
      in tutto quello che c'è di bello
      Dimmi dove sei stanotte
      ancora nei miei sogni?
      Ho sentito una carezza sul viso
      arrivare fino al cuore
      Vorrei arrivare fino al cielo
      e con i raggi del sole scriverti ti amo
      Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno
      tra i tuoi capelli,
      per poter sentire anche da lontano
      il tuo profumo!
      Vorrei fare con te quello
      che la primavera fa con i ciliegi.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessandra Romano
        in Poesie (Poesie d'Autore)
        "Vai via dalla mia mente", non riesco, ogni pensiero mi riconduce e mi ricondurrà sempre a te.
        "Vai via dal mio corpo", non riesco, ogni sensazione la provo solo con te.
        "Vai via dal mio olfatto", non riesco, ogni odore o profumo, mi ricorda e mi ricorderà sempre la tua pelle, il tuoi capelli, le tue labbra... te.
        "Vai via dal mio cuore", non riesco, ogni sentimento ed ogni emozione li provo solo con te.
        "Vai via da me", non riesco... io ti amo.
        Composta nel 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lucio Doria
          in Poesie (Poesie d'Autore)

          In una notte d'estate

          Capelli d'angelo ondeggiano in sensuali volteggi
          abbracciando solitari lampioni, sotto tenui lumiere di ribalte giallastre
          dal caldo apparir, le indefinibili animule siluettano eccitate e festose
          mentre Palpìgradi acrobati cullati dal vento, attendon l'errore fatale.
          Dal dimenar del nudo patagio della giovane Nottola
          scorgo un fare impreciso e frenetico...
          poi il volo si slaccia
          si volta, poi svincola
          si gira e rigira
          imbarda, beccheggia
          e ritorna ubriaca...
          poi, si ricomincia.
          Or il tempo s'è chiuso e il sole discreto s'affaccia...
          È l'alba signori!
          E in punta di piedi andiamci a dormire,
          anche la notte si va a riposare
          come ogni mattina
          e senza, di farvi, rumore!
          Composta venerdì 19 giugno 2015
          Vota la poesia: Commenta