Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerardo Migliaccio

Pullcenell (Pulcinella)

A' maschera mia,  è quella che non fa male a nisciun, e ....
e dice sempre a verità!
Dice o buon e o malamente,
ma soprattutto, dice e cos over!
e già ...  ma si dic na cose over
o dice pazziann!
Eh si ...
O dice pazzianne e rirenne ...

Ma ... attenzione eh , attenzione!
si dice na cosa favez!
Chiagne,  chiagne ... chiagne ...
Ma a maschera nun o'fa vedè,
{Pausa)
Pullecenell  chiagne dint a l'anima soia ...

Eh ehh ! ...
ma tu...  
( rivolgendo lo sguardo al poster del politico di turno, stampato sul dispenser)

omm e sul chiacchiere!
Canarino abbellito da piume favez!
Oratore  o cantatore da gaiola ...
si a' gaiola!

Gabbia di un pappavall ventriloco che ripeto di pari  pari , tutto quello c di
e parla parla!
Tu ... che me dice?
Che me raccunte,
che ci vien a dicere ...
parl, parl  ...
Eh  ...
Ehh  ... (pausa )

senza accucchiá mai nient!
Chest sai fa,
parl parla e naccucchi mai nient,
(Rivolgersi al politico)
eh ...
cosa?
Che stai dicendo?
Ah ..
E Niente !
Cosa potevi rispondere?
NIENT,
Chest'è a vita toia!
... è na vit e nient!

E'vere'è!
To dich'io,
to dice pullecenell ...
Pechè devi sapere che,
ca niente, è tropp poco!
Cè sta sempe coccose a dicere,
So cose di Palazzo, so cose da salotto,
So cose e sotto o mazz!
( fare la mimica del lato B )
A poltrona  !

Viceversa ...chi nu parl ...  
sap, fa sul o fess,
O fess pe nu ghi a guerr!

Ma ce sta pur chill ca parl parl parl...
O' o dice  e s' arraggia ... parl  a ragion di causa ... sempre!
Giusto per dare credibilità di intento!
ma po!
Ma po,  nunn'accucchie mai nient ...
so sule
Chiacchera da e'pappon
Dicimm chiacchiere
Polichese .. chiacchiere sempe appese
( fare il gesto delle palle appese)
So chiacchiere sul per essere gentile!

Ma io dic ... nunnossaie e cose!
E allor statte zitt,  ca forse è meglio,
tu cu sta maschera ..
nu ce sai fa,
Te so legge nfaccia,
ca si nomme e nIent,
politico politichese ...
Tutte e pall e tenn appese
( mimica idem)

Sa, ca te dico?
tien a faccia favaz,  da mille lire,
E ne capit ancora,
ca si passat e mod,
Nu te riend cont
E che e perz o scuorn ,
Anzi ...
si addivintat pur vigliacco!
To fai mettere inde ... ( mimica del gesto )

A gent , o popol finalmente l'ha capito,
Va mandato a casa a tutte quant,
Siete solo Merceneri di parole ...
Puttanieri di bandiera,
( mimica,  alzare la tunica dal lato B )
E mo ... basta!
Basta e fernut a zizzenell,
( fare segni al seno)

Vi siete venduto tutto!
comme fann e tossici dipendenti ..
Trocat , siet trocate

Facitele n' atte e pentimento ...
Acciriteve   pe mane e e n'omme surrogato, o na femmen maschilizzata
Ca so credono pur loro  ... ca a maschera comma a mia,  nun serv chiu, ...
( levarsi la maschera di Pulcinella e dire) Gesu mio piensace tu!
(Aspettare il giudizio di Gesù)
A gia, hai ragion Gesù mio...

Pentitev, pentitrvi ...

fin quando siete ancora in tempo,
Vi siete venduto perfino e figli vuost ,
Il loro futuro, ait acciss e mamme voste , sule pe na mangiate e maccarune,
E mo ... .Basta, basta !
( rimettersi la maschera di Pulcinella)

mo servene gent oneste
Gente giovane, pulite e ca ..
..  soprattutto ... ten e pall
( fare il gesto delle palle e chuedere scusa )
Scusa eh Gesù!

sap buon cos'è, e cosa significa la parola dignità!
Onestà, trasparenza, partecipazione
Composta martedì 1 maggio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerardo Migliaccio

    O cammurrist e core

    E sentiment e nu cammurrist perbene , so chill senza ciel, e se veden, sul si te fai vulè bene allat.
    È comme si foss na femmene vizziat,
    ca chied all'ammor, lacrime di impotenza.

    Pecchè, di fronte a gent ca te tene ment,  Nisciun dice nient!
    Tutt, tutt quant, se sbatten per niente!

