Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: ametista

Il traduttore simultaneo

Lo scrivere per me è una sorta di rifugio e di salvezza è come se nel buttare nero su bianco riuscissi a trovare la soluzione a ciò che mi angustia e a vedere con più chiarezza la strada da seguire per risolvere o perlomeno imparare a convivere con il problema che si ha. Se proprio non si può... [continua a leggere »]
Ornella Casini
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: ametista

    L'amore e il mistero

    Quante volte mi sono chiesta, ma cos'è l'amore? Questo enorme e incomprensibile mistero. E cos'è il mistero? Il dizionario dice: il mistero è tutto ciò che non si riesce a spiegare o che è tenuto nascosto, insieme ad un altra spiegazione, che è una verità che l'intelligenza umana non può... [continua a leggere »]
    Ornella Casini
    Composto lunedì 14 settembre 2009
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: ametista

      L'attesa

      Quante volte, nel corso dell'esistenza ci siamo trovati ad attendere un qualcosa? Infinite. Dalle cose più banali, come un treno o un autobus per spostarsi da un luogo ad un altro, alle più importanti per la nostra vita, come la risposta a un colloquio di lavoro, necessario per la sopravvivenza... [continua a leggere »]
      Ornella Casini
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: ametista

        L'incontro

        Un giorno ho incontrato l'Amore.
        Mi sono fermata a parlare con lui e gli ho chiesto per quale motivo fosse stato così crudele con me. Perché mi aveva fatto innamorare di chi non mi aveva poi voluta?
        Perché mi aveva fatto sentire una perdente nel grande gioco della vita?
        Lui mi ha risposto così... [continua a leggere »]
        Ornella Casini
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: ametista

          La lettera

          Il freddo pungente di quella mattina fece rabbrividire Giulia che si strinse infreddolita nel suo cappotto, oramai aveva deciso, ma doveva fare ancora un ultima cosa, erano amici da anni e lui si meritava almeno questo. Aprì la borsa con mani tremanti e rilesse quello che aveva scritto quella... [continua a leggere »]
          Ornella Casini
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: ametista

            La passeggiata serale

            La sera stava finalmente arrivando, Frank quando se ne rese conto, cominciò a prepararsi. Era ormai un rituale che si ripeteva da anni, sempre lo stesso, nella stessa maniera. Qualcuno avrebbe pensato che fosse una noiosa routine, ma per lui era invece una sicurezza, una cosa che lo rendeva... [continua a leggere »]
            Ornella Casini
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: ametista

              La scelta

              Oramai erano giorni che ci pensava, che valutava i pro e i contro delle varie situazioni, mentre lui continuava a chiederle... allora non mi sai dire ancora niente?... e lei tergiversava, cambiava argomento, trovava mille espedienti per non parlargli
              Ciò che le dilaniava il cuore e l'anima era... [continua a leggere »]
              Ornella Casini
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: ametista

                La tua pelle

                Il sole filtra dalla serranda abbassata, illuminando il letto sfatto. Le lenzuola azzurro pallido, mi avvolgono. Lentamente volgo lo sguardo su di te, mi rigiro e abbracciando il mio cuscino, scoglio di salvezza di questo mare agitato, ti guardo dormire. Come sempre, come la prima volta, come se... [continua a leggere »]
                Ornella Casini
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: ametista

                  Lettera a Dio

                  Come si può pensare di scrivere una lettera a Te? Come si può credere che sia possibile che Tu possa leggerla? E soprattutto a chi mi rivolgo? Quale è il tuo nome? Chi ti ha messo sulla mia strada? Il nascere in un paese, rispetto ad un altro, mi ha permesso di chiamarti, mio Dio, altrimenti ti... [continua a leggere »]
                  Ornella Casini
                  Vota il racconto: Commenta