Area Riservata

Belle Poesie d'Autore da leggere


poesia postata da: Carlo Bisecco, in Poesie (Poesie d'Autore)

Sguardo sul mondo

Sognava
la libertà,
ma viveva incatenato
dentro sé.
La sua gabbia
non era fatta da sbarre d'acciaio,
ma da stracci
della propria pelle.
Guardava al cielo
come se potesse davvero raggiungerlo,
ma restava
ad affogare
nelle sabbie mobili della vita.
Fuggiva
dal dolore,
ma si ritrovava
in qualcosa che non è amore.
Ascoltava
Gli uccelli tra spogli rami,
ma non imparava
a cantare come loro
la propria primavera.
Restava fermo
come una roccia,
ma non aveva che la forza
d'un fiore calpestato.
Composta
venerdì 14 marzo 2014


poesia postata da: Gianluca Frangella, in Poesie (Poesie d'Autore)

Un giorno vincerai tu

Quante volte hai bussato
alla porta di qualcuno
che ti ha detto
"mi dispiace non ci sono per nessuno"?

Quante volte hai urlato
il silenzio con lo sguardo
sperando d'essere ascoltato
in mezzo al freddo asfalto della città?

Quante volte hai sognato
di fuggire via dall'odio della gente
saltare su quel treno
e non tornare più?

Quante volte hai disegnato
la felicità attraverso un sogno
che si è infranto in un momento
quando qualcuno non ti ha amato più?

Quante volte hai sentito
il mare respirare
con la voglia di salpare
per non pensarci più?

E tutte quelle volte sei stato solo,
perché dentro l'animo mai nessuno
è stato in grado di curarti
meglio di come sai fare tu.

E tutte quelle volte hai urlato
che eri disperato al vento
che non ce la facevi più,
ma da solo hai continuato e sei di nuovo qui
a ripensare a tutte quelle volte che hai lottato
contro il male della gente
contro tutte le paure
fino a quando, un giorno, vincerai tu.
Composta
venerdì 14 marzo 2014

poesia postata da: Sasà, in Poesie (Poesie d'Autore)

Donna del sud

Donna del sud
e si pensa ancora
a donna avvolta
in una lunga gonna
a donna silenziosa
ed ossequiosa
A donna destinata
alla sua casa
e agli affari della
sua famiglia
Ma la donna del sud
lavora ancora
al suo telaio
e intesse tele che
reggono castelli
sostiene pesi che
nessun uomo tiene
trasforma le amarezze
in dolcezze
costruisce castelli
e distilla profumi
che dona senza
fare conti
La donna del sud
è donna del mondo.


poesia postata da: Gabriella Stigliano, in Poesie (Poesie d'Autore)

IL SALICE

Io crebbi in un silenzio arabescato,
in un'ariosa stanza del nuovo secolo.
Non mi era cara la voce dell'uomo,
ma comprendevo quella del vento.
Amavo la lappola e l'ortica,
e più di ogni altro un salice d'argento.
Riconoscente, lui visse con me
la vita intera, alitando di sogni
con i rami piangenti la mia insonnia.
Strana cosa, ora gli sopravvivo.
Lì sporge il ceppo, e con voci estranee
parlano di qualcosa gli altri salici
sotto quel cielo, sotto il nostro cielo.
Io taccio... come se fosse morto un fratello.

Fai pubblicità su questo sito »