    E tu  o sai già, ca nun serve a niente
    Si  vuò essere rispettat!
    ia fa o malamente, sul accusi ponno capì,  sula accusi ponno patì ò sanghe,
    Ò sanghe chè iettate, è sangue amaro,

    Tutti hanna capi  che ò munn è spurche ...  e sentimenti songhe amar!  
    Oggi ò sentiment, o rispett è diventat sulamente un' ammor  latitante !

    Sta già ind'all'aria stu'presentimento,  
    oh Sient già,
    ca sta venendo stu presentimento.

    Morte tuoia o vita mia,
    morta tuoia o morta'mia!

    Sai che tè dico?
    Oggi aggia'campà purì!
    Composta venerdì 25 marzo 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerardo Migliaccio
      Quand a' cipolla se sfoglia,(capa) ce sta poc a fa...
      Ti appilå o' nas, e ai'aspettà co' fiet pass.
      AMMOR AMMOR SO LACRIME E CIPOLL

      Quando la cipolla si sfoglia, (testa) ci sta poco da fare...
      Ti devi otturare il naso, e devi aspettare che la puzza passi
      AMORE AMORE sono solo LACRIME di cipolla
      Composta venerdì 9 marzo 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerardo Migliaccio

        Suonate campane è festa dell'animazione

        Nel volo verso Dio
        la colomba porta con se le anime
        innocenti di giovani vite volate via
        i bambini uomini del futuro
        navigano nel vento
        sono angeli che volano su di noi
        come delle colombe si fermano sui campanili
        ciechi noi uomini
        stiamo seccando il pozzo della vita
        l'acqua delle vigne e dell'ulivo secolare
        seccheranno o sbocceranno altri fiori
        nasceranno nuovi frutti ed altre anime
        ci saranno altri bambini abbandonati oppure accuditi
        ci saranno mamme che combattono ancora a nude mani
        ci saranno mamme che proteggono con nude mani
        ci saranno padri che ammazzano per mera vigliaccheria
        ci saranno padri che stupreranno per vile passione
        ci saranno lacrime di gioia o lacrime di dolore
        o colombe anime di pace
        volate sui campanili delle chiese di tutto il mondo
        angeli dalle ali di cristallo
        anime innocenti
        azionate le sirene
        fate suonare le campane
        lanciate l'allarme per la vita
        suonate ogni giorno ad una certa ora
        suonate nell'ora dell'alba
        suonate all'inizio del giorno
        suonate per l'inizio del bene e dell'amore
        campane di tutto il mondo suonate a festa
        feste delle anime nostre che portano con se
        le sventure del mondo
        campane fate volare le colombe
        con un messaggio di vita
        entrino nelle anime dei vivi
        suonate! Suonate.
        Composta venerdì 1 febbraio 2008
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerardo Migliaccio
          È venute nat'ù Natale!
          È qunt'è belle ò Natale!
          È nato stu bambiniello,
          è Nat natavote,
          è nat ancor sempe chiù belle
          stu bambinielle piccirillo,
          porta a pace dint'e case,
          l'ammore per il prossimo,
          a cumpagnia per chi sta sul,
          a gioia per chi sta triste,
          ò calore per chi sente fridde,
          na speranza pe chi soffre,
          pietà per chi è assatanato,
          perdono per chi a fatt o mal.

          Unisce e famiglie sparpagliate,
          sana l'anime incazzate
          e ferite de core strutt
          insomma! Aregna a case e tante belle cose.
          Sotta st'albere e Natale 'nzieme à stu bambiniello ce stanne tutte sti belle cose,
          chiste songhe e regale cà ce fa stu bell'bambiniello!
          Regali bell'assai, che ci porta ogni anno è!
          E ce li porta, da ben 2013 anni a tutti noi!
          E noi?
          Noi che ci portiamo a stu bambiniello sotto all'albero?
          Noi che portiamo? Né!
          Oro, ngineze e mirra? Comme e re maggi ne!

          Oro? Manch è cane! Ma addosta sta, sta ricchezza?
          Ò munne è chine e miseria e poverta!
          La miseria e à famme ci assale a noi del popolo,
          cè stanne solo pochi avidi possidenti.

          Ncienze? Manco allo dicere chianu chianu!
          Ò ncienze alluntanasse o male dei popoli e dè spirite maligne e
          tutte l'odio do munne.
          Cà ce stanne... solo guerre, odio, morti, orrori di popoli e malefiche jettature.

          E à Mirra? À Mirra a che serve? Eh! Eh! E nu se sap!
          Olio di resina di arbusti, un olio che serve per ungere i morti,
          tutti quanti dobbiamo andare o munne a verità!

          Ma fa cà forse o bambine vulesse nu regal bell'assaie?

