Questo sito contribuisce alla audience di

Sono sempre stata un po' estremista, passando da un opposto all'altro.
In tempi non sospetti, non sarei mai riuscita ad immaginarmi con qualcuno accanto.
Ora non riesco ad immaginarmi senza, invece.
Non senza te, almeno.
Che, giorno dopo giorno, a piccoli passi, e con una semplicità disarmante... [continua a leggere »]
Samantha Avvelenata
Composto giovedì 9 ottobre 2014
Vota il racconto: Commenta
    Quando sono tornata da quella breve fuga, avrei dovuto dirtelo subito.
    Senza esitazioni, senza timori.
    Avrei dovuto dirtelo che ero tornata per te.
    Perché mi mancavi, perché nonostante il poco tempo passato insieme mi era già difficile starti lontano, non pensarti, non cercarti in ogni dove... [continua a leggere »]
    Samantha Avvelenata
    Vota il racconto: Commenta
      Facciamo conto che io ora cominci a fregarmene di determinate situazioni.
      Facciamo conto che io cominci a prendere le distanze da tutto quello che cerca di ferirmi.
      Facciamo conto che io metta davanti a tutto la mia persona, cominciando ad ignorare ciò che mi crea malessere.
      Facciamo conto che... [continua a leggere »]
      Samantha Avvelenata
      Vota il racconto: Commenta
        Non ne sono in grado, davvero.
        Di amarti come magari ti meriteresti e preferiresti, in quel modo così scanzonato, leggero, senza pensieri.
        Non sono in grado di liberare la mente da tutte le paranoie che l'affollano da quando sono con te, e lasciare che si riempia solo della tua persona.
        Non sono... [continua a leggere »]
        Samantha Avvelenata
        Vota il racconto: Commenta
          Non me la spiego sta sorta di legge causa-effetto al contrario.

          Non mi spiego come mai le persone che poi ti pugnalano alle spalle si rivelino sempre quelle che ti sono più vicine, quelle che ti conoscono meglio.
          Non me lo spiego, davvero, come sia possibile che più fiducia elargisci, più in... [continua a leggere »]
          Samantha Avvelenata
          Vota il racconto: Commenta
            Forse, come dice qualcuno, è vero che le persone non cambiano ma si rivelano. Il punto è che io a questo tipo di rivelazioni non sono mai preparata. Sarà che scoprire di aver donato affetto, fiducia e stima, a chi invece meritava solo sprangate nei denti non è mai facile. Un po' come pagare con... [continua a leggere »]
            Samantha Avvelenata
            Vota il racconto: Commenta
              Non li capirò mai quei soggetti che, siccome hanno discusso con te, poi sentono l'esigenza di farti il vuoto intorno, a cominciare dalle amicizie che si hanno in comune. Discutere, scannarsi, avere opinioni o intenti diversi, non autorizza nessuno a tentare di fare terra bruciata dei vostri... [continua a leggere »]
              Samantha Avvelenata
              Vota il racconto: Commenta
                Basta avere qualcosa da dire. E non importa se questo qualcosa è originale o riciclato. Se non hai qualcosa da dire, un pensiero da esprimere, un'emozione da esternare, sembra quasi tu non sia nessuno. Per una come me, che esterna poco e col contagocce, è un bel problema. Perché poi quando mi... [continua a leggere »]
                Samantha Avvelenata
                Vota il racconto: Commenta
                  Buongiorno. Stamattina, siccome sono ispirata, mi sento di fare un ringraziamento particolare. Ringrazio tutti quelli che sono entrati nella mia vita, stravolgendomela con false promesse e patetiche frasi fatte su amore, sentimenti ed amicizia e poi sono scappati via come ladri. O come i... [continua a leggere »]
                  Samantha Avvelenata
                  Vota il racconto: Commenta
                    Ho scelto la persona sbagliata al momento giusto. Tutto per cercare di dimenticare te, che sei stato la persona giusta ma al momento sbagliato. O forse erano le mie aspettative ad essere sbagliate. Le aspettative sono quelle cose che si alimentano coi gratuiti sogni, le facili promesse, le belle... [continua a leggere »]
                    Samantha Avvelenata
                    Vota il racconto: Commenta