          Forse isse vurria ca quando nasce nu bambiniello in ogni parte del mondo, nasce comme lui - povero ma ricco di valori,
          e che s'abbracciasse a croce comm'a isse!
          Nu bambino che si sacrifica per noi tutti, po o'popolo!

          E tutti noi che faccimme? Siamo in attesa della redenzione,
          aspettiamo la rivoluzione, magari aspettam o giudizio universale!

          Noo! Niente facimme e tutte chest!, pe cagnà stu munne e merd!

          Ma i'dico... qunt'è! Cà a chistu povero Cristo accise e mise ncroce o facimme scenndere a faccia a sta croce?

          Forse è chist'ò regale ca isse vo!

          Scinne Padr'Eterno!
          Oggi facimme feste... cu te!



          E arrivato un altro Natale!
          E quanto è bello il Natale,
          è nato il bambinello
          è nato un'altra volta
          è nato ancora sempre più bello,
          questo bambino piccolino,
          porta la pace nelle case,
          l'amore per il Prossimo,
          la compagnia per chi è solo,
          la gioia per chi è triste,
          il calore per chi sente freddo,
          una speranza per chi soffre,
          pietà per chi è assatanato
          perdono per chi ha fatto del male

          Unisce le famiglie disgiunte
          sana le anime incazzate (arrabbiate)
          e le ferite dei cuori infranti
          insomma! Riempie le case di tant'allegria e belle cose,
          Sotto a quest'albero di Natale insieme a questo bambinello ci stanno tutte queste bellissime cose,
          Questi sono tutti i regali che ci fa questo bel bambinello
          Regali molto belli, che ci porta ogni anno, si!
          E ce li porta, da ben 2013 anni a tutti noi!
          E noi?
          Noi che ci portiamo a questo bambiniello sotto all'albero?
          Noi che portiamo? Eh!
          Oro, icenzo e mirra? Come i re maggi, eh!

          Oro? Nemmeno ai cani! Ma dove sta tutta questa ricchezza?
          Il mondo purtroppo e pieno di miseria e povertà!
          La miseria e la fame purtroppo a noi del popolo, ci assale!
          Ci sono solo pochi avidi possidenti,

          Incenzo? Nemmeno a dirlo sottovoce!
          L'incenzo allontanerebbe il male dei popoli, degli spiriti maligni ed anche tutto l'odio dal mondo
          Purtroppo qui ci sono solo guerre, odio, morti, orrori di popoli e malefiche sventure

          E la Mirra? La Mirra a cosa serve? Eh! Eh! E non si sà!
          Olio di resina di arbusti, un olio che serve per ungere i morti,
          tutti quanti dobbiamo andare nell aldilà!

          Ma vuoi vedere che forse il bambinello vorrebbe un altro regalo, molto bello?

          Forse - credo - vorrebbe che quando nasce un nuovo bambinello in ogni parte del mondo, nascesse come lui - povero si, ma ricco di Valori!

          Vorrebbe che si abbracciasse la croce come ha fatto lui!
          Cioè un bambino che si sacrifica per noi tutti - per il popolo!

          E tutti noi che cosa facciamo? Siamo in attesa della redenzione,
          aspettiamo la rivoluzione, magari aspettiamo il giudizio universale!

          Noo! Niente di tutto questo! Per cambiare questo mondo di merda!

          Ma io dico... qunt'è che la smettiamo? Quant'è che a questo povero Cristo, ucciso e nesso in croce, lo facimmo scendere da sopra a questa croce?

          Forse è questo il regalo che lui vorrebbe!

          Scendi Padre Eterno!
          Oggi facciamo festa insieme a te!
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gerardo Migliaccio

            Voglia di montagna

            Verdi colline ed irte montagne
            echeggiano in un sibillino vento
            fischiando tra rami e foglie
            fiori e foglie in festa di colori
            uccelletto ancora infreddolito dalla notte
            svolazzi tra alberi mezzi spogli e seducenti
            scintille di stelle cadenti in fiocchi di neve
            che ricroprono i tetti rurali di case accaldate
            da ceppi ardenti e di camini sempre accesi
            falco, rapace affamato di libertà e
            lo stambecco azzoccola la nuda roccia
            la capra di montagna belle da mungere
            come il din don dei campanacci delle mucche
            e tutta una musica armonica
            che ti colpisce dentro nell'anima
            c'è un inconscio desiderio di scoperta
            c'è un intimo desiderio di vivere
            c'è un irrefrenabile voglia d'avventura
            senti sulla pelle il brivido sentore
            che ti prende come un ululo di lupo
            che ti senti dentro quando cammini tra il bosco
            un urlo di natura
            un urlo di istinto umano.
            Composta sabato 15 febbraio 2014
            Vota la poesia: Commenta